Trisma dentale: sintomi, cause e trattamento

Non essere in grado di aprire la mascella è una condizione anormale nota come "trisma dentale". Scopri quali sono le sue cause e quali trattamenti esistono per risolvere il problema.
Trisma dentale: sintomi, cause e trattamento
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da l'odontoiatra Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 09 novembre, 2022

Il trisma dentale è una condizione che colpisce la mascella. I pazienti con questo problema sentono che questa zona del viso è come congelata, quindi non possono masticare o eseguire movimenti normali.

Ma non c’è solo la contrattura della mascella nel trisma dentale. Il quadro clinico è accompagnato da un dolore intenso che incide sulla qualità della vita.

Le cause sono varie. In questo articolo vedremo quali trattamenti esistono attualmente per affrontare questo problema di salute. Continua a leggere per scoprili.

Cos’è il trisma dentale?

La parola trisma deriva dal greco trismus, ovvero ‘digrignare i denti’. In passato veniva considerato un sintomo dell’infezione da tetano, ma oggi il concetto è più ampio.

Nello specifico, il trisma dentale consiste nella contrattura dei muscoli della mandibola che impedisce la corretta apertura della bocca. Pertanto, il paziente non può masticare, ad esempio, poiché la forza della contrazione impedisce alla cavità orale di aprirsi sufficientemente.

Nel tetano, il trisma è associato alla cosiddetta risata sardonica. Si tratta di un’espressione forzata del viso dovuta alla contrattura involontaria dei muscoli del viso, che implica un sorriso molto ampio, con labbra chiuse e sopracciglia alzate.

In condizioni normali, un adulto dovrebbe essere in grado di praticare un’apertura della bocca compresa tra 40 e 50 millimetri. Sono sufficienti più di 35 millimetri. Ma quelli con i denti del trisma non raggiungono quei valori.

Questo può essere limitato a pochi giorni, ma può anche durare per mesi. Dipenderà dalla causa e dai fattori associati. Quando dura poche ore o tende a risolversi nel tempo, di solito è considerato lieve. Ma la cronologia del quadro porta con sé complicazioni che influiscono sulla qualità della vita.

La masticazione è una funzione della bocca che usiamo quotidianamente. Non potendo specificarlo in modo fisiologico, è logico pensare che ci saranno disagi e anche problemi alimentari o nutrizionali derivati da questo fatto.

Cause del trisma dentale

Il trisma dentale ha una varietà di cause. Dalle malattie sistemiche che colpiscono la contrazione muscolare del viso e di altre parti del corpo, alle reazioni secondarie alle estrazioni dentarie.

Poiché la contrattura muscolare coinvolge diversi tessuti, bisogna considerare che ognuno di essi può essere danneggiato da una patologia che alla fine colpisce la contrazione. Nel caso della masticazione, bisogna tener conto del tessuto muscolare stesso, dei nervi che innervano quella zona, dei tendini e dei legamenti.

Vediamo nel dettaglio quali sono le cause più frequenti di trisma dentale e quali sintomi accompagnano ogni quadro clinico.

1. Disturbi dell’articolazione temporomandibolare (ATM)

L’articolazione temporomandibolare o ATM è quella costituita dal condilo della mandibola e dalle ossa del cranio. Si trova davanti all’orecchio, su ciascun lato, e svolge un ruolo chiave nell’apertura e chiusura della bocca.

Le persone con disfunzione di questa articolazione spesso hanno dolore cronico che peggiora in determinate circostanze. Cattive posizioni durante il giorno, disturbi del sonno, movimenti improvvisi del collo e della testa, e persino lo stress, sono fattori di rischio per un’esacerbazione del problema.

Le cause alla base di un disturbo dell’ATM sono varie. I pazienti possono soffrire di artrite delle ossa che compongono l’articolazione, ad esempio, o passare attraverso condizioni infiammatorie che si trovano nell’area intorno all’orecchio. Anche i traumi facciali e il bruxismo sono considerati cause.

Dolore all'ATM che causa il trisma dei denti.
I problemi dell’ATM generano vari tipi di conseguenze. Tra questi c’è il trisma dentale.

Leggi anche: Ortopantomografia: che cos’è e a cosa serve?

2. Infezioni della regione orale

Un’infezione dei tessuti intorno alla bocca o all’interno della cavità stessa può portare al trisma. Questo è più spesso evidente quando c’è un ascesso o un flemmone.

