Tendini e muscoli più forti con questi alimenti

16 Ottobre 2020
Siete soggetti a problemi a carico della massa magra? Vi interesserà sapere che esistono alcuni alimenti in grado di rendere tendini e muscoli più forti. Scoprite quali sono.

La dieta è determinante per resistenza e funzionalità muscolare. Con alcune modifiche all’alimentazione è possibile prevenire l’atrofia muscolare e migliorare il rendimento sportivo. In questo articolo presentiamo gli alimenti utili per avere tendini e muscoli più forti, così da inserirli nella dieta di tutti i giorni.

A prescindere che si faccia sport oppure no, bisogna garantire ogni giorno un adeguato nutrimento per ridurre il rischio di patologie. Un cattivo stato di salute è spesso associato a gravi patologie quali il cancro o le malattie cardiovascolari. Eppure, i disturbi muscolari hanno un impatto fortemente negativo sulla qualità della vita.

Alimenti che rendono tendini e muscoli più forti

Sono due i nutrienti essenziali per proteggere la salute della massa magra: proteine e vitamina C. Il giusto apporto proteico sembra essere il fattore chiave per la prevenzione di malattie come la sarcopenia, secondo quanto sostenuto da uno studio di ricerca pubblicato sulla rivista Nutrition Research.

D’altro canto, la vitamina C si è dimostrata fondamentale per garantire la sintesi endogena del collagene, la principale proteina del tessuto connettivo che ha il compito di apportare elasticità.

Per avere muscoli e tendini più forti, bisogna stimolare una maggiore produzione di collagene nell’organismo. Presentiamo a seguire i migliori alimenti per soddisfare questo fabbisogno nutrizionale.

Tessuto muscolare dell'essere umano.
Per rafforzare i muscoli, bisogna consumare alimenti che stimolino la produzione di collagene.

Pesce azzurro

Il pesce azzurro spicca per il suo contenuto di proteine a elevato valore biologico e di grassi sani. Anche questi ultimi assicurano tendini e muscoli più forti, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Mar Drugs. È inoltre importante assicurare un apporto regolare di omega 3, valido aiuto nella prevenzione delle malattie muscolari associate all’età.

Ricordate che il pesce azzurro contiene una percentuale maggiore di grassi. Specie come il salmone o il tonno sono ottimi rappresentanti di questo gruppo alimentare e dovrebbero essere presenti almeno 2 volte alla settimana in un piano alimentare bilanciato.

Per saperne di più: Olio di pesce: 5 benefici per la salute

Carni bianche

Le carni bianche contribuiscono a rafforzare tendini e muscoli. Si distinguono per il contenuto di proteine di qualità, nutrienti che contengono un’importante percentuale di leucina, amminoacido strettamente associato alla formazione della massa magra. Un regolare apporto dello stesso riduce il rischio di atrofia muscolare a lungo termine, secondo studi recenti.

In caso di lesione muscolare, è comune prescrivere un integratore di leucina per accelerare la convalescenza. Esistono persino dei preparati proteici contenenti dosi aggiuntive di amminoacidi, che andranno assunti sotto supervisione del professionista.

Potrebbe interessarvi anche: Consumo di carne durante la settimana

Fragole

Abbiamo già parlato dell’importanza della vitamina C per ottimizzare la sintesi del collagene. Le fragole sono alimenti a elevato contenuto di questo nutriente, per cui rafforzano tendini e muscoli.

Insieme agli agrumi, sono tra i frutti che più contengono questa vitamina. Anche il mango e la guaiava apportano questo micronutriente in abbondanza. Infine, possiamo garantire il consumo di vitamina C tramite broccoli e spinaci.

Uova

Anche se per molti anni il consumo di questo alimento veniva limitato a una porzione a settimana per il suo presunto rapporto con le malattie cardiovascolari, a oggi l’uovo gode di una fama migliore. Questo alimento non solo non nuoce alla salute, bensì la protegge.

Il suo contenuto di proteine di alta qualità è fondamentale per rendere tendini e muscoli più forti. Aumentare il consumo di uova aumenta la massa muscolare e riduce il rischio di lesione.

Uova dentro una ciotola.
Le uova sono non possono mancare nella dieta se desideriamo assicurarci il giusto apporto di proteine.

Esistono molti alimenti che rendono tendini e muscoli più forti

Possiamo rafforzare tendini e muscoli inserendo precisi alimenti in una dieta bilanciata e su misura. Le proteine e la vitamina C sono nutrienti fondamentali se lo scopo è garantire la salute della massa magra e ridurre il rischio di lesioni.

È altrettanto necessario limitare il consumo di determinati cibi che possono provocare l’effetto opposto. Tra questi ricordiamo i grassi trans, gli zuccheri semplici e alcuni additivi. Si consiglia di prediligere il consumo di alimenti freschi rispetto a quelli ultra processati, più scarsi dal punto di vista nutrizionale.

A ogni modo, se notate problemi a carico della massa magra e desiderate migliorare la dieta per risolvere o migliorare questa situazione non esitate a rivolgervi a uno specialista. Questi elaborerà un piano che si adatti alle vostre esigenze personali, riducendo il margine di errore.

  • Naseeb MA., Volpe SL., Protein and exsercise in the prevention of sarcopenia and aging. Nutr Res, 2017. 40: 1-20.
  • DePhillipo NN., Aman ZS., Kennedy MI., Begley JP., et al., Efficacy of vitamin C supplementation on collagen synthesis and oxidative stress after musculoskeletal injuries: a systematic review. Orthop J Sports Med, 2018.
  • Jeromson S., Gallagher IJ., Galloway SDR., Hamilton DL., Omega 3 fatty acids and skeletal muscle health. Mar Drugs, 2015. 13 (11): 6977-7004.
  • Zheng R., Huang S., Zhu J., Lin W., et al., Leucine attenuates muscle atrophy and autophagosome formation by activating PI3K/AKT/mTOR signaling pathway in rotator cuff tears. Cell Tissue Res, 2019. 378 (1): 113-125.
  • Villagrán, Marcelo, et al. “Una mirada actual de la vitamina C en salud y enfermedad.” Revista chilena de nutrición 46.6 (2019): 800-808.
  • López-Sobaler, Ana M., Aránzazu Aparicio Vizuete, and Rosa M. Ortega. “Papel del huevo en la dieta de deportistas y personas físicamente activas.” Nutrición Hospitalaria 34 (2017): 31-35.