La vitamina C aiuta a combattere l'allergia?

Molto spesso con il cambio stagione arriva la fastidiosa allergia. Vi spieghiamo oggi come combatterla grazie al consumo di vitamina C.
La vitamina C aiuta a combattere l'allergia?

Ultimo aggiornamento: 23 agosto, 2021

La vitamina C aiuta a combattere l’allergia grazie al suo potente effetto naturalmente antistaminico e antiallergico. Questo comporta un miglioramento dei sintomi e, nel tempo, a un ridotto numero di episodi futuri.

Non trascurare l’allergia è molto importante, visto che potrebbe sfociare in patologie più gravi, come la sinusite o l’asma. Questi ultimi non sono all’origine dell’allergia, ma potrebbero complicare l’evoluzione di questi disturbi.

Dobbiamo dire che le forme più comuni sono le allergie stagionali, visto che dipendono da fattori esterni, come l’accumulo di polvere, i peli del cane, l’umidità o da elevate concentrazioni di polline. Sono perlopiù dovute al cambio stagione, con le conseguenti modifiche ambientali.

Cos’è la vitamina C?

Le vitamine sono molto importanti per il corretto funzionamento del corpo. In particolare, la vitamina C (o acido ascorbico) è il segreto per il benessere della pelle, delle ossa e del tessuto connettivo.

Contiene anche proprietà antiossidanti che stimolano la rigenerazione dei tessuti e una corretta cicatrizzazione. Inoltre, è fondamentale nel processo di produzione del collagene e ottimizza l’assorbimento di minerali come il ferro.

Tali funzioni metaboliche hanno luogo in presenza di livelli adeguati di questo nutriente. Favorisce, inoltre, la guarigione dalle lesioni, che si spiega con il suo effetto sui fibroblasti. Questi ultimi sono le cellule responsabili della fabbricazione di collagene, la proteina prevalente nel corpo, nonché quella che favorisce la tonicità della pelle. Oltre a un effetto antiossidante, all’acido ascorbico viene attribuita la capacità di rallentare l’invecchiamento.

Dunque, il suo consumo non solo ci aiuterà a combattere l’allergia ma anche a mantenere l’organismo sano e forte. Il valore nutrizionale generale delle sostanze ha un certo impatto anche sul sistema immunitario, ripercuotendosi sull’azione dei globuli bianchi, coinvolti nei meccanismi di reazione agli allergeni.

Reazione allergica
La rinite è una forma di allergia di tipo stagionale che si fa sentire soprattutto in primavera.

Qual è il suo ruolo nel trattamento dell’allergia?

La vitamina C è stata studiata allo scopo di determinare i suoi effetti sulle varie forme di allergia e ha dimostrato di contribuire a rafforzare il sistema immunitario delle persone, in caso di episodi di rinite allergica. Questo significa che è un coadiuvante nel trattamento di questo disturbo.

Ora, parlando del  modo in cui la vitamina combatte l’allergia, tra gli effetti si osservano una riduzione della secrezione nasale, dell’arrossamento degli occhi e degli starnuti. In effetti, stiamo parlando di sintomi molto comuni e fastidiosi, che si tratti di reazioni allergiche stagionali o di comune allergia.

Potrebbe interessarvi anche: Rinite allergica: 4 rimedi naturali

Il giusto dosaggio di questa vitamina

La vitamina C aiuta a combattere l’allergia, se assunta regolarmente e nelle dosi di cui l’organismo ha bisogno. Ma niente paura, perché può darsi che la stiate assumendo correttamente senza saperlo.

L’acido ascorbico è presente in molti degli alimenti che consumiamo regolarmente. In particolare, si trova nelle verdure come i broccoli o il prezzemolo, e nella frutta, come nel ribes, nelle fragole, nelle arance, nei limoni, nella guava e nel kiwi.

Dovete considerare che cucinare o conservare a lungo un alimento può portarlo a disperdere il suo concentrato di vitamina C. Proprio per questo, l’ideale è consumare frutta a crudo. Nel caso delle verdure, la cottura a vapore può aiutare.

La dose raccomandata di questa vitamina dipende dalla fase della vita in cui ci troviamo. Dunque, un uomo adulto dovrà consumare in totale 90 milligrammi di vitamina C, mentre una donna adulta ne dovrà consumare 75 milligrammi al giorno.

Ci sono poi le donne in gravidanza, che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dovrebbero ingerire un massimo di 60 milligrammi di vitamina C al giorno, anche se la quantità necessaria potrebbe aumentare durante l’allattamento.

