Tipi di terreno e consigli per la coltivazione

Molte volte i risultati dei raccolti dipendono dal tipo di terreno. Risulta fondamentale, pertanto, conoscerne le caratteristiche e sapere come migliorarne le condizioni.
Tipi di terreno e consigli per la coltivazione

Ultimo aggiornamento: 25 agosto, 2021

Risulta essenziale conoscere il tipo di terreno a disposizione per chi sceglie di coltivare l’orto o il giardino. In questo articolo aiutiamo a distinguere i diversi tipi di terreno per il giardino alla luce delle loro caratteristiche.

Solo in questo modo potrete assicurarvi che sia quello giusto in base al clima e alle esigenze delle piante scelte. In generale, ogni terreno contiene particelle di roccia polverizzata, materia organica e acqua come componenti principali.

Tuttavia, esistono altri composti più specifici che rendono possibile la classificazione. Se volete approfondire l’argomento, diamo una serie di raccomandazioni per migliorare le condizioni e la crescita delle piante.

Quali sono i tipi di terreno per il giardino più comuni?

A seconda dell’area in cui ci si trova, la composizione del terreno può variare. In questo senso, per classificare ogni tipologia è necessario analizzare la quantità di materia organica, acqua o particelle di roccia.

Terreno argilloso

L’argilla è in grado di mantenere i nutrienti. Nei terreni in argilla le particelle di roccia sono piuttosto piccole, quindi è comune che si frantumino e che formino una palla compatta.

In questo caso il terreno è molto fertile, ma quando viene irrigato mostra una scarsa capacità di drenaggio. Ciò significa che quando ci si versa sopra dell’acqua, questa rimane in superficie. Di conseguenza, la pianta viene privata dei nutrienti necessari per poter crescere in condizioni ottimali.

Uno degli elementi che possono essere utilizzati per migliorare questo aspetto è il compost, ovvero fertilizzante organico.

In altre parole, dato che un terreno argilloso è soggetto a ristagno e compattazione, bisogna aggiungere della materia organica per migliorarne la struttura. Ecco tutti i vantaggi di un terreno argilloso:

  • Umido e fertile.
  • Adatto per la maggior parte delle piante.

Per quanto riguarda gli svantaggi:

  • È difficile da lavorare, pesante e persino appiccicoso.
  • Si tratta di un terreno freddo, quindi ci vuole del tempo prima che si riscaldi in primavera.
  • È incline alla compattazione.
  • Gode di scarso drenaggio.

Tipi di terreno: sabbioso

Il terreno sabbioso è uno dei più diffusi e si distingue per la presenza di rocce con dimensioni leggermente maggiori rispetto a quelle del terreno argilloso. Per riconoscerlo, è utile prendere una manciata e guardare le particelle di sporco scivolare tra le dita.

Per quanto riguarda le caratteristiche di questo terreno, ricordiamo che è permeabile e si asciuga in poco tempo. Ciò rende necessario annaffiarli frequentemente.

Quando si esegue questa azione, tuttavia, i nutrienti tendono a disperdersi. Per evitare ciò, si consiglia di aggiungere più materia organica e irrigare regolarmente.

Ad ogni modo, sebbene non sia così comune, è possibile coltivare delle piante resistenti alla siccità. Ad esempio, prati, piante grasse e alberi. I vantaggi dei terreni sabbiosi sono i seguenti:

  • Mostrano un buon drenaggio.
  • Sono facili da lavorare durante quasi tutti i periodi dell’anno.
  • Tendono a riscaldarsi rapidamente in primavera, il che incoraggia la crescita delle piante.

Per quanto riguarda gli svantaggi:

  • Sono inclini alla siccità.
  • I terreni sabbiosi sono poveri di nutrienti, quindi è necessario usare più materia organica.
  • Spesso hanno un pH acido.
Terreno con pietre.
I terreni sabbiosi e sassosi rendono difficile la coltivazione e sono poche le specie di piante che riescono a crescere su di essi.

