Aborto dopo la fecondazione in vitro: perché succede?

L'aborto dopo la fecondazione in vitro è una situazione psicologicamente impegnativa. È importante prendersi del tempo per stabilire la possibile causa dell'accaduto.
Aborto dopo la fecondazione in vitro: perché succede?

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2022

Affrontare un aborto dopo la fecondazione in vitro (IVF) è una situazione frustrante. Il trattamento di riproduzione assistita di per sé è impegnativo, ma genera anche aspettative elevate che improvvisamente vengono disattese.

Non è facile affrontare una perdita del genere. In ogni caso, oltre ad avvicinarsi all’aborto da un punto di vista psicologico, è importante anche stabilirne le cause.

Va notato che un aborto dopo la fecondazione in vitro non è un segno che la gravidanza sia impossibile. Tuttavia, per avere successo in un nuovo tentativo, a volte è necessario identificare i fattori che potrebbero ostacolare una nuova gravidanza.

Aborto dopo la fecondazione in vitro: dati disponibili

Sulla base dei dati disponibili, il rischio di aborto spontaneo è leggermente aumentato nelle gravidanze concepite attraverso la fecondazione in vitro. L’American Pregnancy Association osserva che la possibilità di aborto spontaneo in una gravidanza naturale è compresa tra il 10 e il 25%; in uno che è un prodotto della fecondazione in vitro è del 22%.

Come si può notare, la differenza non è significativa. Bisogna infatti tener conto del fatto che la specie umana è abbastanza inefficiente nelle gravidanze, rispetto ad altri mammiferi. Si stima che tra il 60% e il 70% si perda spontaneamente nelle prime settimane di gravidanza, ma passi inosservato.

Tutto quanto sopra ci permette di sottolineare che l’aborto dopo la fecondazione in vitro è raramente correlato al trattamento di riproduzione assistita in quanto tale. In questi casi entrano in gioco altri fattori, come vedremo di seguito.

Perché succede?

Si stima che tra il 70% e l’80% dei casi di aborto dopo la fecondazione in vitro siano dovuti ad alterazioni cromosomiche dell’embrione. Tuttavia, le alterazioni cromosomiche sono strettamente associate all’età della madre.

Con il passare degli anni, aumenta la probabilità che i cromosomi si dividano in modo errato, portando ad anomalie. La relazione tra il tasso di aborto spontaneo e l’età è la seguente:

  • Sotto i 35 anni: hai il 15% di possibilità di avere un aborto spontaneo.
  • Tra 35 e 39 anni: la probabilità è del 25%.
  • Tra 40 e 44 anni: probabilità del 51%.
  • Oltre 45 anni: una probabilità del 93,4%.

L’età è considerata il principale fattore di rischio di aborto spontaneo dopo la fecondazione in vitro. Altri fattori che possono influenzare sono l’impianto disfunzionale, la malformazione uterina e, in misura minore, infezioni, traumi, malattie materne o agenti chimici.

Gravidanza in una donna anziana.
Più la madre è anziana, più la gravidanza è a rischio.

Come affrontarlo?

L’aborto dopo la fecondazione in vitro è una grande sfida psicologica. Provi rabbia, tristezza e impotenza di fronte a un evento di questa natura. La prima cosa da tenere a mente è che è normale sentirsi in questo modo e che non c’è motivo di reprimere o nascondere quei sentimenti.

È molto importante identificare e accettare tutte quelle emozioni. Questi tipi di perdite comportano il passaggio attraverso un processo di lutto, che ha diverse fasi. Devi dare tempo al tempo e non sforzarti di superare la situazione il prima possibile.

È conveniente enfatizzare la cura di sé. Mangia in modo equilibrato, dormi e riposa a sufficienza, non rinunciare all’attività fisica e alla vita sociale. I momenti di solitudine sono positivi, ma non l’isolamento. È bene lasciarsi aiutare e, se necessario, rivolgersi a un professionista.

In circa 1 o 2 mesi gli effetti fisici dell’aborto vengono superati. Il recupero emotivo richiede più tempo e richiede pazienza. Mantenere un atteggiamento positivo, valorizzando le lezioni apprese, aiuta molto a uscire dal dolore.

È possibile una nuova gravidanza?

La maggior parte delle donne che ha subito un abortito dopo la fecondazione in vitro non ha problemi a concepire di nuovo. Tuttavia, se sei una madre anziana, potrebbe essere necessario riesaminare i pro e i contro.

Allo stesso modo, quando si è verificato più di un aborto dopo la fecondazione in vitro, è necessario esaminare attentamente la situazione. In questi casi, la cosa più consigliabile è effettuare una valutazione medica molto completa per stabilire le cause delle perdite successive e determinare se è necessario un trattamento aggiuntivo.

Lo studio medico permette anche di stabilire se altri trattamenti, come la fecondazione in vitro mediante la donazione di ovuli, sono più efficaci. Allo stesso modo, se viene inclusa una diagnosi genetica preimpianto (PGD), è possibile ridurre il rischio di aborto spontaneo dopo la fecondazione in vitro.

Fecondazione in vitro.
Studi complementari aggiungono dati preziosi per i medici che eseguono trattamenti di riproduzione assistita.

Meglio non prendere decisioni affrettate

È normale, a seguito di un aborto dopo la fecondazione in vitro, avere voglia di tentare un nuovo concepimento il più rapidamente possibile. Tuttavia, è meglio aspettare un po’ prima di un nuovo trattamento.

Gli aborti ricorrenti dopo la fecondazione in vitro non sono necessariamente un segno di un problema serio. È meglio prendersi del tempo per svolgere gli studi medici corrispondenti, valutare la situazione e prendere decisioni ponderate.

Potrebbe interessarti ...
Tipi di aborto che dovreste conoscere
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Tipi di aborto che dovreste conoscere

L'aborto è l'interruzione della gravidanza prima dei 180 giorni di gestazione. Esistono tre tipi di aborto: spontaneo, naturale o indotto.



  • Fuentes, A., Sequeira, K., & Tapia-Pizarro, A. (2021). Efectos demográficos, clínicos y biológicos de la postergación de la maternidad. Revista Médica Clínica Las Condes, 32(2), 146-160.
  • Souto Galván, B. (2006). Dilemas éticos sobre la reproducción humana. La gestación de sustitución. Feminismo/s, Nº 8 (dic. 2006); pp. 181-195.
  • Neal, Shelby A., et al. “Preimplantation genetic testing for aneuploidy is cost-effective, shortens treatment time, and reduces the risk of failed embryo transfer and clinical miscarriage.” Fertility and sterility 110.5 (2018): 896-904.
  • Kushner-Dávalos, L. (2010). La fertilización in vitro: beneficios, riesgos y futuro. Revista Científica Ciencia Médica, 13(2), 77-80.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.