Vomito dopo aver preso la pillola anticoncezionale

10 Dicembre 2020
Le pillole anticoncezionali rappresentano un metodo efficace per prevenire una gravidanza. Può accadere, però, che si verifichino degli imprevisti, come episodi di vomito. Quali misure bisogna adottare in questi casi?

La pillola anticoncezionale rappresenta un efficace metodo contraccettivo. Si stima, di fatto, che un’assunzione adeguata della stessa garantisca il 98-99% di successo. Ma cosa fare in caso di vomito dopo aver preso la pillola anticoncezionale?

Bisogna tenere conto delle misure da adottare in caso imprevisti. Uno di questi potrebbe essere proprio un episodio di vomito subito dopo aver preso la pillola anticoncezionale. Perché può accadere? Che cosa possiamo fare? Nelle righe che seguono risponderemo a questi interrogativi.

Come agiscono le pillole anticoncezionali?

Come è ben spiegato nelle faq riguardanti la contraccezione ormonale presenti sul sito del Ministero della Salute, le pillole anticoncezionali, o contraccettivi orali, sono farmaci che contengono ormoni in grado di modificare e regolare il ciclo mestruale della donna. Possono contenere un unico ormone oppure due ormoni combinati.

Dalla loro comparsa nell’industria farmaceutica a oggi, la loro concentrazione ormonale è stata ridotta, mantenendo tuttavia il loro effetto contraccettivo e migliorando, anzi, la propria efficacia.

Donna con blister di contraccettivi orali.
Le pillole anticoncezionali sono uno dei metodi più efficaci per la prevenzione di una gravidanza. Possono presentare tra i propri componenti un unico ormone oppure due ormoni combinati.

Quali formati esistono?

Dal momento che il ciclo mestruale femminile si ripete mediamente ogni 28 giorni, la maggior parte delle pillole anticoncezionali cercano di imitare questo ciclo presentando formati di 21 o 28 compresse.

  • I formati da 21 compresse prevedono un’assunzione giornaliera, con un periodo di “riposo” (durante il quale non bisogna prenderle) di una settimana; una volta concluso il mese, il ciclo ha nuovamente inizio.
  • I formati da 28 compresse non prevedono la settimana di riposo, ma vengono assunte tutti i giorni passando al nuovo blister quando si termina il precedente.

In entrambi i casi, negli ultimi 7 giorni devono presentarsi le perdite mestruali. In altre parole, se si assumono formati da 21 compresse, le mestruazioni coincideranno con la settimana di riposo; se si scelgono formati da 28 pillole, il ciclo si presenterà durante l’assunzione delle ultime 7 pillole.

È importante che l’assunzione venga ogni giorno e nello stesso orario: in questo modo le pillole anticoncezionali regolano il ciclo evitando l’ovulazione, in altre parole evitando che un ovulo sia disponibile ogni mese per la fecondazione.

In assenza dell’ovulo, è impossibile che il concepimento a seguito di rapporti sessuali. A tale scopo, tuttavia, l’assunzione regolare è fondamentale.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Pillole anticoncezionali: domande frequenti

Quali sono gli effetti indesiderati delle pillole anticoncezionali?

Al di là della loro sicurezza ed efficacia, i contraccettivi orali possono causare alcuni effetti indesiderati che, seppur non gravi, è importante conoscere e in presenza dei quali è bene contattare un medico.

  • Cefalea: il mal di testa associato all’uso di contraccettivi è documentato in un gruppo specifico di donne, per l’esattezza quelle che presentano precedenti di emicrania prima della terapia ormonale.
  • Alterazioni nello stato d’animo: non sono bruschi né pericolosi, ma sono legati al ciclo ormonale.
  • Aumento della sensibilità mammaria: questo fenomeno, riferito da alcune donne, è associato alla carica ormonale. Di solito non si tratta di dolore, ma di fastidio.
  • Aumento di peso: è stato rilevato all’inizio dell’assunzione di alcune combinazioni ormonali anticoncezionali, ma è reversibile. Con il tempo sarà possibile perdere i chili di troppo.
  • Nausea e vomito: anche questo effetto indesiderato è stato rilevato all’inizio dell’assunzione di contraccettivi orali, con la tendenza a scomparire in seguito all’uso continuato.

Vi consigliamo di leggere anche: Effetti collaterali degli anticoncezionali

Cosa fare in caso di vomito dopo aver preso la pillola anticoncezionale?

Secondo l’Istituto cileno di medicina riproduttiva, gli episodi di vomito possono alterare l’effetto dei contraccettivi. È ben diverso, tuttavia, vomitare subito dopo l’assunzione della pillola o a distanza di diverse ore.

L’effetto della pillola viene meno se il vomito si verifica entro le 3-4 ore successive all’assunzione. Questo, infatti, è il lasso di tempo necessario per la digestione della compressa.

Donna con vomito dopo aver preso la pillola.
Il vomito può alterare gli effetti della pillola anticoncezionale. Ecco perché è importante saper agire correttamente in base all’ora nella quale si manifesta questo sintomo.

Se ciò accade, gli ormoni non vengono correttamente assimilati dall’organismo a causa dell’alterazione a carico del processo digestivo. La misura da applicare in questa circostanza consiste nell’ingerire una nuova pillola anticoncezionale e seguire, nei giorni successivi, lo stesso orario di assunzione.

Con un unico episodio di vomito e l’assunzione di una nuova pillola, l’effetto anticoncezionale non subisce alterazioni. A questo scopo, la donna deve poter disporre di un blister supplementare di contraccettivi. Il ciclo di 21-28 giorni deve essere rispettato.

E nel caso di più episodi di vomito dopo aver preso la pillola anticoncezionale?

Può accadere anche che l’episodio di vomito non sia isolato, per esempio a causa di un’intossicazione alimentare o di una gastroenterite.

In questi casi, oltre a doversi rivolgere al  medico, la mancata digestione della pillola nell’orario e nella giornata corretti costringerà la donna a ricorrere a un altro metodo contraccettivo per evitare la gravidanza, per l’esattezza un metodo di barriera (preservativo).

  • World Health Organization : Medical eligibility criteria for contraceptive use Fifth edition 2015
  • Petitti DB. Clinical practice. Combination estrogen-progestin oral contraceptives. N Engl J Med 2003; 349:1443.
  • WHO (2004). «Low-dose combined oral contraceptives». Medical Eligibility Criteria for Contraceptive Use (3rd edición). Geneva: Reproductive Health and Research, WHO.
  • Curtis KM, Tepper NK, Jatlaoui TC, et al. U.S. Medical Eligibility Criteria for Contraceptive Use, 2016. MMWR Recomm Rep 2016; 65:1.
  • Hall, KS, White, KO, Reame, N. y Westhoff, C. (2010). Estudio del uso de la anticoncepción oral: una revisión de los enfoques de medición. Revista de salud de la mujer (2002) , 19 (12), 2203–2210. https://doi.org/10.1089/jwh.2010.1963
  • IT. del Sistema Nacional de Salud. Volumen 35, Nº 3/2011. Actualización en anticonceptivo hormonal.
  • Soledad Díaz, Verónica Schiappacasse. (2017). ¿Qué y cuáles son los métodos anticonceptivos? Instituto Chileno de Medicina Reproductiva. http://www.icmer.org/documentos/anticoncepcion/Que%20y%20cuales%20son%20los%20metodos%20anticonceptivos%2001122017.pdf