Tipi di terreno: pietroso

Si distinguono per la presenza di pietre di diversi tipi e dimensioni. La presenza delle pietre indica che non hanno la capacità di trattenere l’acqua, quindi non sono raccomandati per l’agricoltura.

Un altro nome usato per questo tipo di terreno è appunto roccioso. Le formazioni hanno origine attraverso il raddoppio della superficie terrestre dovuto a fattori indotti meccanicamente oppure a eventi naturali.

È abbondante in molte parti del mondo, ma è difficile lavorarci, soprattutto nel caso delle piantagioni. Alcune delle colture coltivate in questo tipo di terreno sono achillea, calendula e lavanda. I vantaggi sono i seguenti:

  • Ideale per scopi decorativi.
  • Sono molto abbondanti in diverse parti del mondo.
  • Mostrano un buon drenaggio dell’acqua.

D’altra parte, tra i principali svantaggi è opportuno evidenziare quanto segue:

  • Le piante crescono con difficoltà.
  • Rendono impossibile il lavoro di scavo.
  • Richiedono lavori finalizzati al livellamento.

Tipi di terreno: calcareo

Un altro tipo di terreno da giardino con cui è difficile lavorare. Il fattore che influisce negativamente sulla coltivazione qui è che la materia organica tende a decomporsi a un ritmo molto accelerato.

Ciò significa che è essenziale aggiungere spesso abbondante materiale organico. Inoltre, bisogna essere molto generosi quando si nutre e si concima questo terreno.

Oltre a ciò, è comune che le piante che crescono in questo substrato abbiano foglie dall’aspetto giallastro. Se volete migliorare il loro aspetto dovrete realizzare una buona pacciamatura e annaffiarle bene. Inoltre, non dovrete dimenticare l’uso di materia organica insieme a un fertilizzante ad ampio spettro.

Le piante che crescono bene sui terreni di tipo calcareo sono garofani, clematidi, fiori di campo e altre piante resistenti alla siccità.

Per quanto riguarda i vantaggi principali vantaggi, lo strato superficiale è più o meno profondo e contiene materia organica; dunque può diventare un terreno fertile con l’aiuto necessario. Gli svantaggi più evidenti del terreno calcareo sono i seguenti:

  • È alcalino, il che lo rende inadatto alle piante con il pH acido.
  • Se poco profondo, è molto drenante.
  • Rapida perdita di nutrienti.

Terriccio

Alcuni lo chiamano anche terreno argilloso. Riesce a contenere le riserve di nutrienti e si distingue per l’abbondante disponibilità di acqua.

Nel momento in cui esaminiamo la terra e scopriamo che è di colore marrone scuro ed è friabile, significa che siamo in presenza di materia organica. Di conseguenza, i problemi per coltivare saranno pressoché nulli.

Nel terriccio possiamo trovare dei vermi nello strato superficiale. La loro presenza non è affatto negativa, anzi: producono degli scavi che migliorano la struttura del suolo. I vantaggi più importanti del terriccio sono i seguenti:

  • Permette di coltivare la maggior parte delle piante senza problemi.
  • Trattiene una grande quantità di acqua e sostanze nutritive.
  • Le piante che crescono in questo ambiente richiedono poco o nessun input aggiuntivo.

Lo svantaggio principale è che non è l’ideale per la crescita dei fiori di campo, poiché questi richiedono un terreno povero di nutrienti.

Come migliorare le condizioni del terreno del giardino?

Le caratteristiche del terreno sono determinanti per il pianeta, poiché da esse dipende la nascita di piante e cibo. Per questo motivo, negli anni, le persone hanno compiuto e stanno compiendo degli sforzi costanti per migliorarne la qualità. In questo senso, i campi da coltura devono rispettare determinati aspetti:

  • Godere dei nutrienti necessari affinché le piante crescano senza problemi.
  • Offrire il giusto supporto in modo che rimangano saldi.
  • Avere un buon drenaggio e quindi ridurre il liquido in eccesso.
  • Garantire aria e acqua sufficienti per le radici.

