Che vuol dire avere il seno “denso”?

· 27 ottobre 2015
Così come il cancro al seno, il seno denso ha una componente genetica. Se questo è proprio il vostro caso, non dimenticatevi di sottoporvi a controlli periodici.

Nel nostro blog parliamo spesso dell’importanza di sottoporsi a controlli ginecologici regolari. Uno degli obiettivi di questi esami diagnostici è quello d’identificare il “seno denso”.

A cosa ci riferiamo quando usiamo questo termine? Il seno denso contiene meno tessuto grasso e più tessuto ghiandolare ed è più propenso allo sviluppo del cancro.

Bisogna specificare, però, che avere il seno denso non vuol dire che si contrarrà un tumore al 100%.

Il rischio è maggiore, è vero, e ciò ci ricorda l’importanza di sottoporsi a più controlli periodici per diagnosticare in tempo qualsiasi indizio di un tumore.

Secondo il Journal of the National Cancer, si tratta di una caratteristica che tutte le donne devono monitorare tramite i controlli medici. È altrettanto importante prevenire questo problema migliorando le proprie abitudini di vita sin da giovani.

I rischi che comporta avere il seno denso

Tra i rischi derivanti dal seno denso c'è il tumore al seno

Prima di tutto bisogna specificare che a occhio nudo è impossibile sapere se il seno è più denso della media oppure no. Dai 40 anni in poi, è consigliabile sottoporsi a un esame annuale per capire se si ha il seno denso.

A volte la mammografia non è chiara proprio a causa dell’alta densità del seno e della presenza di più tessuto ghiandolare. È allora che bisogna iniziare ad adottare delle misure.

Leggete anche: Riconoscere i primi sintomi del cancro al seno

Come abbiamo già detto, non bisogna allarmarsi o spaventarsi, ma bisogna essere prudenti e seguire tutti i consigli degli esperti per tenere sempre sotto controllo la salute del seno. E, soprattutto, la cosa importante è prevenire.

Secondo William Barlow, del Fred Hutchinson Cancer Research Centre di Seattle (Stati Uniti), il fatto di avere un seno più denso della media dipende dalla quantità di tessuto grasso e di tessuto fibro-ghiandolare della donna.

Quando siamo giovani, il seno è più fibroso, ma con gli anni il tessuto grasso sostituisce quello fibro-ghiandolare. C’è quindi bisogno di più esami medici.

Bisogna specificare, inoltre, che in alcuni casi avere il seno denso rende più difficile identificare un possibile tumore. Le immagini diagnostiche compaiono più scure e risulta difficile riuscire a identificare un’anormalità dei tessuti.

È per questo che gli specialisti, in questi casi, eseguono anche un’ecografia, oltre alla mammografia, poiché con questo esame la diagnosi è più precisa.

Cause del seno denso

La menopausa: il seno denso è più diffuso tra le donne in post menopausa, che soffrono di sovrappeso e hanno un indice di massa grassa più alto.

Fattore genetico: così come succede con il cancro al seno, il seno denso ha una componente genetica. Ciò significa che se in famiglia qualche parente ha sofferto di seno denso o di cancro al seno, dovete consultare subito il vostro medico per controlli periodici. Informarsi e prevenire salva milioni di vite tutti gli anni!

Scoprite anche 9 esercizi per rassodare il seno

È possibile prevenire il seno denso?

In caso di seno denso, uno stile di vita sano e molta attività fisica aiuta a mantenere una buona salute

Terapia ormonale

Secondo i medici, un modo di prevenire questa malattia è la terapia ormonale sostitutiva da iniziare dopo la menopausa, soprattutto nel caso di un fattore genetico.

Il National Cancer Institute di Bethesda (Stati Uniti) ha condotto dei test con la terapia ormonale su più di 7000 donne, dopo aver diagnosticato loro il seno denso.

Anche se il semplice fatto di sottomettersi a controlli mensili ha aiutato a prevenire il cancro, lo studio ha dimostrato che la cura ormonale può essere utile in molti casi (non in tutti, ma almeno per una percentuale alta).

Altri consigli utili

Per ridurre il rischio “nei limiti del possibile” ed evitare di avere un seno denso in futuro, è fondamentale ricordare le seguenti informazioni:

  • Non dimenticate i precedenti in famiglia: se vostra madre, vostra nonna, vostra zia o vostra sorella hanno sofferto di cancro al seno, è importante sottoporsi a controlli periodici.
  • Non fumare.
  • Mantenere un peso giusto per la vostra altezza ed età. Evitate soprattutto il sovrappeso, specie quando si arriva all’età della menopausa.
  • Evitate i cibi ricchi di grassi, zucchero bianco, farine raffinate e sale. Infiammano l’organismo e sono molto pericolosi per la salute.
  • Mangiate molta frutta e verdura fresca, soprattutto cruda. Evitate quindi i succhi del supermercato e mangiate una mela intera a colazione invece del classico pane e marmellata. Quando preparate un’insalata, non dimenticate gli ingredienti crudi, come spinaci, pezzetti di cipolla, pomodori ecc.
  • Evitate i cibi precotti e abituatevi a consumare prodotti freschi. Ricordate anche che la cosa giusta da fare è consumare 5 pasti al giorno, e non pranzi o cene abbondanti.
  • Bevete molti liquidi.
  • L’attività fisica è fondamentale nella vita di tutti i giorni per ridurre il rischio di avere un seno denso. Fate una passeggiata di mezz’ora tutti i giorni ed esercizi aerobici.
  • Dai 40 anni in poi, programmate una mammografia annuale. Consultate il vostro ginecologo e, nel caso di precedenti in famiglia, come abbiamo già detto, programmate visite più regolari per controllare la situazione e prevenire complicazioni.

Ricordate che, oltre a sottoporsi a prove diagnostiche come il MRI (l’imaging a risonanza magnetica), è importante fare anche delle ecografie. Nel caso di seno denso, infatti, questi esami sono più precisi nell’identificazione di possibili tumori.

Non dimenticate: la cosa più importante è prevenire.

Guarda anche