Bambini con stitichezza: i cibi più adatti

21 Maggio 2020
La stitichezza nei bambini è fonte di preoccupazione. Per fortuna, nella maggior parte dei casi è possibile risolvere il problema apportando modifiche alla loro dieta. Quali sono i prodotti alimentari più adatti?

La stipsi è un problema di salute piuttosto comune, tanto che la percentuale di bambini con stitichezza è elevata. Questo problema può correggersi da sé con il tempo oppure può richiedere una dieta specifica.

A meno che non esista una patologia di base o una causa meccanica all’origine di questa condizione, in genere si tratta di una situazione risolvibile tramite una corretta alimentazione. Di conseguenza, è importante prestare attenzione alla dieta per evitare di dover procedere con trattamenti farmacologici.

Sebbene in alcuni casi sia strettamente necessario assumerli, lassativi e altri farmaci possono scatenare specifici effetti indesiderati sull’organismo, sovraccaricando il fegato e il suo metabolismo. Per questo motivo, qui di seguito vi presentiamo alcuni alimenti o strategie alimentari che possono essere utili nella prevenzione o nel trattamento della stitichezza nei bambini.

Prodotti alimentari per bambini con stitichezza

Quando i bambini sono stitici, è importante stabilire la gravità del problema. Prima di tutto, quindi, conviene rivolgersi al pediatra per ricevere una diagnosi. A partire da questo momento, il professionista stabilirà se è necessario sottoporre il bambino a trattamento farmacologico o se sarà sufficiente modificare la sua dieta.

Per fortuna, nella maggior parte dei casi si può intervenire mediante l’alimentazione, visto che molti prodotti alimentari stimolano la motilità intestinale e aiutano a trovare sollievo dal problema. Quali sono le migliori alternative?

Leggete anche: Dieta per la celiachia: quali alimenti evitare

Frutta

Uno dei nutrienti alla base del trattamento di questa patologia è la fibra. La frutta e la verdura sono ricchi di questa sostanza che permette di incrementare il volume di bolo fecale e, quindi, i movimenti peristalstici intestinali.

Esistono due tipi di fibre: quella solubile e quella insolubile. La prima permette di aumentare il volume di bolo mediante l’assorbimento di acqua. In tal modo, il passaggio nello stomaco è meccanicamente più veloce ed efficace. Inoltre, la consistenza delle feci migliora, in quanto ne riduce la durezza.

D’altro canto, dobbiamo dire che c’è una differenza sostanziale tra il consumo di frutta intera e sotto forma di frullati o di succhi. Con questa seconda opzione disperderemo parte della fibra del prodotto, rendendo inutile il trattamento contro la stitichezza.

Tazza con fragole
La frutta è grande alleata dei bambini che soffrono di stitichezza. Il suo apporto di fibre migliora la digestione. Inoltre, sono deliziose.

L’avena per i bambini con stitichezza

Nella categoria della fibra solubile, uno dei maggiori rappresentanti è l’avena. Questo tipo di fibra viene fermentata dall’intestino, producendo acidi grassi a catena corta. Queste sostanze sono antinfiammatorie e migliorano la composizione del microbiota.

Un microbiota sano assicura la corretta elaborazione dei nutrienti e uno scambio ottimale dei liquidi, il che previene la diarrea e la stitichezza. Le fibre dell’avena sono costituite principalmente da beta-glucano, componente a cui vengono associati alcuni benefici.

D’altro canto, vanta un effetto antinfiammatoria che deriva dalla sua fermentazione. Oltre a ciò, può persino regolare il profilo lipidico dell’individuo, riducendo leggermente i livelli di colesterolo LDL.

Grano duro

Oltre all’avena, anche altri cereali possono risultare interessanti per i bambini con stitichezza. È importante però optare per la variante integrale, anziché per quella raffinata.

Questi prodotti presentano un indice glicemico inferiore, il che è una buona notizia per la salute del pancreas e per la gestione o prevenzione del diabete. D’altra parte, contengono una quantità di fibre notevolmente maggiore, il che facilita il transito intestinale.

Yogurt bianco
Grazie al suo contenuto di probiotici, lo yogurt bianco è una buona soluzione per donare sollievo ai bambini con stitichezza.

Lo yogurt per la microflora

Consumare almeno uno yogurt al giorno migliora sensibilmente la salute della microflora e la sintomatologia dei bambini stitici. Questo alimento è ricco di probiotici, batteri vivi che colonizzano l’apparato digerente, producendo benefici per l’organismo ospite.

Così, una microflora in equilibrio garantisce il corretto scambio di liquidi e il corretto assorbimento dei nutrienti. Si formeranno di conseguenza feci dalla consistenza e dalla durezza adatte per una corretta evacuazione.

Bisogna consumare yogurt naturali con una ridotta quantità di zucchero. In questi ultimi anni sono comparsi numerosi prodotti a base di latticini troppo zuccherati. Questi rientrano nella categoria del prodotti raffinati e per questo bisogna limitarne il consumo.

Mangiare due yogurt naturali al giorno o latte fermentato è positivo per la salute intestinale e per prevenire problemi digestivi.

I bambini con stitichezza devono bere molta acqua

La fibra solubile non farà effetto se l’apporto di liquidi è insufficiente, motivo per cui si consiglia di bere almeno 2 litri di acqua al giorno. In tal modo garantiremo un bolo fecale delle giuste dimensioni, non troppo duro che potrebbe causare un blocco intestinale meccanico.

L’acqua, inoltre, è un elemento indispensabile per l’assorbimento e la ripartizione delle vitamine da parte dell’organismo. Si tratta di una componente fondamentale del sangue ed è presente in tutti i sistemi che compongono il corpo umano.

Potrebbe interessarvi anche: Intolleranze alimentari, quali sono le più comuni?

Come migliorare la stitichezza attraverso la dieta? Conclusioni

I migliori prodotti alimentari per i bambini con stitichezza sono quelli più ricchi di fibre. È necessario abbinare alimenti ricchi di fibre solubili a quelli che presentano fibre insolubili nella loro composizione. Bisogna quindi dare priorità al consumo di frutta e verdura e di cereali integrali.

In questo modo avremo la certezza che il volume di bolo fecale sarà adeguato e che la digestione avverrà senza complicazioni. È importante abbinarle al consumo di abbondante acqua, visto che molto spesso una delle principali cause di stitichezza è l’eccessiva durezza delle feci che ne rende difficile l’evacuazione.

  • Ho HV., Sivenpiper JL., Zurbau A., Blanco Mejia S., Jovanovski E., Au-Yeung F., Jenkins AL., Vuksan V., The effect of oat B-glucan on LDL-cholesterol, non HDL-cholesterol and apoB for CVD risk reduction: a systematic review and meta-analysis of randomised controlled trials.  Br J Nutr, 2016. 116 (8): 1369-1382.
  • Tabbers MM., Benninga MA., Constipatioin in children: fibre and probiotics. BMJ Clin Evid, 2015.
  • Xinias I, Mavroudi A. Constipation in Childhood. An update on evaluation and management. Hippokratia. 2015;19(1):11–19.
  • Levy EI, Lemmens R, Vandenplas Y, Devreker T. Functional constipation in children: challenges and solutions. Pediatric Health Med Ther. 2017;8:19–27. Published 2017 Mar 9. doi:10.2147/PHMT.S110940
  • Afzal NA, Tighe MP, Thomson MA. Constipation in children. Ital J Pediatr. 2011;37:28. Published 2011 Jun 13. doi:10.1186/1824-7288-37-28