La capacità di coltivazione è condizionata dalla qualità del terreno in cui viene seminato. Da qui l’importanza che ogni agricoltore rigeneri o migliori le sue condizioni del terreno. Affinché possiamo farlo in modo efficiente, vale la pena prendere in considerazione alcuni dei seguenti punti.

Aggiungere il compost al terreno

Il compost è la materia organica responsabile del rilascio lento di sostanze nutritive nel terreno. Attraverso questa costante liberazione, la terra rimane nutrita e migliora con il passare dei giorni.

Uno dei principali vantaggi è che consente di utilizzare un’ampia varietà di rifiuti organici riciclati per la sua preparazione. Ciò si traduce in una riduzione delle spese.

Non dovrebbe includere rifiuti di origine animale, poiché possono causare infezioni e parassiti. Utilizzate invece altri elementi, come pezzi di legno, foglie secche, rami e residui vegetali.

Usare piante di copertura

Un buon metodo per rendere il terreno di qualità superiore è usare delle piante di copertura. Queste forniscono cibo e ombra, coprendo, proteggendo e nutrendo l’area per i raccolti futuri.

Il primo passo è identificare la terra che è deteriorata e piantare queste piante in modo che aumenti la fertilità. Le loro radici apriranno dei canali attraverso i quali l’acqua e l’ossigeno possono penetrare in superficie.

Una raccomandazione è quella di piantare piante di famiglie diverse per migliorare l’efficacia del processo. Inoltre, potete dividere lo spazio in due, in modo da destinare un’area per la produzione e un’altra per aumentare la fertilità.

Piante fitte.
Le piante di copertura aggiungono nutrimento al terreno del giardino.

Scegliere piante con radici profonde

Se non volete investire in fertilizzanti o non disponete del budget necessario, conviene ricorrere a piante con radici profonde. Grazie a esse, è più facile per i nutrienti entrare nel sottosuolo ed essere trasportati all’esterno.

Verificare il tipo di terreno

Una volta apprese le caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi dei vari tipi di terreno da giardino, è tempo di imparare ad esaminare il proprio.

Uno dei metodi più comuni per riconoscere il terreno del giardino è scavare dei pozzi di ispezione in diversi periodi dell’anno e in diverse aree. Attraverso questi buchi otterrete delle preziose informazioni sulla qualità del terreno, sulla profondità della superficie, sul tipo di sottosuolo e sul contenuto d’acqua.

Potete anche eseguire un test tattile. Come suggerisce il nome, consiste nel prendere un pezzo di terra con le mani e muovere le dita per apprezzarne i dettagli.

Un’opzione più avanzata è il test di sedimentazione. A tale scopo, dovrete introdurre un campione di terreno in un contenitore di vetro più alto che largo. In seguito, riempire il contenitore solo a metà e dopo fino all’orlo. Poi chiudere e scuotere energicamente, per poi lasciarlo su una superficie piana e attendere qualche ora.

Allo scadere del tempo, potrete distinguere tre strati di vari colori: la più bassa è la sabbia; quella centrale è limo e quella superiore è argilla. La più superficiale è costituita da materia organica e acqua.

Potrebbe interessarti ...
Giardino sostenibile in casa: 6 consigli
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Giardino sostenibile in casa: 6 consigli

Un giardino sostenibile prevede l'uso responsabile ed efficiente delle risorse naturali disponibili. Scopritene di più in questo articolo.



  • Sztern D, Pravia M. Manual para la elaboración de compost: Bases conceptuales y procedimientos. Sidalc.net (1999).
  • Russel EJ, Russel EW. Las condiciones del suelo y el desarrollo de las plantas. (1964).
  • Hortalizas V, Escolar H. Tipos de suelo. (2015).
  • Sánchez J. Fertilidad del suelo y nutrición mineral en plantas – Conceptos básicos. Fertitec S.A (2007).