Usi medicinali del nasturzio: benefici e controindicazioni

Il nasturzio è usato nella medicina popolare come coadiuvante contro i disturbi renali e delle vie respiratorie. Le sue proprietà sono provate scientificamente?
Usi medicinali del nasturzio: benefici e controindicazioni

Ultimo aggiornamento: 29 dicembre, 2021

Il nasturzio, nome scientifico Tropaeolum majus, è una pianta strisciante o rampicante originaria del Sudamerica. Conosciuto anche come erba cappuccina, fiore di sangue o Nasturzio del Perù, è coltivato come pianta ornamentale, sebbene abbia una lunga storia di usi medicinali.

In particolare, si ritiene che le sue proprietà rafforzino il sistema immunitario e aiutino a creare una barriera contro vari tipi di infezioni. Tuttavia, gli studi che confermano questi effetti sono ancora limitati. Per questo motivo, va usato con prudenza e moderazione.

Principali usi e benefici del nasturzio

Un articolo pubblicato nel 2018  esalta del nasturzio vari utilizzi medicinali. La sua alta concentrazione di vitamina C, polifenoli e antociani la rendono una pianta con un buon potenziale per la salute dell’uomo.

Queste sono le proprietà attribuite al nasturzio:

  • Antimicrobica.
  • Antimicotica.
  • Ipotensiva.
  • Espettorante.
  • Antitumorale.

Inoltre il nasturzio è una pianta decorativa, dai fiori appariscenti e dal sapore delicato, tanto da poter essere usato a scopo culinario, 

Vediamo, a seguire, i suoi benefici per la salute e la cosmesi.

Potrebbe interessarvi anche: 7 erbe medicinali per perdere peso

Stimola l’appetito

Secondo la letteratura popolare, le foglie fresche e i boccioli dei fiori di nasturzio favoriscono la produzione di succhi gastrici, stimolando l’appetito nelle persone con inappetenza. Tuttavia, non esistono prove scientifiche su questo effetto. Al contrario, è stato notato che la pianta contiene isotiocianato di benzile, una sostanza che ad alte dosi può essere irritante per l’apparato digerente.

Nasturzio per stimolare l'appetito.
Il nasturzio, secondo la medicina popolare, ha la capacità di stimolare l’appetito.

Infezioni urinarie

Certamente non è un trattamento di prima linea per le infezioni del tratto urinario, tuttavia si ritiene che l’estratto di nasturzio agisca come coadiuvante. Secondo uno studio condotto sui topi e pubblicato su Journal of Ethnopharmacology, questa pianta ha un effetto diuretico che aiuta a stimolare la produzione di urina.

Questo effetto promuove la pulizia delle vie urinarie e l’eliminazione degli agenti patogeni. Inoltre nelle sue foglie sono stati trovati anche composti ad azione antimicrobica, come il glucotropeolin glucosinolato, che aiutano a inibire la crescita dei batteri.

Affezioni respiratorie

Grazie al suo contenuto di vitamina C e altre sostanze antiossidanti, il nasturzio ha effetti immunomodulatori che favoriscono sollievo dalle affezioni respiratorie. L’evidenza suggerisce anche la presenza di effetti antinfiammatori.

Gli studi fino ad oggi sono limitati e poco concludenti. Nonostante ciò, gli infusi della pianta essiccata vengono utilizzati come complemento nei casi di influenza, raffreddore, bronchite e tosse.

Ipertensione arteriosa

Uno studio pubblicato su Journal of Ethnopharmacology collega gli effetti ipotensivi del nasturzio al suo contenuto di flavonoidi. Allo stesso modo, sono associati al suo effetto diuretico, poiché riduce il volume del sangue e la tensione sulle pareti arteriose. Ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Infezioni della cavità orale

Un recente studio pubblicato su BMC Complementary Medicine and Therapies ha riscontrato nel nasturzio composti antibiotici utili contro i patogeni che causano infezioni orali, come gengiviti e parodontiti. Ciò è dovuto al suo contenuto di olio di senape che pare inibire la formazione di biofilm orali.

