Actinodermatosi: misure di prevenzione

I responsabili dell'effetto dannoso del sole sono soprattutto i raggi ultravioletti. Gli UVB colpiscono l'epidermide, ma gli UVA sono più pericolosi perché raggiungono il derma.
Actinodermatosi: misure di prevenzione

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio, 2021

L’actinodermatosi è una condizione cronica della pelle che viene attribuita all’azione dei raggi ultravioletti. Può essere evitata attraverso i filtri e le creme solari. Pertanto, con l’uso della protezione solare, è possibile prevenire questa malattia che spesso causa arrossamenti e macchie sulla pelle.

Salvo i casi di persone particolarmente sensibili alla luce, l’applicazione di creme protettive che filtrano i raggi solari dovrebbe essere sufficiente per prevenire l’actinodermatosi. Quali sono le cause? Come possiamo riconoscerla? Ne parliamo in questo articolo.

Cause dell’actinodermatosi

L’effetto dannoso del sole sulla pelle è causato dai raggi ultravioletti, in particolare i raggi UVB, che sebbene minori, sono molto potenti e colpiscono l’epidermide.

Ma i raggi UVA sono molto più pericolosi perché riescono a raggiungere il derma. Queste radiazioni costituiscono la maggior parte dei raggi ultravioletti solari e sono presenti tutto l’anno.

Reazione allergica.
L’actinodermatosi è una malattia dermatologica attribuita agli effetti negativi della luce solare. Spesso provoca arrossamenti, macchie e segni di invecchiamento precoce.

Sintomi e manifestazioni dell’actinodermatosi

I danni immediati provocati dai raggi UVB a seguito di una prolungata e scorretta esposizione al sole possono essere eritemi, ustioni e orticaria. Tuttavia, i suoi effetti tardivi sono più complessi. I principali colpevoli sono i raggi UVA che penetrano in profondità e provocano:

  • Punti neri.
  • Cheratosi (ispessimento della pelle).
  • Invecchiamento precoce.
  • Degradazione dei fosfolipidi della membrana.

Nel tempo e dopo successive esposizioni prolungate al sole, possono danneggiare il DNA cellulare e sviluppare una predisposizione alla comparsa del melanoma.

Effetti dei raggi UV sulla pelle

Le radiazioni ultraviolette sulla pelle provocano gravi conseguenze, tra cui:

Invecchiamento della pelle e comparsa delle rughe

Le persone che hanno trascorso molti anni della loro vita lavorando all’aperto sviluppano un invecchiamento cutaneo precoce. Questo si manifesta nella consistenza e l’elasticità della pelle e con una maggiore formazione di rughe e macchie.

Cancro della pelle

La luce solare è un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro della pelle, sia del carcinoma a cellule basali che squamose e del melanoma. Il 90% di questi tumori compare nelle zone della pelle esposte al sole: viso, collo, orecchie, mani e avambracci.

Reazioni allergiche

Alcune persone sviluppano reazioni cutanee allergiche. In alcuni casi, queste reazioni possono comparire dopo l’esposizione al sole. I sintomi possono essere macchie rosse, vesciche e orticaria sulle aree più esposte, come il viso, il petto, le braccia e le mani.

Come prevenire l’actinodermatosi?

Innanzitutto bisogna proteggersi, non solo dai raggi UVB, ma anche dai raggi UVA. Per questo, una protezione solare ad ampio spettro è ideale per ripristinare e mantenere l’idratazione e le funzioni della barriera cutanea.

La protezione solare può aiutare a prevenire i danni indotti dalla luce solare e ridurre il rischio di cancro. Inoltre, è bene evitare di esporsi al sole durante ore centrali della giornata ed è bene indossare gli abiti adeguati.

Donna che si mette la crema solare.
L’applicazione della crema solare è una delle misure più importanti per prevenire l’actinodermatosi. Le persone con la pelle delicata dovrebbero scegliere un fattore di protezione non inferiore a 30.

Cappello e ombrellone

Gli indumenti appropriati dovrebbero essere di un tessuto sufficientemente coprente; inoltre, è bene indossare cappelli a tesa larga per proteggere il viso. È necessario anche indossare gli occhiali da sole per proteggere gli occhi.

Ombrelli e cappelli proteggono dai raggi UV che colpiscono verticalmente, ma non dalla luce diffusa prodotta dal riflesso su acqua, sabbia e altre superfici.

La crema solare

I fotoprotettori agiscono assorbendo o riflettendo i raggi del sole sulla pelle. Il fattore di protezione solare (SPF) è quel numero che specifica il grado di protezione dai raggi UV.

La maggior parte delle protezioni solari riescono a proteggerci dai raggi UVB, che provocano arrossamenti e scottature. Tuttavia, non riescono ad evitare totalmente l’azione dei raggi UVA, che è associata a danni alla pelle e al cancro.

Le creme e i filtri solari devono avere un fattore di protezione di almeno 15. Le persone con la pelle più bianca e gli occhi chiari, che si scottano facilmente, hanno bisogno di una protezione di indice più alto, come 30 o 50.

Nessuna crema solare ha una durata d’azione superiore a 2 ore, quindi deve essere applicata frequentemente. Soprattutto mentre facciamo sport, sudiamo e ci bagniamo in acqua. Inoltre, si consiglia di applicarla mezz’ora prima di esporsi al sole per assicurarne l’efficacia.

Potrebbe interessarti ...
La regola ABCDE in dermatologia
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
La regola ABCDE in dermatologia

La regola ABDCE è un test diagnostico per scoprire se un neo o una macchia sulla pelle può essere di origine maligna. In caso di dubbio, dobbiamo c...



  • Tamayo, V., Úmariega, M. A. G. O., Amayo, M. A. V. E. T., & Amar, Á. N. S. Á. (2009). La radiación ultravioleta. Su efecto dañino y consecuencias para la salud humana. Redalyc Sistema de Información Científica.
  • American Cancer Society. (2017). ¿Qué es la radiación ultravioleta (UV)? Cancer.Org.
  • Schmidt, C. W. (2013). Las radiaciones ultravioleta y el cáncer de piel. Salud Publica de Mexico. https://doi.org/10.1590/S0036-36342013000100014
  • Hornung, R. L. (2011). Photoprotection. In Harper’s Textbook of Pediatric Dermatology: Third Edition (Vol. 1, pp. 1–19). Wiley-Blackwell. https://doi.org/10.1002/9781444345384.ch108

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.