Gli ascessi sono raccolte di pus da un’infezione in qualsiasi parte del corpo. Nella cavità orale, un’infezione non trattata può sviluppare flemmone peritonsillare, cioè intorno alle tonsille.

Questo pus accumulato esercita una pressione sulle strutture anatomiche vicine e favorisce l’irritazione dei nervi e dei muscoli che vi si incrociano. La conseguenza è il trisma dentale dovuto alla contrattura involontaria del tessuto muscolare responsabile della masticazione.

3. Reazioni avverse ai farmaci

Ci sono principi attivi che hanno un effetto negativo sul trisma. In realtà, la maggior parte di essi è in grado di generare contratture muscolari involontarie in qualsiasi parte del corpo. Tuttavia, potrebbero essere localizzati nella mascella.

La metoclopramide, usata per ridurre la nausea e il vomito, raramente è associata alla distonia. Questo termine include qualsiasi contrazione involontaria che produce strani movimenti nel corpo.

L’effetto avverso è possibile nei bambini, in particolare, e quando le dosi raccomandate vengono superate in base al peso del paziente. I casi non sono tanti, ma è una situazione da considerare se i piccoli vengono ricoverati e vengono somministrate quantità maggiori del farmaco per via endovenosa.

D’altra parte, alcuni anestetici sono in grado di generare ipertermia maligna. Questa è una reazione avversa che si verifica anche raramente nei pazienti che richiedono l’anestesia per una procedura. La temperatura corporea aumenta, la frequenza cardiaca aumenta e ci sono spasmi muscolari, incluso il trisma.

4. Cancro e radiazioni

I tumori della cavità orale sono in grado di generare il trisma come sintomo secondario. Ciò potrebbe essere spiegato dalla pressione esercitata dal tumore sui nervi della zona o dall’irritazione man mano che la neoplasia cresce ed entra in contatto con i muscoli coinvolti nella masticazione.

È stato anche documentato che i trattamenti per qualsiasi cancro possono portare al trisma dentale come complicanza a medio termine. La combinazione che presenta il rischio più elevato è quella di soffrire di una neoplasia alla testa o al collo ed essere stati avvicinati con sedute di radioterapia.

Il problema con le radiazioni per i trattamenti contro il cancro è che stimola la produzione di cicatrici all’interno dei muscoli. Questo tessuto fibroso impedisce la corretta contrazione muscolare. Per questo motivo viene sempre più promosso l’utilizzo della minor quantità possibile di dose radiante e con un miglioramento della precisione dell’applicazione, in modo da ridurre il rischio di questo effetto collaterale.

5. Tetano

Il tetano è una malattia causata da un batterio: Clostridium tetani. In realtà, la causa diretta è la tossina neurotropica prodotta dal microrganismo.

Il sintomo cardinale della patologia sono gli spasmi muscolari. Questi possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo, compreso il viso.

Fortunatamente, esiste un vaccino per prevenire la condizione. La massiccia applicazione in tutto il mondo è ciò che ha permesso la riduzione dei casi nella maggior parte dei paesi, motivo per cui attualmente è considerata una malattia rara.

6. Chirurgia orale

Le procedure chirurgiche sul cavo orale danno luogo a irritazioni delle strutture adiacenti che possono portare al trisma come effetto secondario. Ciò appare, in particolare, con le estrazioni di pezzi che presentano difficoltà per il dentista. Ad esempio, quando i denti del giudizio devono essere rimossi.

Oltre all’irritazione, c’è anche la possibilità che il paziente debba stare con la bocca spalancata per un periodo prolungato affinché il professionista possa lavorare. Questa iperestensione può stimolare il trisma.

7. Altre cause di trisma dentale

Meno comunemente, le seguenti situazioni sono cause di trisma:

  • Ipocalcemia: ridotti livelli ematici di calcio in circolo influenzano la contrattilità dei muscoli in tutto il corpo.
  • Sindrome della persona rigida: è una malattia autoimmune molto rara con spasmi muscolari. Di solito si presenta con altri disturbi concomitanti che coinvolgono anche attacchi di anticorpi, come la vitiligine.

I sintomi del trisma dentale

Il trisma dentale di solito compare rapidamente e in meno di un giorno raggiunge la sua massima contrattura. Entrambi i lati della mascella sono quasi sempre colpiti.

