Stanchezza scolastica: come aiutare i figli?

· 8 Gennaio 2019
La stanchezza compromette il percorso scolastico dei bambini, così come la realizzazione delle varie attività. Questa condizione comprende molti fattori, genera demotivazione e impedisce di condurre uno studio efficace

La stanchezza scolastica è molto comune tra i bambini. Si tratta di una condizione di affaticamento di cui risentono a causa dei compiti e delle attività scolastiche.

La stanchezza scolastica ha diverse cause, tra cui il sonno, la noia, la debolezza fisica o il bullismo.

Questa condizione spesso è il motivo dello scarso rendimento scolastico dei bambini. Impedisce loro di concentrarsi, di prestare la dovuta attenzione a un determinato argomento o in generale in classe. Inoltre, può essere vincolata ad altri fenomeni quali depressione o ansia.

Al giorno d’oggi, la stanchezza scolastica è un problema che interessa moltissime famiglie. La dinamica e le responsabilità quotidiane possono avere un peso enorme. Se a questo si aggiungono le richieste della scuola, è chiaro che si delineano le condizioni favorevoli per ulteriori disturbi infantili.

Perché è importante combattere la stanchezza scolastica?

Mamma aiuta la figlia a fare i compiti

La stanchezza scolastica può costituire un problema serio. Un bambino stanco è un bambino che non affronterà un percorso scolastico soddisfacente. La frustrazione è un altro sentimento che potrebbe ostacolarne il rendimento.

Vi consigliamo di leggere anche: Gli effetti delle liti domestiche sui bambini

A volte le ragioni legate alla stanchezza scolastica non hanno a che fare unicamente con la scuola. I conflitti familiari possono far sentire il  bambino poco stimolato e motivato all’apprendimento e allo studio. In diversi casi, i bambini portano a scuola i problemi che hanno a casa.

Cosa fare in caso di stanchezza scolastica?

Esistono diversi modi per affrontare la stanchezza scolastica, tutti con il chiaro obiettivo di aiutare i bambini, contribuire alla loro formazione e garantire un apprendimento ottimale. Gli studi sono il passaporto che apre la strada al successo nella vita, non c’è alcun dubbio.

In quanto genitori, è importante tenere presente che non si può ignorare il problema. Si ha il compito di informarsi e interessarsi delle esperienze che i figli vivono a scuola. La stanchezza scolastica può essere difficile da individuare all’inizio. Tuttavia, se credete che i vostri figli possano soffrirne, vi daremo qualche consiglio per capire come combattere questa condizione.

Assicurarsi che il bambino riposi adeguatamente

Il riposo è un aspetto molto importante nello sviluppo dei bambini, anche per quanto riguarda la scuola. Le ore di riposo e di sonno sono determinanti per il loro percorso scolastico. Se i bambini non dormono bene, l’apprendimento, la concentrazione e il rendimento ne risentono in maniera significativa.

Gli specialisti raccomandano che i bambini in età scolare dormano dalle 8 alle 10 ore al giorno. Assicuratevi che i vostri figli riposino tra un’attività e l’altra. Il riposo è molto importante per chiunque ed è di grande beneficio per il percorso accademico dei più piccoli.

Si tratta, quindi, di un ottimo rimedio contro la stanchezza scolastica. I bambini, altrimenti, non rendono in alcuna attività e rischiano di sviluppare disturbi del sonno o insonnia.

Stimolare l’apprendimento in maniera sana

Un apprendimento efficace è di grande importanza per i bambini, che vanno stimolati in maniera sana, senza esagerare con le attività o i compiti. La scuola non deve diventare un’esperienza traumatica, dunque assicuratevi che i vostri figli imparino in base alle esigenze dei loro coetanei.

Verificate anche che gli insegnamenti che ricevono a scuola vadano a buon fine: i bambini non devono sentirsi frustrati o inferiori se non capiscono subito una cosa.

L’apprendimento non deve essere un processo stancante. I metodi di insegnamento e la pedagogia utilizzata dagli insegnanti dovrebbero essere efficaci in questo senso. Il rinforzo positivo, quindi, sarà fondamentale nell’ambito educativo.

Prendersi cura della salute dei propri figli

Mamma consola figlia che piange

L’apprendimento scolastico dei bambini va di pari passo con la loro buona salute fisica ed emotiva. È importante, quindi, fare attenzione ad aspetti rilevanti come l’alimentazione o l’igiene. Se necessario, rivolgetevi al medico. Assicuratevi che la stanchezza scolastica non sia legata a eventuali problemi di salute.

Se il bambino non è in buona salute o presenta una patologia, l’ideale è cercare di risolvere la situazione. Può succedere che sia il ritmo scolastico a far stancare e ammalare il piccolo. In questo caso, intervenite subito e non dimenticate che la salute viene prima di tutto.

Volete saperne di più? Leggete anche: Come capire se mio figlio è vittima di bullismo a scuola

Offrire motivazione e stimoli

La motivazione e gli stimoli sono molto utili per combattere la stanchezza scolastica. I bambini devono ricevere il vostro supporto nel corso del loro percorso scolastico. Cercate di motivarli il più possibile all’apprendimento e fate capire loro l’importanza della conoscenza e dello studio per il loro futuro.

Premiateli quando vanno bene a scuola. Meglio ancora, quando portano a termine un compito assegnato dall’insegnante. In definitiva, assicuratevi che i vostri figli percepisca no il vostro interesse per la loro preparazione e formazione scolastica.

Parlare con gli insegnanti

Chi meglio dei docenti può mettervi al corrente di quello che vivono i bambini a scuola? Una buona comunicazione con gli insegnanti è fondamentale per rimanere aggiornati sul rendimento e sul percorso scolastico dei figli.

Comunicare è importante per capire e risolvere eventuali problemi del bambino in classe. Allo stesso tempo, vi suggeriamo caldamente di parlare con i vostri figli. Restate in contatto, scambiatevi idee e opinioni, parlate dei suoi sentimenti e preoccupazioni e soprattutto della sua vita a scuola.

Conclusioni

La stanchezza scolastica costituisce un disturbo che può causare diversi problemi ai bambini. L’apprendimento e il rendimento potrebbero risentirne. Assicuratevi dunque che il bambino si trovi bene a scuola, che riposi adeguatamente e che goda di buona salute.

È altrettanto fondamentale motivarlo di continuo. Non importa se non ottiene i voti migliori: potete incentivarlo a migliorare tutti i giorni. Fate in modo che si sforzi e si impegni per rendere la scuola un’esperienza positiva e che capisca quali sono le sue capacità.

Infine, siate partecipi della vita scolastica dei vostri figli. Parlate e interagite con gli insegnanti. Cercate di conoscere i compagni e gli amici. Assicuratevi che i bambini non abbiano altri problemi o siano vittime di bullismo.

L’ultima raccomandazione che facciamo è quella di rendere l’ambiente familiare il più armonioso ed equilibrato possibile e di non coinvolgere i figli nelle discussioni con il partner.

Guarda anche