8 sane abitudini per mantenere il seno in salute

9 ottobre 2016
Anche se a volte ci assalgono la noia e la pigrizia, fare attività fisica è altamente consigliato per prevenire eventuali problemi di salute al seno, dal momento che, facendo sport, aiutiamo il nostro organismo ad eliminare le tossine e a liberare il sistema linfatico

Il seno è un elemento distintivo del corpo femminile, oltre ad essere uno dei suoi principali componenti di attrazione fisica.

Durante la pubertà, fino ad arrivare all’età adulta, i tessuti mammari  si sviluppano fino a raggiungere una dimensione e una forma diverse per ogni donna.

Il seno non solo diventerà una fonte di alimento per i neonati, durante l’età riproduttiva, ma sarà anche una componente sessuale importante che attrae e dà piacere.

Nonostante tutto, proprio come può succedere anche ad altre parti del corpo, ci sono malattie che possono colpire il seno e compromettere la nostra salute.

Per questo motivo, è di vitale importanza tenere il seno sotto controllo per individuare qualsiasi possibile anomalia.

Oltre ad un controllo costante e regolare, è bene adottare una serie di buone abitudini che ci aiutino a mantenere il nostro seno in buona salute.

A seguire vogliamo condividere insieme a voi le 8 migliori abitudini, per iniziare fin da oggi a metterle in pratica.

Abitudini per prendersi cura del seno

1. Massaggi

massaggio-seno

I massaggi regolari al seno sono uno dei modi migliori per attivare il flusso linfatico e la circolazione nel tessuto mammario.

Il massaggio inizia con una leggera pressione partendo dalla zona ascellare, per continuare sulla parte laterale del seno e terminare esercitando una leggera pressione sul capezzolo.

Questo massaggio non va confuso con l’autopalpazione mensile, anche se può essere utile per rilevare qualche anomalia.

Leggere anche: Quattro autoesami che potrebbero salvarvi la vita

2. Mantenere il peso forma

Le donne che presentano sovrappeso e obesità hanno maggiori possibilità di sviluppare un cancro al seno rispetto a quelle che mantengono il loro peso sotto controllo.

Mantenere il peso ideale è, prima di tutto, una questione di salute: bisogna, quindi, seguire una dieta equilibrata, fare esercizio fisico con regolarità e adottare uno stile di vita sano.

3. Fare esercizio fisico

esercizio-fisico

L’esercizio fisico quotidiano è il modo più efficace per evitare ostruzioni al sistema linfatico, dal momento che facendo sport eliminiamo le tossine che circolano in esso.

Il National Cancer Institute Usa ha rivelato che chi pratica un’attività fisica regolare riduce le probabilità di sviluppare un tumore da un minimo del 7% ad un massimo del 42 %, a seconda dei tipi di cancro.

Con la pratica regolare di attività fisica, inoltre, vengo liberati degli ormoni capaci di proteggerci di fronte allo sviluppo di cellule cancerogene nel seno, oltre ad aiutarci a mantenere il peso forma.

4. Sudare

I liquidi che vengono espulsi quando sudiamo contengono residui di cui il nostro organismo non ha bisogno e che, se non fossero eliminati, potrebbero provocare gravi problemi di salute.

Quando sudiamo, durante determinate attività, durante una sessione di esercizi o magari una sauna, rafforziamo il sistema immunitario e contribuiamo, di conseguenza, a mantenere in buona salute anche il nostro seno.

5. Evitare gli alcolici

consumo-alcolici

Bere alcolici in eccesso porta ad un accumulo di tossine nel nostro organismo e diminuisce il rendimento degli organi destinati ad eliminare le scorie.

Di conseguenza, aumenta la ritenzione idrica, il rischio di tumori e altre patologie derivate dalle infiammazioni del nostro corpo.

È stato scientificamente dimostrato che un bere molti alcolici aumenta fino ad un 20 % le probabilità di soffrire di cancro al seno.

Tuttavia, l’assunzione moderata (un bicchiere al giorno) di vino rosso, invece, può proteggere il seno delle donne grazie all’effetto del resveratrolo.

6. Conoscere gli antecedenti familiari

È stato calcolato che più del 15% dei casi di tumore al seno si sviluppano a causa di un fattore ereditario.

Se un nostro familiare di primo grado ha sofferto di questo genere di tumore, il rischio di svilupparlo aumenta da due a cinque volte.

Esserne consapevoli ci porterà a realizzare periodici controlli medici e a prevenire, per poter individuare in tempo eventuali anomalie al seno.

7. Eseguire controlli periodici

mammografia

Dal momento che i fattori che possono provocare un cancro al seno (ma anche cisti e altri problemi simili) sono numerosi, la cosa migliore è effettuare controlli periodici e regolari, almeno ogni tre anni.

A partire dai quarant’anni, soprattutto quando esiste un alto rischio a causa dei precedenti familiari, le prove andrebbero eseguite ogni anno.

È fondamentale, inoltre, che questi controlli medici inizino una decina di anni prima rispetto all’età in cui il nostro familiare ha sviluppato il tumore al seno.

Vi consigliamo anche la lettura di: Ipersensibilità e infiammazione del seno: le cause

8. Bere molta acqua

Bere ogni giorno acqua agisce come un combustibile per le nostre cellule e la sua funzione primaria consiste nell’apportare tutti i nutrienti di cui esse hanno bisogno, soprattutto vitamine e minerali.

L’acqua naturale ci aiuta a disintossicare il corpo e favorisce il buon funzionamento del nostro sistema linfatico e circolatorio.

Ecco, quindi, come prenderci cura del nostro seno e i motivi per farlo. Se siete persone un po’ distratte al riguardo, perché non iniziare a tenere in considerazione questi semplici consigli e  mantenere il vostro seno in buona salute e limitare ogni tipo di rischio?

Guarda anche