È comune che parte della bocca rimanga aperta e che le labbra non siano completamente chiuse. Questo è un po’ diverso nella presentazione come una risata sardonica, poiché in quel caso di solito c’è un contatto con le labbra.

I dolori nella regione della testa e del collo compaiono come conseguenza del trisma e si manifestano sotto forma di mal di testa e mal d’orecchi (mal d’orecchi). I disturbi dell’ATM sono quelli più strettamente associati a quest’ultimo segno.

Come sintomi di accompagnamento meno specifici possiamo menzionare quanto segue:

  • Infiammazione della mucosa orale, nota come mucosite.
  • Xerostomia o secchezza delle fauci.
  • Difficoltà a parlare.
  • Crampi in altri muscoli del viso.

Complicazioni

Se il trisma dentale rimane nel tempo e diventa cronico, possono comparire alcune complicazioni. Tra i più rilevanti abbiamo i seguenti:

  • Malnutrizione: l’incapacità di mangiare bene porta ad un minor apporto di nutrienti e ad un’alterazione dei tempi dei pasti. Se questo persiste per mesi, c’è il rischio di perdere peso.
  • Bruxismo: digrignare i denti può essere una causa di disfunzione dell’ATM che porta al trisma dentale, ma è anche una complicazione quando c’è prima il trisma cronico. Quindi potrebbero derivare delle conseguenze, come l’usura dello smalto.
  • Carie: le carie sono la patologia più comune del cavo orale e i pazienti con trisma hanno un ulteriore fattore di rischio per svilupparle. Poiché l’igiene è difficile a causa della contrattura della mandibola, lo spazzolino non viene eseguito correttamente e il filo interdentale non viene utilizzato nei pezzi posteriori. Questo favorisce la proliferazione batterica.

Diagnosi?

Per il professionista della salute, diagnosticare il trisma dentale è un atto clinico. Oltre all’esame obiettivo, è possibile verificare la contrattura dei muscoli masticatori e l’incapacità del paziente di aprire normalmente la bocca.

Esiste un questionario standardizzato noto come Göteborg, che in realtà non trova molte applicazioni nella pratica clinica quotidiana per la diagnosi. Alcuni dentisti e medici lo utilizzano per monitorare e valutare la risposta ai trattamenti stabiliti.

La misurazione della possibile apertura della bocca da parte del paziente è un segno oggettivo. Se la persona non può superare i 35 millimetri quando separa le mascelle, potrebbe esserci un trisma dentale in corso.

La richiesta del metodo supplementare consiste nell’indagare e trovare la causa del problema. Test di imaging (raggi X, risonanza magnetica, scansioni TC, ultrasuoni) e possono essere richiesti persino gli elettromiogrammi se si sospetta una lesione della connessione nervo-muscolare.

Trattamento per il trisma dentale

Innanzitutto, è necessario trovare le cause del trisma per trattarle e correggere il problema alla radice. Senza questo passaggio necessario, il quadro clinico non può essere invertito.

Tuttavia, alcune misure e determinati farmaci sono generalmente indicati per alleviare i sintomi. Soprattutto se la diagnosi della causa sottostante è ritardata o se c’è una nota compromissione della qualità della vita.

Massaggi per trisma dentale.
La terapia fisica ha alcune tecniche per supportare i pazienti con trisma.

Miorilassanti e antinfiammatori

I farmaci antinfiammatori, in combinazione con miorilassanti, possono ridurre la tensione della mandibola. In questo modo il paziente potrebbe aprire un po’ di più la cavità orale per mangiare e pulirsi.

Per quanto riguarda gli antinfiammatori, i non steroidei e gli steroidi sono prescritti allo stesso modo. Per quanto riguarda i miorilassanti, la massima precauzione da prendere è che provocano sonnolenza e influiscono sulle attività quotidiane che richiedono attenzione.

Dopo un intervento chirurgico odontoiatrico complicato o dispendioso in termini di tempo, la prescrizione di ibuprofene o paracetamolo da assumere nei giorni successivi potrebbe ridurre il rischio di effetti collaterali. In ogni caso, questo deve essere definito dal dentista curante.

Fisioterapia e massaggi

Lavorare con un fisioterapista è molto importante nei pazienti con trisma. Il professionista può aiutare a realizzare esercizi di rilassamento e stretching per la mascella.