Integratori a base di vitamina C

Oggi è facile reperire diversi tipi di integratori alimentari che contengono vitamina C. Ad ogni modo, ricordiamo che è bene assumerli previa autorizzazione del nostro medico di base.

Il consumo di questi integratori si raccomanda soprattutto a coloro che hanno difficoltà ad assorbire questa vitamina attraverso l’alimentazione. Tuttavia, il consiglio è di non eccedere nel consumo, in modo da evitare effetti indesiderati come quelli gastrointestinali (vale a dire, bruciore alla bocca dello stomaco, diarrea, nausea e vomito).

Alimenti con vitamina C
Gli agrumi sono una fonte preziosa di vitamina C, ma sono disponibili anche gli integratori da banco.

Potrebbe interessarvi anche leggere: Eccesso di vitamina D: conseguenze

La vitamina C aiuta a combattere l’allergia

In effetti la vitamina C è utile nella lotta all’allergia, quindi assicuratevi di seguire una dieta equilibrata, che includa i tipi di frutta e verdura menzionati in questo articolo. Il successo di questo approccio naturale risiede nella costanza, anche in presenza di episodi di allergia.

In questo modo, gli effetti dell’allergia in inverno e in primavera potrebbero attenuarsi, così come i sintomi che influiscono sulla qualità della vostra vita. Se siete asmatici, avete un motivo in più per provare.

Potrebbe interessarti ...
Vitamine idrosolubili: quali sono?
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Vitamine idrosolubili: quali sono?

Le vitamine idrosolubili si sciolgono in acqua e non si accumulano nell'organismo. Vediamo quali sono, dove si trovano e cosa provoca una loro care...



  • Vollbracht, C., Raithel, M., Krick, B., Kraft, K. y Hagel, AF (2018). Vitamina C intravenosa en el tratamiento de alergias: un análisis de subgrupos intermedios de un estudio observacional a largo plazo. Revista de investigación médica internacional , 46 (9), 3640–3655. https://doi.org/10.1177/0300060518777044
  • Carr, A. C., & Maggini, S. (2017). Vitamin C and Immune Function. Nutrients, 9(11), 1211. https://doi.org/10.3390/nu9111211
  • Chambial, S., Dwivedi, S., Shukla, K. K., John, P. J., & Sharma, P. (2013). Vitamin C in disease prevention and cure: an overview. Indian journal of clinical biochemistry : IJCB28(4), 314–328. https://doi.org/10.1007/s12291-013-0375-3
  • “Datos sobre la vitamina C”. National Institutes of Health Office of Dietary Supplements (2019).
  • García-Casal, M., Landaeta, M., de Baptista G., Murillo, C., Rincón, M., Bou Rached, L., Bilbao, A., Anderon, H., García, D., Franquiz, J., Puche, R., García, O., Quintero, Y., Peña-Rosas, J. “Valores de referencia de hierro, yodo, zinc, selenio, cobre, molibdeno, vitamina C, vitamina E, vitamina K, carotenoides y polifenoles para la población venezolana”.  ARCHIVOS LATINOAMERICANOS DE NUTRICIÓN, Órgano Oficial de la Sociedad Latinoamericana de Nutrición (2013).
  • Terán, L., Haselbarth-López, M., Quiroz-García, D. “Alergia, pólenes y medio ambiente”. Gac Méd Méx (2009). Diponible en: https://www.medigraphic.com/pdfs/gaceta/gm-2009/gm093f.pdf
  • Bastías M, José Miguel, & Cepero B, Yamira. (2016). La vitamina C como un eficaz micronutriente en la fortificación de alimentos. Revista chilena de nutrición43(1), 81-86. https://dx.doi.org/10.4067/S0717-75182016000100012
  • Casseb, Gabriel Ramon Matavelli, et al. “o Papel da Vitamina C nos Processos Cicatriciais.” International Journal of Nutrology 11.S 01 (2018): Trab576.
  • Miura, Kaori, et al. “Anti-allergic activity of monoacylated ascorbic acid 2-glucosides.” Molecules 22.12 (2017): 2202.
  • Mauro-Martín, San, and Elena Garicano-Vilar. “Papel de la vitamina C y los β-glucanos sobre el sistema inmunitario: revisión.” Revista Española de Nutrición Humana y Dietética 19.4 (2015): 238-245.
  • Couto, Meylene Aparecida Luzia, and Solange Guidolin Canniatti-Brazaca. “Quantificação de vitamina C e capacidade antioxidante de variedades cítricas.” Food Science and Technology 30 (2010): 15-19.