Ustioni nei bambini, cosa fare?

12 Maggio 2020
Per prima cosa, si dovrà allontanare il bambino dalla fonte dell'ustione. Poi bisognerà raffreddare e lavare la ferita con acqua e sapone. Nel caso di ustioni profonde, bisognerà rivolgersi a un medico.

Tutti ci siamo ustionati almeno una volta nella vita, ma come si dovrebbe agire nel caso di ustioni nei bambini? Oltre a tenere in casa un kit di pronto soccorso, bisogna seguire determinati passaggi e considerare alcuni aspetti.

A tal proposito, nelle prossime righe condividiamo alcune raccomandazioni di base per il trattamento delle ustioni nei bambini.

Ustioni

Mano con ustioni
Tra gli incidenti domestici più frequenti, le ustioni sono in cima alla classifica.

Le ustioni sono tra gli incidenti domestici più comuni. Tra la popolazione più soggetta a incidenti di questo tipo, troviamo le casalinghe di età superiore ai 45 anni, gli anziani di età superiore ai 65 anni e, infine, i bambini di età inferiore ai cinque anni. Per tale ragione, diventa importante sapere come intervenire nel caso di ustioni nei bambini.

Tipi di ustioni

In primo luogo, è necessario distinguere tra i diversi tipi di ustioni. In funzione della loro estensione, si dovrà intervenire in un modo piuttosto che in un altro.

  • Ustioni di primo grado: colpiscono solo l’epidermide, ovvero la parte più esterna della pelle. La cute risulta arrossata, ma non compaiono vesciche. L’esempio per eccellenza è dato dalle ustioni provocate dall’esposizione al sole.
  • Ustioni di secondo grado: in questo caso colpiscono sia il derma che l’epidermide. L’arrossamento della pelle è accompagnato dalla presenza di vescicole. L’esempio più classico sono le ustioni provocate dal contatto della pelle con un liquido caldo.
  • Ustioni di terzo grado: si tratta indubbiamente del tipo più pericoloso. In questo caso sono interessati tutti gli strati della pelle. Potrebbero essere colpiti anche i muscoli, i nervi e le ossa. L’aspetto di un’ustione di terzo grado è caratterizzato dalla pelle carbonizzata. Naturalmente, richiedono un intervento medico d’urgenza.

Leggete anche: Ustioni da acqua bollente e primo soccorso

Ustioni nei bambini

Incidenti domestici
I bambini sono tra i soggetti più a rischio di ustioni.

Le ustioni nei bambini richiedono assistenza medica immediata quando si presentano estese, ovvero quando superano il 5% della superficie del corpo. Oltre a ciò, indipendentemente dall’estensione, è sempre necessario rivolgersi al medico nel caso di ustioni di secondo e di terzo grado.

A seconda della zona interessata, alcune ustioni dovranno essere valutate da un medico indipendentemente dal loro grado, come ad esempio:

  • Ustioni su viso, mani e piedi
  • Ustioni delle articolazioni
  • Contatto con corrente ad alta tensione
  • Inalazione di gas

Come intervenire in caso di ustioni nei bambini

Medicazione ustioni
Se l’ustione è di tipo lieve, si potrà facilmente trattare a casa con l’applicazione di impacchi freddi e creme rigeneranti.

Alcuni dei seguenti consigli potrebbero sembrarvi scontati. Altri, al contrario, probabilmente li conoscevate già o non ci avevate pensato. A ogni modo, sono molto utili e il seguente protocollo garantisce una gestione ottimale delle ustioni nei bambini. Prendete nota.

  • Per prima cosa, allontanate il bambino dalla fonte dell’ustione.
  • Poi rimuovete gli indumenti e gli accessori solo se non sono attaccati alla pelle. Nel caso in cui lo fossero, bisogna lasciarli al loro posto. Altrimenti rischiamo di causare maggiori danni.
  • Quindi, raffreddate l’ustione. Per fare ciò, mettete l’area interessata sotto l’acqua corrente per alcuni minuti. È importante che l’acqua non sia troppo fredda. D’altro canto, possiamo anche imbibire delle compresse di garza con acqua o con una soluzione salina e applicarle sulle bruciature.
  • È importante pulire per bene l’area con acqua e sapone.
  • A seconda del grado d’ustione, ci rivolgeremo o meno a un medico. Nel caso delle scottature solari possiamo applicare una crema idratante per qualche giorno. Nel caso di ustioni più profonde, sarà fondamentale richiedere l’assistenza medica. In questi casi, il medico potrà persino prescrivere una pomata antibiotica.

Può interessarvi anche: Le scottature solari: 9 rimedi d’emergenza

Cosa non bisogna fare in caso di ustione

Primo soccorso
Bisognerà evitare di applicare direttamente del ghiaccio o rimedi quali il dentifricio, al fine di non complicare l’ustione.
  • Non si deve applicare ghiaccio o acqua ghiacciata direttamente sull’ustione. Rischiamo, altrimenti, di provocare più danni.
  • Se sono presenti vescicole, non vanno assolutamente perforate. Al contrario, non dobbiamo toccarle, altrimenti rischiamo di causare un’infezione.
  • Non dobbiamo somministrare antibiotici ai bambini senza prescrizione medica. Tra l’altro, non sono indicati in caso di ustioni.
  • Infine, evitiamo di applicare talco, burro o dentifricio. Contrariamente alle credenze popolari, l’applicazione di questi prodotti potrebbe peggiorare la situazione.

Ricordate che la pelle dei bambini è estremamente sensibile, pertanto anche nel caso di ustioni di primo grado, se il dolore è acuto o persiste nel tempo, non esitate a consultare il pediatra per escludere problematiche più serie.

Infine, non sottovalutate l’importanza della prevenzione. Sebbene prevenire gli incidenti domestici a volte sia impossibile, ricordate che è sempre positivo mantenere delle misure di sicurezza per ridurre i rischi al minimo.