Alimenti che provocano gonfiore addominale

· 1 maggio 2014
La scelta degli alimenti da portare in tavola è fondamentale per evitare problemi di gonfiore addominale e gas intestinali. scoprite quali sono i cibi da evitare, per non avere più problemi di digestione

Sono molte le persone che soffrono di distensione addominale e gas intestinali. A volte il problema dipende da un’alimentazione sbagliata e si può risolvere evitando una serie di alimenti che provocano gonfiore addominale, spesso accompagnato da fitte dolorose e un molesto senso di pesantezza.

Per non soffrire ad ogni pasto, vale quindi la pena di fare attenzione a ciò che portiamo in tavola, riducendo o eliminando i cibi più “pericolosi”. Per orientarvi, ecco una lista di dieci alimenti che provocano gonfiore addominale.

Alimenti che provocano gonfiore addominale

Fagioli

Tra gli alimenti che provocano gonfiore intestinale, i fagioli sono forse i più temibili. Anche se rappresentano un’eccellente fonte di proteine, provocano una gran quantità di gas intestinali.

Per non ridurre il nostro apporto proteico, è meglio optare per altri legumi oppure pollo o pesce.

Alimenti ricchi di grassi

Le patatine, gli snack e, in generale, ogni genere di frittura sono ricchi di grassi e più difficili da digerire. Il risultato è addome gonfio e una spiacevole sensazione di pesantezza.

Se abbiamo voglia di stuzzicare qualcosa, meglio scegliere della frutta fresca o secca, ma non fritta, come noci o mandorle.

Sale

Sale marino
(Foto: Nanda Melonio/ Flickr.com)

Il sale non solo è responsabile della ritenzione idrica, ma è anche uno degli alimenti che provocano gonfiore addominale. I liquidi, infatti, tendono ad accumularsi anche in questa zona, perciò l’ideale è una dieta povera di sodio per mantenere l’organismo in salute, specialmente se abbiamo anche problemi di pressione alta.

Verdure crucifere

Le verdure come il cavolo cappuccio, i broccoli e il cavolfiore contengono delle sostanze simili a quelli dei fagioli. Quando questi entrano in contatto con i batteri buoni dell’intestino, liberano metano, provocando distensione addominale.

Bibite gassate

Bibita gassata

Le bibite gassate rilasciano diossido di carbonio, facendo sì che lo stomaco crei dei gas che vi fanno sentire gonfi e appesantiti. La cosa migliore  è sostituire queste bibite con succhi naturali.

Leggete anche: Sapevate che le bibite light aumentano il girovita?

Carboidrati raffinati

Il termine indica quei prodotti privati delle fibre. Rappresentano calorie povere di nutrienti per l’organismo. Rientrano in questa categoria il pane bianco, la pasta, la pizza e in generale tutti i prodotti da forno elaborati con farina bianca.

Essendo alimenti che provocano gonfiore addominale, dovrete ridurne il consumo o preferire farine e cereali integrali.

Alimenti molto conditi

Sugo al peperoncino

L’eccesso di condimenti speziati e aromatici, come peperoncino, pepe nero, noce moscata, aglio, senape e aceto, causano acidità di stomaco, irritazione e gonfiore. Per evitare problemi di digestione, possiamo ricorrere a erbe e spezie più leggere, come basilico e origano.

Edulcoranti artificiali

La maggior parte di merendine e biscotti contiene edulcoranti, che possono causare distensione addominale e diarrea. Meglio scegliere miele o stevia ed evitare il più possibile i dolci industriali.

Leggere anche: Quanto possono nuocere gli edulcoranti?

Gomma da masticare

Gomme da masticare
(Foto: Laísa Roberta Trojaike/ Flickr.com)

La gomma da masticare è un prodotto che fa sì che lo stomaco si riempia di gas, poiché masticando ingoiamo aria che va direttamente nell’apparato digerente, provocando gonfiore e malessere.

Alcolici

Le bevande alcoliche producono gas nell’intestino, oltre ad essere dannose per l’organismo. Se vogliamo evitare gonfiori e malessere, la migliore opzione è sostituire gli alcolici con succhi naturali o acqua.

Ricordate che la frutta e la verdura sono sempre gli alimenti più raccomandati, perché apportano la maggior parte dei nutrienti di cui ha bisogno il nostro organismo per svolgere le attività quotidiane e mantenersi in salute.

Guarda anche