Prevenire e trattare la cattiva circolazione nelle gambe

· 31 ottobre 2017
Mantenerci attivi può essere una delle soluzioni per migliorare la cattiva circolazione nelle gambe dato che in tal modo aiutiamo ad attivare il sistema circolatorio e quello linfatico.

Le vene varicose, la stanchezza e la cattiva circolazione nelle gambe sono problemi molto comuni tra le donne dopo i 40 anni.

In questo articolo vi diremo a cosa dobbiamo queste complicazioni e soprattutto come prevenirle e trattarle.

Cattiva circolazione nelle gambe: cosa sapere

Gli arti inferiori sono una zona di scambio di liquidi. Si tratta della fine del percorso delle vene e delle arterie e permettono il ritorno venoso verso il cuore.

Durante questo processo intervengono i vasi sanguigni, il sistema linfatico, il plasma e le proteine. Pertanto, quando si vede alterato, il sangue si accumula e non riesce a “tornare” al luogo adeguato. Ciò è molto comune perché di solito teniamo le gambe in basso sia da seduti che quando stiamo in piedi.

La forza di gravità esercita pressione verso i piedi e provoca diversi sintomi quali:

  • Stanchezza
  • Gonfiore
  • Intorpidimento
  • Vene varicose

Leggete anche: 6 rimedi naturali per depurare il sistema linfatico

Come ridurre la cattiva circolazione nelle gambe

Cambiare le abitudini quotidiane è fondamentale per prevenire, trattare o ridurre questo problema. Può essere un po’ complicato all’inizio, ma alla fine otterrete risultati positivi.

Prestate attenzione ai seguenti consigli per migliorare la cattiva circolazione nelle gambe:

1. Modificate la postura

Postura

  • Se lavorate in ufficio, alzatevi con frequenza dalla scrivania e camminate un po’.
  • Potete anche collocare una panca o un cestino della spazzatura in orizzontale così da appoggiarvi le gambe e tenerle un po’ sollevate mentre siete davanti al computer. 
  • Se il vostro lavoro vi obbliga a stare tutto il giorno in piedi, cercate di sedervi per qualche minuto ogni ora o di fare qualche passo.

Durante i viaggi lunghi in aereo o in treno utilizzate poggiapiedi e alzatevi dal vostro posto per quanto possibile. Se siete in macchina, fate delle soste “tecniche” ogni una o due ore.

2. Realizzate attività fisica

Non è necessario che la routine sia troppo esigente. Passeggiate giornaliere, un po’ di nuoto o una gita in bici potrebbero essere più che sufficienti.

  • L’esercizio fisico leggero e prolungato è fondamentale affinché il sistema linfatico e quello circolatorio si attivino.
  • Programmate nella vostra agenda 30 minuti di sport al giorno.

3. Bevete liquidi

Ragazza che beve

Un buon modo per contrastare la cattiva circolazione nelle gambe è quella di assumere liquidi che permettano di eliminare le tossine attraverso l’urina.

  • È importante ingerire acqua, succhi naturali (spremuti di recente) e infusi a base di erbe (ad esempio coda cavallina o rosmarino che sono diuretiche) per raggiungere tale proposito.
  • Evitate alcol, bibite gassate e caffè, perché hanno l’effetto contrario.
  • Non dimenticate di bere 2 litri d’acqua e aumentateli a 3 quando fa caldo o se fate sport.

4. Sollevate la gambe

Oltre a mettere una panca per sollevare le gambe mentre lavoriamo, possiamo combattere la cattiva circolazione ripetendo tale metodo quando arriviamo a casa.

  • Ad esempio, quando vi sedete sul divano per guardare la televisione, potete appoggiare i talloni su una sedia.
  • Quando andate a dormire, sdraiatevi con i piedi sulla testiera del letto o sulla parete per qualche minuto.
  • Per dormire, potete collocare qualche cuscino sotto i polpacci. L’idea è quella di far stare le gambe più in alto rispetto al cuore.

5. Mangiate più frutta e verdura

Macedonia

Contenendo molta acqua e principi nutritivi, sono perfette per condurre una dieta sana che riduca la ritenzione idrica e la cattiva circolazione nelle gambe.

Quando la nostra alimentazione è ricca di proteine e grassi, il sistema linfatico si sovraccarica e non lavora come dovrebbe.

  • Eliminate tutti i cibi che “fanno ingrossare” il sangue e che fanno collassare lo scambio di fluidi.
  • Per quanto possibile, fate in modo che frutta e verdura siano crude o di stagione.

Vi consigliamo di leggere: 4 frullati da bere a digiuno per dimagrire

6. Fatevi una doccia fredda

  • Prima di uscire dal bagno, dirigete un getto di acqua fredda sulle gambe. Alternate acqua fredda e calda in continuazione.
  • Questo metodo fornisce sollievo immediato quando si avvertono dolore e stanchezza.
  • Potete ripetere il procedimento anche di mattina per evitare le conseguenze di aver trascorso varie ore con gli arti fermi in una stessa posizione.

7. Usate calze speciali

Calze

Sono conosciute come calze a compressione graduata e si usano molto durante i viaggi lunghi in aereo. Non comprimono le gambe ed evitano la cattiva circolazione così come l’accumulo dei liquidi.

Vi consigliamo inoltre di evitare i pantaloni troppo stretti in quanto non permettono il corretto ritorno venoso.

8. Riducete sale e zucchero

Il sodio e il glucosio sono due nemici dei sistemi linfatico e circolatorio e, per tale ragione, è di fondamentale importanza ridurli.

  • Il sale aumenta la pressione arteriosa, favorisce la ritenzione idrica e rende difficile la funzione renale. Sostituitelo con erbe aromatiche oppure con il sale marino (in piccole quantità).
  • Lo zucchero altera i livelli di insulina e ci fa aumentare di peso. Scegliete la stevia, il miele o la carruba per addolcire infusi e dolci.

9. Realizzate massaggi

Massaggi ai piedi

Quando arrivate a casa, potete dedicarvi una sessione di auto-massaggi per migliorare la cattiva circolazione nelle gambe.

  • Una volta terminato la doccia (utilizzando la tecnica dell’alternanza di acqua fredda e calda). mettete delle gocce di olio essenziale di rosmarino sulle mani e strofinate energicamente gli arti inferiori dalle punte dei piedi fino alle cosce. 
  • Infine, tenete le gambe sollevate (su un cuscino o sulla parete) per almeno mezz’ora.
Guarda anche