Supposte di glicerina, un aiuto occasionale

10 Settembre 2020
Le supposte di glicerina sono indicate per calmare i sintomi della stitichezza occasionale negli adulti e negli adolescenti a partire dai 12 anni di età. 

Le supposte di glicerina vengono impiegate per risolvere episodi di stitichezza occasionale. Sono ideali perché agiscono in modo rapido e diretto.

Il glicerolo è il principio attivo delle supposte di glicerina ed è una sostanza che esercita un’azione lassativa se somministrata per via rettale. Questo effetto si ottiene perché la supposta ammorbidisce le feci e produce un lieve effetto irritante locale stimolando la peristalsi intestinale.

Come agiscono le supposte di glicerina?

L’effetto delle supposte di glicerina è dovuto a un doppio meccanismo d’azione:

  • Effetto irritante locale sulla mucosa rettale (l’effetto irritante non influisce sulle pareti intestinali): il retto si contrae favorendo l’espulsione delle feci.
  • Effetto osmotico: il glicerolo assorbe l’acqua che, inseme all’effetto lubrificante, ammorbidisce le feci e ne facilita l’espulsione.

L’azione avviene dai 15 minuti a un’ora dopo l’applicazione. Il glicerolo non viene assorbito ed è quasi interamente eliminato attraverso le feci.

Donna seduta sul wc con dolore addominale.

Indicazioni

L’uso delle supposte di glicerina è indicato per calmare la stipsi occasionale negli adulti.

Cos’è la stitichezza?

Si parla di stitichezza quando la frequenza delle evacuazioni diminuisce. È il sintomo di un rallentamento del transito intestinale.

Colpisce più le donne che gli uomini, in particolare nella fascia di età compresa tra i 20 e i 35 anni, ma anche a partire dai 60 anni. A seconda della durata, la stitichezza può essere classificata in due tipi: 

  • Occasionale: la sua origine può risiedere in un cambiamento nella dieta, uno scarso consumo di acqua, mancanza di esercizio fisico, assunzione di determinati farmaci o lo stress.
  • Cronica: per essere considerata cronica, la stipsi deve durare almeno tre mesi.

La stitichezza cronica può essere legata a situazioni simili a quelle della stitichezza occasionale, ma di più lunga durata. Altre volte, invece, può essere la conseguenza di un problema digestivo o di una patologia.

Potrebbe interessarvi anche: Bambini con stitichezza: i cibi più adatti

Le supposte di glicerina hanno effetti indesiderati?

Radiografia dell'intestino.

Un uso continuato o eccessivo di supposte di glicerina può causare la sindrome del colon irritabile. Oltre a ciò, è possibile accusare sintomi quali prurito, bruciore o irritazione nella zona rettale.

L’uso delle supposte di glicerina è controindicato se si è allergici al glicerolo. Sono da evitare in caso di emorroidi, sintomi di occlusione intestinale, appendicite o altre malattie dell’intestino.

Quali vantaggi offrono e qual è la dose giusta?

I principali vantaggi offerti dalle supposte di glicerina sono tre:

  • Sollievo dalla stitichezza occasionale.
  • Rapidità d’azione.
  • Azione locale.

La dose abituale per l’adulto è di una supposta al giorno; questa soluzione non è indicata per i trattamenti che superino i 7 giorni consecutivi.

Leggete anche: La stitichezza cronica: 5 consigli per vivere meglio

Controindicazioni

Le supposte di glicerina sono controindicate nei seguenti casi:

  • Ipersensibilità a uno qualsiasi dei loro componenti.
  • Dolore addominale di origine sconosciuta: non bisogna ricorrere alle supposte finché non si conosce la causa del dolore. L’utilizzo di lassativi in questi casi potrebbe nascondere una patologia sottostante.
  • Condizioni che stimolano la peristalsi intestinale.

Le supposte di glicerina rappresentano solo un aiuto occasionale

Le supposte di glicerina permettono di calmare in modo rapido e diretto la stipsi occasionale. Ciononostante, prima di iniziare un trattamento per la stitichezza, è bene provare ad alleviarla modificando le abitudini quotidiane.

Non bisogna dimenticare che le supposte non risolvono la causa della stitichezza, bensì agiscono solo sui sintomi. Per questo motivo non esitate a consultare il medico se il disturbo diventa cronico.

  • Buitrago Navarro, J., Albendin Garcia, L., Toledo Calvo, L., & Martos García, R. (2015). ABORDAJE DEL ESTREÑIMIENTO EN LACTANTES POR PERSONAL DE ENFERMERÍA EN UN DCCU. Nutricion Clinica y Dietética Hospitalaria.

  • DE GRUCCI, J. L., & PEREZ, H. M. (1964). SUPOSITORIOS LAXANTES DE CONTACTO EN LA PREPARACION PARA RECTOSCOPIAS. La Semana Médica.

  • Farmacéutica. (2009). Farmacia Empresa Información de mercado MARIA-JOSEP DIVINS. 32 Farmacia Profesional.