Trattamenti naturali per le ulcere nello stomaco

4 luglio 2014
Dato che il batterio H. Pylori vive in zone acide, il limone può costituire un'ottimo rimedio, poiché neutralizza gli acidi dello stomaco, evitando quindi la sua proliferazione.

Un’ulcera peptica è una piaga che compare nella mucosa che ricopre lo stomaco o l’intestino tenue. Il sintomo più comune è il bruciore di stomaco.

Vi spieghiamo come individuare questo problema e quale è il suo trattamento naturale, partendo da consigli di alimentazione e rimedi naturali.

L’ulcera peptica insorge quando c’è un eccesso di acidità nell’organismo, in particolare nell’apparato digerente, danneggiando ed irritando tutto il tratto e facilitando la proliferazione di patogeni, come nel caso dell’Helicobacter pylory, un batterio che, secondo i medici, è la causa più comune di questa malattia. Ad ogni modo, è importante sottolineare che questo batterio vive solo in un ambiente troppo acido, motivo per cui sarà fondamentale eliminare le possibili cause di iperacidità.

L’iperacidità può essere dovuta ad una cattiva alimentazione (troppo acidificante), all’utilizzo abituale di farmaci come l’aspirina o l’ibuprofene, alle cattive abitudini, allo stress e ad una cattiva digestione.

Sebbene molte persone prendano antiacidi o bicarbonato di sodio per alleviare l’acidità, bisogna sapere che questo rimedio migliora il problema solo momentaneamente, senza permettere mai di curare la malattia. Al contrario, a lungo andare, abusare di antiacidi potrebbe alterare troppo gli acidi dello stomaco, rischiando di causare molteplici malattie.

Una alimentazione alcalina

L’alimentazione sta alla base del trattamento naturale di questa malattia. Dovete evitare gli alimenti che più acidificano l’organismo:

  • latticini
  • zuccheri
  • fritture
  • prodotti raffinati
  • merendine industriali
  • tabacco
  • alcol

Evitate le piante e le spezie che aumentano la produzione di succhi gastrici e qche uindi contribuiscono all’iperacidità, anche se possono avere altre proprietà :

  • caffè
  • cannella
  • chiodi di garofano
  • zenzero
  • pepe

cannella-ion-bogdan-dumitrescu

Al contrario, vi consigliamo i seguenti alimenti:

  • Ananas: l’ananas facilita la digestione grazie agli enzimi proteolitici, ma non bisogna unirla ai carboidrati (pane, pasta, pasticcini, riso, ecc.). Costituisce il frutto ideale prima o dopo aver mangiato verdure, insalate, carne o pesce..
  • Cavolo: il cavolo aiuta a cicatrizzare le ulcere, ma molte persone non riescono a digerirlo bene se è crudo. Mangiatelo lesso con un pizzico di cumino oppure a crudo, ma macerato con dell’aceto o sotto forma di crauti.
  • Peperone: il peperone è una solanacea che agisce da tonificante gastrico.
  • Limone: il limone, nonostante sia un agrume e sia acido, ha un effetto neutralizzante degli acidi una volta arrivato nello stomaco, motivo per cui vi consigliamo di assumerlo abitualmente, unito ai pasti e a succhi naturali o semplicemente con dell’acqua.
  • Patata: la patata è il grande antiacido naturale. Il suo succo funziona perfettamente nel contrastare il bruciore di stomaco.
  • Miglio: il miglio è l’unico cereale alcalinizzante, quindi mangiatelo più spesso rispetto ad altri cereali come il riso e il grano.
  • Uva: è uno dei frutti più alcalinizzanti, ma bisogna mangiarla preferibilmente biologica per evitare che contenga pesticidi.
  • Sedano: il sedano è depurativo e alcalinizzante. Aggiungetelo nel brodo o negli stufati, ma anche a crudo nelle insalate.

miglio-Lucy-Crabapple

Se state attraversando un momento di crisi di iperacidità, vi consigliamo di seguire una dieta rigida a base di patata, cavolo, carota e mela fino a che non migliori. Potete farli bolliti, al forno, crudi o frullati.

Sebbene si raccomandino in special modo questi alimenti, ci sono persone che non li digeriscono bene, quindi se sentite che vi provocano acidità, eliminateli dalla vostra dieta.

Rimedi naturali

Anticamente si consigliava di bere per nove giorni il succo di un quarto di patata grande cruda ben lavata e sbucciata (circa un quarto o un terzo di bicchiere) con l’aggiunta di due cucchiai di olio extravergine d’oliva. Questo preparato antinfiammatorio e alcalinizzante è molto efficace e potrete notare dei miglioramenti già in soli nove giorni. Il succo di patata cruda potete farlo voi stessi o comprarlo nei negozi di prodotti naturali e nelle erboristerie.

Potete anche bere giornalmente infusi di malva e piantaggine che aiutano a migliorare l’irritazione e l’infiammazione di tutto il tubo digerente.

Infine, un altro antiacido naturale che potete assumere senza ripercussioni sulla salute è l’argilla bianca ad uso orale, in vendita in erboristerie e negozi di prodotti naturali. Versate un cucchiaio di argilla in un po’ d’acqua e mescolate utilizzando un cucchiaio di legno. Dopo dieci minuti mescolate di nuovo e bevete il preparato.

Immagini per gentile concessione di: Lucy Crabapple e ion-bogdan dumitrescu

Guarda anche