Le persone con tumori della testa e del collo che ricevono la radioterapia spesso accompagnano questo approccio con sessioni programmate di terapia fisica per gli esercizi della mascella. Questa misura ha dimostrato una riduzione dell’incidenza del trisma in questo gruppo di popolazione.

Dispositivo di allungamento

I fisioterapisti possono aggiungere un dispositivo per il massaggio che viene posizionato tra la mascella inferiore e quella superiore. Questo integra i massaggi e stimola la maggiore apertura che si otterrebbe solo con tecniche manuali.

Un problema che indica qualcos’altro

Il trisma dentale non è una patologia in sé. Si riferisce sempre a un’altra causa sottostante che deve essere risolta per risolvere la contrattura della mandibola.

In questo senso, se noti che non riesci ad aprire la bocca come prima o hai forti dolori durante la masticazione, dovresti consultare un medico o un dentista. Dopo l’esame fisico e gli esami corrispondenti, possono aiutarti a ritrovare la funzione che è stata persa e che ti impedisce di masticare e parlare normalmente.

Potrebbe interessarti ...
Il bruxismo: cos’è e come si riconosce?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Il bruxismo: cos’è e come si riconosce?

Il bruxismo può essere diurno o notturno. In entrambi i casi, presenta sintomi simili ma cause diverse. Scoprite in cosa consiste il disturbo.



  • Prego, M. Ríos, et al. “Infección por Clostridium tetani: sospecharla para diagnosticarla.” Galicia Clínica 77.4 (2016): 175-176.
  • Garrigós Portales, Diana Denisse, Alejandra Paz Garza, and José L. Castellanos. “Bruxismo: Más allá de los dientes. Un enfoque inter y multidisciplinario.” Revista ADM 72.2 (2015).
  • Santiago-Rosado LM, Lewison CS. Trismus. 2020 Dec 7. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan–. PMID: 29630255.
  • Khan NU, Razzak JA. Abdominal pain with rigidity secondary to the anti-emetic drug metoclopramide. J Emerg Med. 2006 May;30(4):411-3. doi: 10.1016/j.jemermed.2005.07.013. PMID: 16740451.
  • Martins CA, Goldenberg DC, Narikawa R, Kowalski LP. Trismus and oral health conditions during diagnosis of malignant oral neoplasms. Braz J Otorhinolaryngol. 2020 Sep-Oct;86(5):552-557. doi: 10.1016/j.bjorl.2019.02.004. Epub 2019 Mar 18. PMID: 30962143.
  • Cho H, Lynham AJ, Hsu E. Postoperative interventions to reduce inflammatory complications after third molar surgery: review of the current evidence. Aust Dent J. 2017 Dec;62(4):412-419. doi: 10.1111/adj.12526. Epub 2017 Jun 14. PMID: 28498604.
  • Musha A, Shimada H, Kubo N, Kawamura H, Okano N, Miyasaka Y, Sato H, Shirai K, Saitoh JI, Yokoo S, Chikamatsu K, Ohno T. Evaluation of Carbon Ion Radiation-Induced Trismus in Head and Neck Tumors Using Dose-Volume Histograms. Cancers (Basel). 2020 Oct 25;12(11):3116. doi: 10.3390/cancers12113116. PMID: 33113829; PMCID: PMC7693287.
  • Salazar, Cristofer, Daniela Vicencio, and Lara Fernández. “Otalgia secundaria o referida, lo que el clínico debe saber.” Revista de otorrinolaringología y cirugía de cabeza y cuello 80.4 (2020): 531-539.
  • Johansson M, Karlsson T, Finizia C. Further validation of the Gothenburg Trismus Questionnaire (GTQ). PLoS One. 2020 Dec 17;15(12):e0243805. doi: 10.1371/journal.pone.0243805. Erratum in: PLoS One. 2020 Dec 31;15(12):e0245106. PMID: 33332402; PMCID: PMC7746186.
  • Karlsson O, Karlsson T, Pauli N, Andréll P, Finizia C. Jaw exercise therapy for the treatment of trismus in head and neck Cancer: a prospective three-year follow-up study. Support Care Cancer. 2021 Jul;29(7):3793-3800. doi: 10.1007/s00520-020-05517-7. Epub 2020 Nov 24. PMID: 32435968; PMCID: PMC8163667.