Crescita dei capelli

L’infuso di nasturzio è un rimedio popolare per stimolare la crescita sana dei capelli. Si ritiene che i suoi nutrienti proteggano il follicolo pilifero e aiutino a ridurre l’eccessiva perdita di capelli. Tuttavia, per ora, questa proprietà non è provata scientificamente.

Effetti collaterali e controindicazioni del nasturzio

Un articolo della società americana WebMD , ritiene il consumo orale di nasturzio come “probabilmente sicuro”, purché assunto in quantità moderate. Viene di solito utilizzato in combinazione con altri ingredienti, come il rafano.

Tuttavia, in alcuni pazienti può causare disturbi allo stomaco e renali. Per questo motivo, dovrebbe essere evitato nelle seguenti situazioni:

  • Ulcera allo stomaco.
  • Malattie renali.
  • Gravidanza e allattamento.
  • Bambini.
  • Assunzione di farmaci (consultare il medico).
Il nasturzio è controindicato in caso di gastrite.
Chi soffre di gastrite e ulcera allo stomaco dovrebbe evitare questa pianta, in quanto stimola la produzione di acido cloridrico.

Come preparare un infuso di nasturzio?

In genere viene assunto sotto forma di infuso o estratto. Nel primo caso, è sufficiente acquistare la pianta essiccata e tritata.

Ingredienti

  • 1 cucchiaino di nasturzio secco (5 g).
  • 1 tazza d’acqua (250 ml).

Preparazione e consumo

  1. Aggiungete un cucchiaino di nasturzio secco a una tazza di acqua bollente.
  2. Lasciate riposare per 10 minuti, infine filtrate.
  3. Consumate fino a 2 tazze al giorno, per 3-4 giorni.

Nota: se si desidera utilizzare l’infuso come trattamento per i capelli, utilizzare una concentrazione maggiore di nasturzio (20 g).

Cosa ricordare sul nasturzio?

Il nasturzio è noto nella medicina popolare per le sue proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie che sembrano essere utili nel trattamento di vari tipi di infezioni.

Tuttavia, le prove scientifiche sono al momento limitate e non si tratta di un rimedio di prima linea. È bene consultare il medico o l’erborista prima di iniziare una cura.

Potrebbe interessarti ...
Orthosiphon: proprietà e controindicazioni
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Orthosiphon: proprietà e controindicazioni

Nella medicina naturale, l'orthosiphon è usato come diuretico e dimagrante. Vediamo le principali applicazioni e cosa dice la ricerca.



  • Jakubczyk K, Janda K, Watychowicz K, Łukasiak J, Wolska J. Garden nasturtium (Tropaeolum majus L.) – a source of mineral elements and bioactive compounds. Rocz Panstw Zakl Hig. 2018;69(2):119-126.
  • Gasparotto A Jr, Boffo MA, Lourenço EL, Stefanello ME, Kassuya CA, Marques MC. Natriuretic and diuretic effects of Tropaeolum majus (Tropaeolaceae) in rats. J Ethnopharmacol. 2009;122(3):517-522. doi:10.1016/j.jep.2009.01.021
  • Kleinwächter M, Schnug E, Selmar D. The glucosinolate-myrosinase system in nasturtium (Tropaeolum majus L.): variability of biochemical parameters and screening for clones feasible for pharmaceutical utilization. J Agric Food Chem. 2008;56(23):11165-11170. doi:10.1021/jf802053n
  • Tran HT, Márton MR, Herz C, et al. Nasturtium (Indian cress, Tropaeolum majus nanum) dually blocks the COX and LOX pathway in primary human immune cells. Phytomedicine. 2016;23(6):611-620. doi:10.1016/j.phymed.2016.02.025
  • Gasparotto Junior A, Gasparotto FM, Lourenço EL, et al. Antihypertensive effects of isoquercitrin and extracts from Tropaeolum majus L.: evidence for the inhibition of angiotensin converting enzyme. J Ethnopharmacol. 2011;134(2):363-372. doi:10.1016/j.jep.2010.12.026
  • Eichel V, Schüller A, Biehler K, Al-Ahmad A, Frank U. Antimicrobial effects of mustard oil-containing plants against oral pathogens: an in vitro study. BMC Complement Med Ther. 2020;20(1):156. Published 2020 May 24. doi:10.1186/s12906-020-02953-0