Ulcere da pressione: consigli e trattamento

Le cause principali delle ulcere da pressione sono manovre eseguite con disattenzione sulla persona che deve rimanere immobile per lungo tempo. Se si prendono tutte le precauzioni del caso, si eviterà la comparsa di queste lesioni e delle conseguenti complicazioni.
Ulcere da pressione: consigli e trattamento

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio, 2021

Le ulcere da pressione sono lesioni dovute a una prolungata permanenza nella stessa posizione, con un lato del corpo schiacciato contro una superficie solida. In genere si presentano quando si è costretti a rimanere a letto per lungo tempo, ma non solo.

La maggior parte delle ulcere da pressione può essere evitata con semplici misure precauzionali. In seguito a ciò, in diversi Paesi la comparsa di queste lesioni ha implicazioni giuridiche per chi lavora come badante.

Le ulcere da pressione possono provocare diverse complicazioni che, nei casi più gravi, possono mettere a rischio la vita. Queste lesioni tendono a presentarsi tra i 71 e i 90 anni di vita, con un’incidenza maggiore tra le donne.

Cosa sono le ulcere da pressione?

Ulcere da pressione e tessuto.
Le ulcere da pressione compaiono spesso in pazienti costretti a rimanere a letto a lungo.

Le ulcere da pressione sono una forma di necrosi (o morte del tessuto) che interessa la pelle e il tessuto sottocutaneo. Si verificano quando la cute subisce la pressione da due elementi: le ossa della persona e una superficie solida, come un letto o una sedia.

Questa pressione costante riduce l’apporto di ossigeno e nutrienti all’area cutanea interessata perché i vasi sanguigni rimangono schiacciati. Quando la pelle non riceve per diverso tempo l’ossigeno e i nutrienti di cui ha bisogno, il tessuto muore. Le conseguenze sono una o più ulcere da pressione.

Oltre ai lunghi periodi a letto, un processo di cicatrizzazione delle ferite difficoltoso è un’altra causa di lesioni da decubito. Compromettono notevolmente la qualità di vita della persona e richiedono cure particolari.

Cause e tipi di ulcere da pressione

Quando si è costretti, per un qualsivoglia motivo, a rimanere molto tempo immobile, è necessario adottare le dovute precauzioni per prevenire la comparsa di lesioni cutanee. In caso contrario, possono presentarsi quattro tipi di ulcere da pressione a seconda dell’aspetto e della gravità:

  • Grado I. Compaiono circa due ore dopo l’inizio della compressione. Dall’aspetto simile a un eritema o di un arrossamento cutaneo che non svanisce facilmente.
  • Grado II. Danneggiano l’epidermide e il derma. Hanno l’aspetto di vesciche o lacerazione.
  • Grado III. Danneggiano il derma, l’epidermide e il tessuto sottocutaneo. Presentano un liquido sieroso. Se infettate, drenano un liquido purulento.
  • Grado IV. Colpiscono il muscolo, le ossa, le cartilagini e le viscere. Il tessuto molto spesso è visibile a occhio nudo.

Misure preventive

Pulizia delle ulcere da pressione.
Per prevenire la comparsa delle piaghe da decubito e successive complicazioni, è importante mantenere la pelle asciutta e pulita.

Bisogna controllare lo stato della pelle almeno una volta al giorno. Le aree più soggette a pressione sono la schiena, i glutei, i talloni, la nuca e i gomiti. La pelle deve essere sempre pulita e asciutta.

La pulizia va eseguita con una spugna morbida o con un panno pulito. In caso di sporcizia, è necessario pulire l’area interessata con sapone neutro e acqua tiepida. Vanno evitati i prodotti che contengono alcol.

In seguito alla pulizia, si applica una crema idratante e si aspetta la pelle le assorba. Allo stesso modo, si consiglia di indossare pigiami in tessuto naturale e abiti sempre asciutti e puliti. Oltretutto, si consiglia di ricorrere a bendaggi appositi per proteggere l’area soggetta a compressione.

Ulteriori consigli

Se una persona è costretta a restare a letto per lungo tempo, dovremo aiutarla a muoversi o a cambiare posizione ogni due – tre ore. Se deve stare seduta, la posizione va cambiata ogni 12-30 minuti.

È importante evitare lo sfregamento delle prominenze ossee (ginocchia, caviglie, ecc). Quando succede, si consiglia di usare un cuscino, una protezione o simili per tenere separate le due parti. Si sconsiglia di trascinare la persona per farla muovere.

L’area soggetta a pressione non deve mai rimanere umida. In presenza di sudore, urina, feci e suppurazione, bisogna pulire la pelle e asciugarla picchiettandola per evitare la frizione. In caso di incontinenza, andranno utilizzati pannoloni, catetere o vasi da notte.

Potrebbe interessarti ...
Come evitare e trattare le piaghe da decubito
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Come evitare e trattare le piaghe da decubito

Quando una persona è costretta a stare per molto tempo a letto, è abbastanza comune la formazione delle cosiddette piaghe da decubito.



  • Yepes, D., Molina, F., León, W., & Pérez, E. (2009). Incidencia y factores de riesgo en relación con las úlceras por presión en enfermos críticos. Medicina intensiva, 33(6), 276-281.
  • Bhattacharya S, Mishra RK. Pressure ulcers: Current understanding and newer modalities of treatment. Indian J Plast Surg. 2015;48(1):4–16. doi:10.4103/0970-0358.155260
  • Boyko TV, Longaker MT, Yang GP. Review of the Current Management of Pressure Ulcers. Adv Wound Care (New Rochelle). 2018;7(2):57–67. doi:10.1089/wound.2016.0697
  • Agrawal K, Chauhan N. Pressure ulcers: Back to the basics. Indian J Plast Surg. 2012;45(2):244–254. doi:10.4103/0970-0358.101287
  • Reddy M. Pressure ulcers. BMJ Clin Evid. 2011;2011:1901. Published 2011 Apr 28.
  • Moore, Z. E. H., & Cowman, S. (2013, March 28). Wound cleansing for pressure ulcers. Cochrane Database of Systematic Reviews. John Wiley and Sons Ltd. https://doi.org/10.1002/14651858.CD004983.pub3
  • Bluestein, D., & Javaheri, A. (2008, November 15). Pressure ulcers: Prevention, evaluation, and management. American Family Physician. American Academy of Family Physicians.