Suicidio e pensieri suicidi: cause, sintomi e consigli

Riconoscere i pensieri suicidi e altri segnali precoci può aiutarci a prevenire il suicidio e salvare vite umane. Ti diciamo cosa bisogna sapere a riguardo.
Suicidio e pensieri suicidi: cause, sintomi e consigli
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2022

Il suicidio è una decisione tragica che molte persone prendono per disperazione, sofferenza e mancanza di speranza. Tuttavia, in un’ampia percentuale di casi, il suicidio può essere prevenuto se prestiamo la dovuta attenzione ai segnali premonitori, come i pensieri suicidi.

Ogni anno circa 700.000 persone si suicidano. Inoltre, molti altri cercano di porre fine alla propria vita o hanno pensieri suicidi.

Quest’ultimo è più specifico se parliamo della popolazione preadolescente, in cui le percentuali salgono al 18%. Alla luce di questi dati, la prevenzione è fondamentale. Per fare ciò, devi conoscere alcune informazioni che ti mostriamo di seguito.

Suicidio e pensieri suicidi

Il suicidio è definito come l’atto mediante il quale una persona provoca intenzionalmente la propria morte. Porre fine alla propria vita è un finale doloroso e drammatico, ma è solo la punta di un iceberg con molti altri termini correlati.

Tra i più rilevanti ci sono i pensieri suicidi. Questi comprendono tutte le idee relative al suicidio: da una semplice considerazione passeggera a una pianificazione dettagliata di come e quando.

Questi pensieri non portano necessariamente al suicidio in tutti i casi, ma sono un importante segnale di avvertimento che ci avverte di un problema di fondo che non possiamo ignorare. Pertanto, la persona con un’ideazione suicidaria dovrebbe intraprendere una serie di azioni per rimanere al sicuro.

Adolescente con pensieri suicidi.
L’ideazione suicidaria ha un alto tasso di prevalenza nella popolazione giovane.

Leggi anche: Importanza e consigli per parlare di suicidio

Sintomi rilevanti

La prevenzione è essenziale per porre fine all’alto numero di suicidi. A questo proposito, dobbiamo conoscere i principali segnali che indicano che una persona potrebbe pensare di porre fine alla propria vita.

Tra i più frequenti ci sono:

  • Parlare apertamente di suicidio. Esprimere il desiderio di porre fine alla propria vita, di smettere di soffrire o di non essere mai nati. Inviare messaggi simili anche attraverso i social network.
  • Dire addio alle persone più vicine come se non dovessi vederle mai più.
  • Mettere in ordine i tuoi affari. Fare testamento o regalare beni.
  • Mostrare uno stato d’animo di profonda tristezza e disperazione. Possono manifestarsi sentimenti di colpa e inutilità.
  • Apatia e perdita di interesse per attività che prima erano gratificanti. Potrebbe esserci una tendenza a isolarsi socialmente.
  • Impegnarsi in comportamenti rischiosi (come l’uso di sostanze stupefacenti o la guida spericolata). O, al contrario, rifiutarsi di svolgere le attività di sopravvivenza di base (mangiare, assumere farmaci).

Cause e fattori di rischio

Quando parliamo di suicidio e di pensieri suicidi non possiamo occuparci di una singola causa. In realtà convergono fattori biologici, psicologici e sociali che possono innescare questo tipo di idee e impulsi.

Tuttavia, ecco alcune delle principali cause e fattori di rischio:

  • Affrontare situazioni di vita molto stressanti. Ad esempio, la perdita di una persona cara, una malattia cronica o un licenziamento che ti lascia in una pessima situazione economica.
  • Mancanza di risorse per affrontare i pensieri suicidi. Ciò porta a percepire la situazione come disperata e senza una possibile soluzione in futuro.
  • Mancanza di una rete di supporto. Non avere persone vicine che forniscono relazioni significative aumenta notevolmente il rischio.
  • Avere determinati disturbi psicologici, come depressione, disturbo bipolare, schizofrenia o disturbo borderline di personalità.
  • Soffrire di alcolismo o abuso di sostanze.
  • Subire o aver subito abusi, molestie o discriminazioni.
  • Avere una storia personale o familiare di tentato suicidio.
  • Mancanza di scopo e sensazione che la vita non abbia più significato.
Alcolismo e suicidio.
C’è una relazione tra l’uso di sostanze che creano dipendenza e il suicidio. Sia come via di fuga che come fattore di rischio.

Suggerimenti per affrontare i pensieri suicidi

Sebbene i pensieri suicidi non implichino che l’atto sarà consumato, sono un segnale importante da tenere in considerazione. Questi pensieri possono sorgere in situazioni di grande stress e dolore emotivo, proponendo di porre fine alla vita come l’unica via d’uscita praticabile.

Ma possono anche verificarsi inaspettatamente e sotto forma di impulsi. Paradossalmente, questo può accadere a causa dell’assunzione di farmaci antidepressivi, in alcuni casi.

Indipendentemente dalla situazione, se stai sperimentando pensieri suicidi, è importante adottare misure per mantenerti al sicuro, come le seguenti:

  • Ricorda che emozioni sono temporanee e fugaci: non prendere decisioni drastiche o optare per “soluzioni” irreversibili. Impegnati a controllare l’impulso e a darti il tempo di riflettere e cercare aiuto.
  • Evita di assumere droghe e alcol: queste sostanze possono aumentare i pensieri suicidi. Se prendi farmaci psichiatrici e ritieni che siano correlati, consulta immediatamente il medico.
  • Assicurati che i tuoi spazi siano al sicuro: sbarazzati di tutti quegli elementi pericolosi con cui puoi mettere a rischio la tua vita. Ad esempio, coltelli o pillole.
  • Esprimi te stesso: comunica ciò che senti e ciò che stai pensando a una persona di fiducia nel tuo ambiente. Esprimendo queste idee, sentirai di avere di nuovo un certo controllo su di esse. Inoltre, aprirai la possibilità di ricevere supporto dall’estero.
  • Cerca un aiuto professionale: chiamando una linea di supporto o rivolgendoti a psichiatri e psicologi specializzati. Anche se ti senti meglio e i pensieri si sono calmati, è importante non ignorarlo.

Queste stesse raccomandazioni devono essere seguite se è un’altra persona (un familiare o qualcuno vicino) che ha questi pensieri suicidi. Mantenere lo spazio sicuro, consentire un’espressione emotiva aperta, offrire supporto e cercare una guida professionale sono chiavi essenziali per la prevenzione.

Potrebbe interessarti ...
Settembre Giallo: un’iniziativa per prevenire il suicidio
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Settembre Giallo: un’iniziativa per prevenire il suicidio

Settembre Giallo è un'iniziativa per prevenire il suicidio. Ogni anno più di 700.000 persone decidono di togliersi la vita.