Alimenti anti-asma e amici dei polmoni

· 30 Luglio 2014
Le mele contengono bioflavonoidi, antistaminici naturali che contrastano l'infiammazione delle vie respiratorie.

L’asma è una malattia cronica del sistema respiratorio provocata da fattori diversi che possono portare a serie difficoltà respiratorie. Nonostante non esista, al momento, una cura definitiva è possibile tenerla sotto controllo con i farmaci. Così, allo stesso tempo possiamo alleviarne i sintomi facendo attenzione a quello che mangiamo. Ecco alcuni tra i migliori alimenti anti-asma.

10 alimenti anti-asma

1. Avocado

L’avocado è un’ottima scelta per chi soffre d’asma, soprattutto se è associata a un’allergia alle noci. L’avocado, inoltre, contiene glutatione. Si tratta di un antiossidante capace di proteggere le cellule dai radicali liberi, oltre ad avere un forte potere disintossicante.

2. Broccoli

Broccoli uno degli alimenti anti-asma

Alcuni studi recenti suggeriscono che mangiare spesso i broccoli aiuti le persone asmatiche a evitare i fastidiosi effetti di questo disturbo. In questo senso, è stato dimostrato che mangiare broccoli riduce il rischio di infiammazione delle vie respiratorie. Contribuisce, inoltre all’eliminazione dei radicali liberi.

3. Mele

Le mele sono un altro tra gli alimenti anti-asma. Gli esperti affermano che questo effetto sia dovuto alla grande quantità di bioflavonoidi che contengono, tra cui la quercetina. Tra le varie proprietà che possiedono, ricordiamo l’effetto antiasmatico e antinfiammatorio sulle vie respiratorie.

Leggete anche: Ricetta della torta di mele: versione alternativa

4. Banane

Le banane possono agevolare la respirazione, quindi sono altamente consigliate a chi soffre d’asma. Contengono piridoxina, comunemente conosciuta come vitamina B6. Una delle funzioni di questa vitamina è rilassare il tessuto del muscolo liscio bronchiale.

5. Zenzero

Chi soffre d’asma può consumare anche lo zenzero. Alcune ricerche sostengono che lo zenzero contiene sostanze antinfiammatorie utili per trattare questo disturbo. Tali sostanze sarebbero proprio quelle che conferiscono a questa radice il suo caratteristico sapore piccante.

6. Spinaci

spinaci

Gli spinaci sono, di certo, un alimento molto salutare. È stato riconosciuto di recente, che uno dei benefici che offrono è proprio la capacità di prevenire l’asma. Questo non deve sorprendere, vista la loro grande quantità di nutrienti e vitamine essenziali per il corretto funzionamento del corpo.

7. Rosmarino

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, il rosmarino è molto indicato in caso di asma. Con il rosmarino, infatti, possiamo mantenere in buono stato l’apparato respiratorio e aperte le vie aeree.

Leggete anche: Benefici e usi del rosmarino per la salute

8. Semi di girasole

I semi di girasole contengono numerosi nutrienti e proprietà di grande utilità. Tra le sostanze che più aiutano a evitare gli attacchi di asma troviamo, ad esempio, la vitamina E, il potassio e il magnesio. Tuttavia, non sono sempre indicati. In alcuni persone, infatti, possono causare allergia.

9. Menta

Foglie di menta

La menta contiene principi attivi in grado di liberare le vie aeree. A partire da quest’erba curativa, infatti, vengono elaborati diversi prodotti e trattamenti per i disturbi dell’apparato respiratorio.

10. Alimenti ricchi di vitamina C

Infine, nella dieta di chi soffre d’asma non dovrebbero mancare gli alimenti ricchi di vitamina C. Come si sa, questa vitamina ha importanti benefici per le vie respiratorie. Ha, inoltre, un interessante effetto antisettico.

  • Ravikumar, C. (2015). Therapeutic potential of Brassica oleracea (broccoli) - A review. International Journal of Drug Development and Research.
  • Khan, A. M., Shahzad, M., Raza Asim, M. B., Imran, M., & Shabbir, A. (2015). Zingiber officinale ameliorates allergic asthma via suppression of Th2-mediated immune response. Pharmaceutical Biology. https://doi.org/10.3109/13880209.2014.920396
  • Boyer, J., & Liu, R. H. (2004). Apple phytochemicals and their health benefits. Nutrition Journal. https://doi.org/10.1186/1475-2891-3-1