Regolare la tiroide per mezzo di alcuni alimenti

7 Febbraio 2019

È possibile regolare il funzionamento della tiroide per mezzo di alcuni alimenti? In questo articolo vi parliamo di una ghiandola posizionata nel collo, chiamata tiroide. La tiroide è l’incaricata di regolare diverse funzioni nell’organismo.

Oltre a partecipare nella produzione dell’ormone tiroxina (T4) e triiodotironina (T3), che regolano il metabolismo e influenzano il funzionamento di altri sistemi del nostro corpo. Quando la tiroide funziona in modo ottimale, non è necessario pensare a una dieta specifica.

Tuttavia, ci sono momenti in cui questa ghiandola può soffrire qualche problema e produrre più ormoni (ipertiroidismo) o meno ormoni (ipotiroidismo) di quelli di cui il corpo ha bisogno.

Per prima cosa è bene sottolineare che lo iodio, o meglio, la carenza di iodio, è una delle cause dirette dei disturbi della ghiandola tiroidea e che nel mondo sono in corso molte lotte per eliminare il deficit di questo minerale nell’alimentazione.

Quando si verificano questi scompensi, è necessario seguire una dieta che compensi i bisogni del corpo. A seguire vi offriamo una serie di consigli per entrambi i casi.

Dieta per regolare la tiroide in caso di ipertiroidismo

Come vi abbiamo appena spiegato, l’ipertiroidismo si verifica quando la ghiandola tiroidea è molto stimolata e produce più ormoni tiroidei di quelli di cui avrebbe bisogno il nostro corpo.

Leggete anche: Stress e ipertiroidismo: che relazione hanno?

Questo eccesso può provocare nel corpo uno stato di catabolismo e, di conseguenza, perdita di peso e di massa muscolare. In questo caso vi raccomandiamo di seguire una dieta molto equilibrata e allo stesso tempo con un alto contenuto energetico.

Caso di ipertiroidismo

Latticini (yogurt, formaggio e latte)

  • Usate il latte o lo yogurt liquido come bibita, anche nei piatti cotti se possibile.
  • Arricchite lo yogurt con del latte condensato e il latte con del latte in polvere intero; potete usare questo latte per preparare frullati, dolci, zuppe, puré o berlo con i cereali.
  • Aggiungete dei pezzi di formaggio nelle insalate.

Proteine (pesce, carne e uova)

  • Sminuzzate dell’uovo sodo e aggiungetelo nelle insalate, nelle zuppe o nelle verdure. Fate lo stesso con carne e pesce.
  • Usate dell’uovo sbattuto per arricchire purè, zuppe, creme, salse o frullati di latte.
  • Farcite le frittate o altri alimenti con carne macinata o pesce a pezzetti.

Zucchero, pane, miele e biscotti

  • Mangiate biscotti e pane a colazione; è consigliabile consumarli anche durante gli spuntini o le merende.
  • Aggiungete dei crostini nelle zuppe e nelle vellutate.

Frutta secca

  • Sminuzzatela e aggiungetela nelle salse, negli stufati o in alcune insalate.

Dieta per regolare la tiroide in caso di ipotiroidismo

Caso di ipotiroidismo

E ora vediamo l’altra faccia della medaglia: stiamo parlando dell’ipotiroidismo, che si verifica quando c’è una diminuzione degli ormoni tiroidei da parte della ghiandola tiroide.

Può interessarvi anche: Riconoscere l’ipotiroidismo: 10 sintomi

L’ipotiroidismo in molti casi ha un quadro sintomatico caratterizzato da fatica, stanchezza, perdita dei capelli e sonnolenza; inoltre, anche se non c’è una relazione diretta, tende a verificarsi un aumento di peso.

Questi casi sono un po’ più complessi e devono essere monitorati dal medico endocrinologo; tuttavia, la dieta può aiutarvi e deve essere equilibrata e molto varia.

Quando parliamo di dieta varia, ci riferiamo al fatto che ogni giorno dovete mangiare alimenti che appartengano a tutti i gruppi: latticini, verdure crude e cotte, frutta, alimenti proteici, cereali e fecole.

Evitate gli alimenti ricchi di grassi, zuccheri e calorie

  • Insaccati e carni molto grasse.
  • Margarina, burro e strutto.
  • Zucchero, sia bianco che di di canna, caramello e derivati.
  • Bibite alcoliche o molto zuccherate.

Raccomandazioni

  • Fate dai 4 ai 5 pasti al giorno, poco abbondanti, ed evitate in tutti i modi di mangiare tra i pasti; evitate anche di saltare uno dei pasti principali.
  • Aumentate la vostra attività fisica quotidiana. Camminate, evitate gli ascensori e le scale mobili. Fate percorsi lunghi a piedi.
  • Potenziate l’assunzione di alimenti ricchi di fibra, come la carne magra, il latte parzialmente scremato, la verdura cruda e cotta e la frutta, tra gli altri.

Cura generale della tiroide

Alcuni alimenti aiutano la tiroide in modo generale: tra questi trovate i pesci di acqua fredda tra cui il salmone, il tonno, lo sgombro e il baccalà.

Anche la verdura e la frutta dai colori accesi possono stimolare la tiroide e toglierle un po’ di pressione. Vi consigliamo di condire i cibi con alghe marine in polvere, invece di usare il sale.

  • Gilbert, J. (2017). Hypothyroidism. Medicine (United Kingdom). https://doi.org/10.1016/j.mpmed.2017.05.009
  • Imam, S. K. (2016). Hyperthyroidism. In Thyroid Disorders: Basic Science and Clinical Practice. https://doi.org/10.1007/978-3-319-25871-3_8
  • Ozyilmaz, L., & Yildirim, T. (2002). Diagnosis of thyroid disease using artificial neural network methods. In ICONIP 2002 – Proceedings of the 9th International Conference on Neural Information Processing: Computational Intelligence for the E-Age. https://doi.org/10.1109/ICONIP.2002.1199031