Trattare la micosi vaginale con rimedi naturali

12 Giugno 2019
L'eccessiva proliferazione di funghi nelle zone intime può causare fastidi come secrezioni e cattivi odori. Volete combatte il problema in modo naturale? Vi sveliamo 5 rimedi efficaci.

I rimedi per trattare la micosi vaginale sono dei preparati casalinghi che mescolano ingredienti in grado di limitare la proliferazione del fungo Candida albicans. Sebbene questo microrganismo sia naturalmente presente nella vagina, una sua eccessiva proliferazione dà luogo a un’infezione piuttosto fastidiosa.

Chi ne soffre di solito manifesta disturbi quali eccesso di secrezioni vaginali, cattivo odore e prurito. In alcuni casi si scatena una sensazione di bruciore durante la minzione e di dolore durante i rapporti sessuali. Ne state soffrendo? Non esitate a combattere il problema in modo naturale.

Rimedi per trattare la micosi vaginale in modo naturale

È importante avere ben chiaro che le infezioni vaginali causate da funghi non rientrano nella categoria delle malattie sessualmente trasmissibili. Sebbene i rapporti sessuali ne favoriscano la diffusione, qualsiasi donna può soffrirne, persino chi non è sessualmente attiva.

Le alterazioni della flora batterica della vagina, così come l’indebolimento del sistema immunitario, sono fattori che possono scatenare questo problema. Esso è anche associato ad alcuni cambiamenti ormonali, oltre che, tra le varie cose, a stress e diabete. Vi presentiamo 4 rimedi per trattare la micosi vaginale in casa.

Leggete anche: Infezioni della vagina, ecco come prevenirle 

1. Olio di cocco

Azione antimicotica dell'olio di cocco
Alcuni studi hanno dimostrato qualità antimicotiche dell’olio di cocco in grado di potenziare gli effetti dei trattamenti medici.

L’olio di cocco è stato riconosciuto come antimicotico naturale grazie a diversi studi. Nonostante le prove sui suoi effetti siano ancora poche, ci sono diversi elementi che suggeriscono il suo contributo nella lotta contro diversi tipi di funghi. 

I ricercatori hanno potuto confermare che i microrganismi come la Candita albicans sono più sensibili all’olio di cocco concentrato. Inoltre, è richiesta una dose più bassa rispetto al fluconazolo, medicinale antimicotico prescritto per combattere questi funghi.

Come applicarlo?

  • Cercate di acquistare dell’olio di cocco puro. Le versioni raffinate non sono della stessa qualità.
  • Per trattare la micosi vaginale, imbevete un batuffolo di cotone nell’olio di cocco e inseritelo nella vagina.
  • Lasciate agire per un paio di ore, quindi rimuovetelo.

Precauzioni d’uso: evitate questo rimedio se non siete certe di avere una infezione vaginale causata da funghi. Evitatelo anche se siete in gravidanza o se siete allergiche all’olio di cocco. 

2. Rimedi per trattare la micosi vaginale: olio di origano silvestre

L’olio essenziale di origano silvestre è uno dei rimedi per trattare la micosi vaginale in modo naturale. Grazie al suo potere antimicotico e antibatterico, è stato utilizzato dalla medicina alternativa come integratore per trattare diverse infezioni.

Come utilizzarlo?

  • Diluite 3 o 4 gocce di olio essenziale di origano silvestre in un cucchiaino di olio d’oliva.
  • Versate il prodotto in una barattolo e consumatelo 2 o 3 volte al giorno, dopo i pasti.

3. Acido borico

Acido borico in pillole
Questo trattamento necessita di previa valutazione medica e adeguata supervisione.

L’acido borico è un trattamento efficace quando l’obiettivo è debellare i funghi. Grazie al suo pH acido, altera l’ambiente di cui i funghi hanno bisogno per proliferare, permettendo così di tenere sotto controllo l’infezione. Per quanto riguarda le parti intime, tuttavia, va usato con particolare cautela.

Come utilizzarlo?

  • Acquistate l’acido borico a una concentrazione inferiore al 2%. Se ne scegliete una più alta, potrebbe essere controproducente per questa zona delicata.
  • Una volta che avrete in mano il prodotto, versatelo in ovuli che vendono in farmacia. Infine, introducete l’ovulo in vagina, una volta al giorno.
  • Se i sintomi persistono, ripetete la procedura il giorno successivo.

Precauzione d’uso: se avete un altro tipo di infezione o se siete in gravidanza, evitate di utilizzare questo rimedio. Non assumetelo per via orale. Questo trattamento deve essere realizzato sotto supervisione medica. 

Non esitate a leggere: Cause e sintomi della vulvite

4. Malva

La malva non combatte direttamente i funghi responsabili dell’infezione. Tuttavia, la sua applicazione per uso esterno, attraverso bagni, può aiutare a placare i sintomi quali l’irritazione delle parti intime, il prurito e le secrezioni in eccesso. Questa pianta spicca per la sua azione lenitiva e antinfiammatoria.

Come utilizzarla?

  • Fate bollire alcune foglie di malva in un litro di acqua.
  • Una volta raggiunta l’ebollizione, togliete dal fuoco e lasciate raffreddare fino a quando la temperatura non sia adatta per fare un bagno.
  • Filtrate il liquido e fate un bagno rilassante.
  • Se i sintomi persistono, ripetete il giorno successivo.

Avete già provato questi rimedi per trattare la micosi vaginale? Se state provando sintomi tipici, non esitate a preparare questi trattamenti in casa. Ma tenete sempre a mente che è preferibile consultare un medico per ricevere la diagnosi esatta. Lo specialista può anche suggerire altre tipologie di trattamento.

  • Ogbolu, D. O., Oni, A. A., Daini, O. A., & Oloko, A. P. (2009). In Vitro Antimicrobial Properties of Coconut Oil on Candida Species in Ibadan, Nigeria . Journal of Medicinal Food. https://doi.org/10.1089/jmf.2006.1209
  • Fife, B. (2013). Health properties of coconut oil. Agro Food Industry Hi-Tech.
  • Manohar, V., Ingram, C., Gray, J., Talpur, N. A., Echard, B. W., Bagchi, D., & Preuss, H. G. (2001). Antifungal activities of origanum oil against Candida albicans. Molecular and Cellular Biochemistry. https://doi.org/10.1023/A:1013311632207
  • Bona, E., Cantamessa, S., Pavan, M., Novello, G., Massa, N., Rocchetti, A., … Gamalero, E. (2016). Sensitivity of Candida albicans to essential oils: are they an alternative to antifungal agents? Journal of Applied Microbiology. https://doi.org/10.1111/jam.13282
  • De Seta, F., Schmidt, M., Vu, B., Essmann, M., & Larsen, B. (2009). Antifungal mechanisms supporting boric acid therapy of Candida vaginitis. Journal of Antimicrobial Chemotherapy. https://doi.org/10.1093/jac/dkn486
  • Ray, D., Goswami, R., Dadhwal, V., Goswami, D., Banerjee, U., & Kochupillai, N. (2007). Prolonged (3-month) mycological cure rate after boric acid suppositories in diabetic women with vulvovaginal candidiasis. Journal of Infection. https://doi.org/10.1016/j.jinf.2007.06.008
  • Jeannin, J. M. (2017). Malva sylvestris. Schweizerische Zeitschrift Fur GanzheitsMedizin. https://doi.org/10.1159/000478915