Alcol e malattie dell'apparato digerente: quali conseguenze?

L'assunzione di alcol è controindicata per la salute. Ancor più quando si soffre di patologie dell'apparato digerente, poiché ne peggiora i sintomi.
Alcol e malattie dell'apparato digerente: quali conseguenze?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2022

Indipendentemente dalla dose assunta, l’alcol è una sostanza tossica che può causare alterazioni alle malattie dell’apparato digerente, al punto da peggiorarne la prognosi. Anche se dovrebbe essere limitato in qualsiasi dieta, è necessario prestare particolare attenzione quando è presente una patologia cronica e di origine infiammatoria.

In questi casi, l’assunzione di alcol può portare ad altre complicazioni. Sebbene sia una bevanda accettata nella società, rimane comunque dannosa per la salute. A medio e lungo termine tende a causare danni, anche con un consumo moderato.

Gli effetti dell’alcol sul corpo

La prima cosa da notare è che l’alcol aumenta i livelli di infiammazione. Questo è davvero brutto, indipendentemente dal fatto che le malattie croniche esistano già o meno.

Quando si sviluppa uno stato di infiammazione cronica di basso grado, i processi fisiologici del corpo diminuiscono di efficienza. Pertanto, come evidenziato da una ricerca pubblicata sul British Journal of Nutrition , la salute tende a deteriorarsi.

In effetti, questa cattiva abitudine altera anche l’ambiente ormonale. In particolare provoca una diminuzione dei livelli di testosterone e aumenta la concentrazione di cortisolo. A sua volta, inibisce la sintesi proteica, portando alla degradazione del muscolo scheletrico.

Questo meccanismo aumenta ulteriormente il processo infiammatorio e provoca cambiamenti dannosi nel funzionamento del metabolismo. E sebbene entrambi i sessi siano colpiti, si ritiene che sia particolarmente dannoso per gli uomini.

La ragione? Una diminuzione dei livelli di testosterone è correlata ad una maggiore tendenza all’invecchiamento. Dopotutto, stiamo parlando del principale ormone sessuale.

Questi effetti peggiorano dopo i 40 anni, quando le abitudini di vita non vengono corrette. Può manifestarsi in vari disturbi di salute.

la donna beve alcolici
Sebbene le bevande alcoliche siano normali nella società, sono raggruppate tra le sostanze tossiche per l’organismo.

Per saperne di più: Binge drinking: quali conseguenze?

Alcol e patologie digestive

Oltre ai problemi citati, vanno evidenziati anche gli effetti dell’alcol sul microbiota intestinale. Uno studio pubblicato sulla rivista Behavioral Brain Research afferma che riduce la densità e la diversità dei batteri che abitano il tubo, aumentando il rischio di disbiosi.

Una volta alterato il microbiota, i processi digestivi iniziano a deteriorarsi. Ciò può comportare intolleranze o un aumento dei sintomi associati a patologie intestinali. Inoltre, il veleno stesso potrebbe essere la causa di alcuni di essi, come ulcere o reflusso gastroesofageo.

Infatti, quando si soffre di quest’ultima condizione, è bene evitare l’assunzione di alcol e sostanze irritanti. D’altra parte, l’ingestione di questo tipo di bevanda può modificare l’assorbimento di alcuni nutrienti o l’omeostasi dell’organismo.

Per essere più precisi, tende a causare ipoglicemia acuta, anche se a medio termine ciò che genera è insulino-resistenza. Anche fegato grasso, che condiziona negativamente il funzionamento del metabolismo. Comunque sia, è meglio evitare la presenza di detto elemento nella dieta, anche in modo tempestivo.

Alcool e secrezione acida

Non bisogna nemmeno dimenticare che il consumo di alcol può alterare la produzione di acido nello stomaco. Se il tessuto è danneggiato per qualsiasi motivo, ciò aggraverebbe i sintomi.

In questo contesto, la cosa più opportuna è proporre una dieta soft e aumentare l’apporto di vitamina C per favorire la sintesi del collagene e ottenere un adeguato recupero.

In definitiva, è fondamentale ricordare che l’assunzione stessa di queste bevande è considerata un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro nel tratto digestivo. Sia l’esofago che lo stomaco e l’intestino vedranno il loro epitelio modificato a causa della presenza del veleno nella dieta. A lungo termine, questo porta alla genesi delle cellule maligne.

Relazione alcol e malattie dell'apparato digerente.
L’alcol rende croniche le malattie dell’apparato digerente e ne peggiora i sintomi.

Potrebbe interessarti anche: Alcol e farmaci: possono essere consumati insieme?

L’alcol è altamente dannoso per le malattie dell’apparato digerente!

In caso di patologie digestive, è necessario evitare del tutto il consumo di bevande alcoliche. In caso contrario, i sintomi potrebbero peggiorare o le condizioni potrebbero progredire più rapidamente.

Queste sostanze tossiche dovrebbero essere evitate in qualsiasi contesto. Sebbene fino a qualche anno fa si ipotizzasse che una piccola quantità potesse proteggere il sistema cardiovascolare, ora è noto che questo è del tutto incerto.

Pertanto, dobbiamo smettere di normalizzarne il consumo e, per quanto possibile, rifiutarlo. Molto meglio dare la priorità al consumo di acqua minerale, che è la migliore fonte di idratazione per il corpo.

Potrebbe interessarti ...
4 consigli per smettere di bere alcolici
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
4 consigli per smettere di bere alcolici

Smettere di bere alcolici è molto difficile, nonostante il consumo provochi ingenti danni. Ecco alcuni suggerimenti.



  • Minihane, A. M., Vinoy, S., Russell, W. R., Baka, A., Roche, H. M., Tuohy, K. M., Teeling, J. L., Blaak, E. E., Fenech, M., Vauzour, D., McArdle, H. J., Kremer, B. H., Sterkman, L., Vafeiadou, K., Benedetti, M. M., Williams, C. M., & Calder, P. C. (2015). Low-grade inflammation, diet composition and health: current research evidence and its translation. The British journal of nutrition114(7), 999–1012. https://doi.org/10.1017/S0007114515002093
  • Qamar, N., Castano, D., Patt, C., Chu, T., Cottrell, J., & Chang, S. L. (2019). Meta-analysis of alcohol induced gut dysbiosis and the resulting behavioral impact. Behavioural brain research376, 112196. https://doi.org/10.1016/j.bbr.2019.112196
  • Sethi, S., & Richter, J. E. (2017). Diet and gastroesophageal reflux disease: role in pathogenesis and management. Current opinion in gastroenterology33(2), 107–111. https://doi.org/10.1097/MOG.0000000000000337

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.