Alimenti da non consumare dopo la data di scadenza

Una volta scaduti, certi alimenti non sono più freschi, anche se dall'aspetto non sembrerebbe, e possono sviluppare microrganismi nocivi che possono mettere in pericolo la nostra salute
Alimenti da non consumare dopo la data di scadenza
Eliana Delgado Villanueva

Revisionato e approvato da la nutrizionista Eliana Delgado Villanueva.

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Al fine di evitare gli sprechi alimentari, molti esperti consigliano di consumare alcuni alimenti anche dopo la data di scadenza, perché ancora adatti al consumo. Tuttavia, questa proprietà non vale per tutti i cibi, infatti alcuni possono esseri pericolosi per la salute. Vediamo, quindi, quali sono gli alimenti da non consumare dopo la data di scadenza.  

Gli alimenti da non consumare dopo la data di scadenza sono tutti quelli che si decompongono più facilmente per natura e tendono a contaminarsi con vari tipi di batteri e tossine pericolosi per la salute.

Per questo motivo, è molto importante iniziare a controllare le etichette dei prodotti prima di assumerli. Tenete a mente gli alimenti che presentiamo in questo articolo per evitare di incorrere in spiacevoli intossicazioni.

Alimenti da non consumare dopo la data di scadenza

1. Formaggi spalmabili

Formaggi freschi

A differenza dei formaggi stagionati che si possono conservare a lungo, anche dopo la data di scadenza, la composizione dei formaggi spalmabili li rende pericolosi per il consumo dopo la data di scadenza.

Questa varietà è piuttosto propensa alla proliferazione di batteri dannosi come la Listeria monocytogenes che causa problemi digestivi e reazioni indesiderate a livello immunitario.

2. Carne macinata

Anche la carne in vendita è stata sottoposte a rigide norme di igiene e sicurezza, quella macinata è molto più propensa alla contaminazione da parte di batteri dannosi come l’E. Coli.

Per natura, infatti, si tratta di un ambiente adatto alla proliferazione di questi microrganismi e, quindi, ne facilita lo sviluppo.

Se si consuma carne macinata dopo la data di scadenza, ci sono alte probabilità di sviluppare infezioni da:

  • E. Coli
  • Salmonella
  • Listeria monocytogenes
  • Staphylococcus aureus

Questi batteri rilasciano pericolose tossine nell’intestino che, con il tempo, compromettono la funzione digestiva.

3. Bacche fresche

Frutti di bosco

È meglio evitare le bacche o i frutti di bosco troppo maturi perché una volta iniziata la decomposizione, sulla loro superficie cresce un batterio chiamato Cyclospora che produce fastidiosi sintomi di intossicazione.

4. Insaccati

Tra gli alimenti da non mangiare dopo la data di scadenza troviamo anche gli insaccati, che contengono sostanze chimiche che li fanno sembrare freschi nonostante il passare dei giorni.

Tuttavia, dopo la data di scadenza, la loro struttura inizia a decomporsi e ci sono alte probabilità di infezione da batteri quali Listeria e E. coli .

In generale, si consiglia di consumare questi alimenti entro una settimana dall’apertura.

5. Uova crude

Uova crude

Si registrano spesso casi di intossicazione alimentare e infezioni legati al consumo di uova crude o scadute.

Anche se sono deliziose e necessarie all’interno del programma alimentare, è fondamentale cuocere le uova in modo adeguato e prima della data di scadenza indicata sulla confezione.

È importante, inoltre, fare attenzione ai prodotti che prevedono l’uovo nella loro preparazione, come:

  • Maionese
  • Budini
  • Dessert e dolci
  • Salse

Tra i principali problemi causati dal consumo di uova scadute ricordiamo l’infezione intestinale provocata dalla Salmonella.

6. Gamberi

I gamberi non cambiano la loro composizione dopo la scadenza, ma con il passare dei giorni tendono a trasformarsi in una fonte di batteri e germi dannosi.

Questo alimento va consumato il prima possibile dopo l’acquisto, nonché manipolato su superfici igienizzate, lontano da altri alimenti che possano causare contaminazione incrociata.

7. Pollo

Pollo alimenti da non consumare dopo la data di scadenza

Il pollo è una delle carni magre più indicate per apportare amminoacidi e carboidrati complessi all’organismo. Tuttavia, quando è crudo, bisogna manipolarlo con attenzione su superfici igieniche e prive di batteri.

Un processo di scongelamento sbagliato o un consumo successivo alla data di scadenza possono provocare gravi infezioni intestinali causate da E. coli e Salmonella.

Ora che conoscete gli alimenti da non consumare dopo la data di scadenza, fate in modo di acquistarli nella quantità necessaria a consumarli prima che vadano a male.

Allo stesso modo, cercate di manipolarli e conservarli in modo adeguato per evitare che si contaminino con agenti nocivi.

Potrebbe interessarti ...
I batteri più pericolosi per gli esseri umani
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
I batteri più pericolosi per gli esseri umani

Anche se non sono tutti mortali, alcuni batteri possono rappresentare un serio pericolo per l'organismo se non individuati in tempo.



  • Agencia Española de Seguridad Alimentaria y Nutrición (AECOSAN). ¿Sabes la diferencia entre la fecha de consumo preferente y la fecha de caducidad? Febrero 2022.
  • Agencia Española de Seguridad Alimentaria y Nutrición (AECOSAN). Las fechas de consumo preferente y de caducidad en los envases de alimentos.
  • Centers for Disease Control and Prevention. Foods than can cause food poisoning. Febrero 2022.
  • European Food Safety Authority (EFSA). Scientific opinion on the public health risks of table eggs due to deterioration and development of pathogens. Julio 2014.
  • Food Standard Agency. Best before and use-by dates. Marzo 2021. United Kingdom Government.
  • García-Hernández, Ana Ma, et al. “Bacteriemias por Escherichia coli productor de betalactamasas de espectro extendido (BLEE): significación clínica y perspectivas actuales.” Revista española de quimioterapia 24.2 (2011).
  • Gravely M. Before you toss food, wait. Check it out! U. S. Department of Agriculture. Octubre 2022.
  • Mayo Clinic. Infección por listeria. Febrero 2022.
  • Parra, Miguel, Johny Durango, and Salim Máttar. “Microbiología, patogénesis, epidemiología, clínica y diagnóstico de las infecciones producidas por Salmonella.” Revista MVZ Córdoba7.2 (2002): 187-200.
  • Rivero, Mariana A., et al. “Escherichia coli enterohemorrágica y síndrome urémico hemolítico en Argentina.” Medicina (Buenos Aires) 64.4 (2004): 352-356.
  • U. S. Department of Agriculture. Before you toss food, wait. Check it out!

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.