Spondilosi cervicale: sintomi e trattamenti naturali

· 11 marzo 2017
La spondilosi cervicale è quel dolore al collo che può condizionare significativamente la vita di una persona. Ci sono diversi rimedi naturali che possono aiutare ad alleviarne i sintomi

La spondilosi cervicale, o osteoartrite del collo, può dipendere da molti fattori. In generale, però, si tratta di un processo molto comune legato all’invecchiamento.

La colonna vertebrale è una struttura meravigliosamente complessa. Le vertebre cervicali, ad esempio, formano un insieme il cui equilibrio e la cui resistenza risentono in maniera diretta delle posture scorrette, dei movimenti bruschi e poco armoniosi o del semplice passare del tempo.

È altrettanto importante sapere che con il progredire della spondilosi cervicale, il dolore può estendersi fino alle braccia e alle gambe.

Se è il vostro caso, quindi se avvertite un dolore continuo in prossimità della zona cervicale, è necessario che consultiate il medico e un buon fisioterapista per adottare strategie efficaci nella vita di tutti i giorni.

Noi di Vivere più Sani vi invitiamo ad approfondire questa condizione muscolo-scheletrica e a scoprire i trattamenti naturali associati a questo problema così comune tra la popolazione anziana.

Spondilosi cervicale: cos’è e come si manifesta

Che cos’è la spondilosi cervicale?

La spondilosi cervicale è una forma di artrite che interessa le vertebre del collo.

Stiamo parlando di una degenerazione delle articolazioni del collo che di solito ha inizio intorno ai 40 anni e che si intensifica dopo i 60 anni.

Quali sono le cause?

Per quanto possa sembrare curioso, l’origine della spondilosi cervicale non è l’usura delle vertebre o delle cartilagini di questa parte del collo.

Scoprite anche: 7 consigli per proteggere le ossa e prevenire l’osteoporosi

La radice del problema è la degenerazione degli stessi dischi articolari: si perde elasticità non essendoci acqua per idratarli, per mantenerli forti e flessibili..

Come vi abbiamo anticipato, è comune che la spondilosi cervicale compaia in età adulta. Tuttavia, ci sono casi di bambini e giovani colpiti da artrite che presentano questa condizione.

La mancanza di “umidità” determina un appiattimento o collasso dei dischi articolari. Man mano che la pressione aumenta, le articolazioni cedono, si sfregano ed insorgono il dolore, l’infiammazione e la rigidità del collo che possono comportare nausea e vertigini.

D’altra parte, un aspetto necessario che vale la pensa conoscere è che se la spondilosi cervicale diventa cronica, potrebbe comparire una protuberanza o osteofita. Questa escrescenza opprime lo spazio destinato ai nervi di questa zona, di conseguenza il dolore aumenta.

Quali sono i sintomi caratteristici?

  • Il sintomo più evidente è il dolore e la rigidità del collo: guidare, leggere o anche abbassare la testa per controllare i messaggi del telefono può provocare dolori cervicali o vertigini.
  • Il dolore in molti casi può estendersi fino alle estremità: è comune manifestare intorpidimento e debolezza nelle braccia, nelle mani, nelle dita.
  • Può comparire anche mal di testa.
  • Ci sono persone che hanno capogiri, perdono l’equilibrio e cadono.
  • Un altro dettaglio particolare è la sensazione di sentire certi “suoni” interni, come se “scricchiolasse” qualcosa nel collo.

Trattamenti naturali per alleviare i sintomi della spondilosi cervicale

Trattamento freddo-caldo

Un metodo semplice per ridurre il dolore associato alla spondilosi cervicale è l’uso di impacchi caldi o freddi.

  • Vanno applicati in maniera alternata sul collo e sulle spalle.
  • Gli impacchi caldi migliorano la circolazione sanguigna e rilassano i muscoli.
  • Gli impacchi freddi, invece, aiutano a ridurre l’infiammazione e il gonfiore.

Se la zona del collo è molto infiammata, bisogna evitare gli impacchi caldi.

Vi invitiamo a leggere anche: 8 alimenti ideali per ricostituire il collagene della pelle

Attività fisica leggera, quando possibile

Bisogna discuterne con il medico o con il fisioterapista, ma è necessario mantenere in movimento la colonna vertebrale e nello specifico la zona compresa tra il collo e le spalle.

Camminare, praticare yoga o nuoto sono le tre attività fisiche più indicate per migliorare la qualità di vita in caso di spondilosi cervicale.

La curcuma

La curcuma è un antinfiammatorio di origine naturale molto efficace. È molto utile per combattere il dolore alle articolazioni e per migliorare la circolazione sanguigna.

Inoltre, è indicato anche nei momenti in cui la spondilosi è accompagnata da rigidità del collo.

I semi di sesamo

I semi di sesamo sono ricchi di calcio, manganese, magnesio, zinco e rame. Se assunti regolarmente, rallentano l’usura delle articolazioni e mantengono flessibili le cartilagini.

Potete aggiungere i semi di sesamo all’insalata o farvi dei massaggi con olio di sesamo tiepido. Non dovrete far altro che versarlo su un panno e sfregarlo sulla nuca, sul collo e sulle spalle con movimenti circolari.

Prima di andare leggete anche: Tenosinovite: l’infiammazione delle mani o dei piedi che dovete conoscere

L’aceto di mele

L’aceto di mele ha meravigliose proprietà antinfiammatorie.

Se soffrite di spondilosi cervicale, troverete sollievo se inumidite un panno di cotone o un asciugamano con un po’ di aceto di mele.

Applicate il panno sul collo per un paio d’ore due volte al giorno. È importante che l’aceto di mele sia biologico e non filtrato (non quello che si acquista in commercio).

In conclusione, ricordate che questi rimedi naturali sono un aiuto parziale per alleviare il dolore.

Il parere del medico è fondamentale per evitare che questa condizione diventi cronica e comprometta la vostra qualità di vita.

Guarda anche