Alito cattivo o alitosi: cause e rimedi al problema

· 7 Marzo 2019
Si raccomanda il consumo di alimenti ricchi di clorofilla, che ci aiutano a neutralizzare gli odori e a rinfrescare tutta la cavità orale, e la realizzazione di sciacqui con tisane naturali.

L’alito cattivo o alitosi è un disturbo molto frequente, soprattutto al mattino, poiché nella nostra bocca, durante il sonno, diminuisce la produzione di saliva. Ci sono persone, però, che soffrono spesso di alitosi, anche durante la giornata.

Ma perché soffriamo di alito cattivo o alitosi? Stiamo per parlarvi delle cause dell’alito cattivo, e anche di alcuni rimedi naturali, piante medicinali, integratori alimentari e consigli per prevenire il problema.

Possibili cause dell’alito cattivo o alitosi

  • Cattiva igiene orale
  • Indigestione
  • Problemi legati ai denti
  • Abuso di alcol
  • Fumo
  • Carie
  • Protesi dentarie
  • Gengivite
  • Sinusite
  • Farmaci
  • Infezioni alla gola
  • Gastrite cronica
  • Malfunzionamento del fegato

Quando l’alito cattivo o alitosi è frequente e non migliora con nessun rimedio -nemmeno cambiando abitudini- o se volete capirne le cause, vi consigliamo di consultare il vostro medico; esistono, infatti, delle malattie gravi, come il cancro ai polmoni, che presentano tra i loro sintomi anche l’alitosi.

Per curare l’alitosi dobbiamo, innanzitutto, eliminarne le possibili cause. Se si tratta di disturbi di digestione o problemi al fegato, che sono i motivi più frequenti, possiamo seguire uno di questi rimedi naturali. Dovremo aiutare l’organismo a ripulirsi perché ci sta informando che nel nostro tratto gastrointestinale ci sono resti di cibo in decomposizione.

Insalate di clorofilla

Un delizioso rimedio naturale è mangiare ogni giorno insalate fresche a base di prezzemolo, sedano, menta e avocado condite con olio d’oliva di prima spremitura e un po’ di sale. Sono insalate depurative che aiutano il fegato. Bisogna consumare soprattutto alimenti verdi, ricchi di clorofilla, perché questa sostanza ci aiuta a eliminare i cattivi odori e a pulire, nonché rinfrescare, tutta la cavità orale.

Bacche di ginepro

Il ginepro è un arbusto di origine europea che cresce all’interno di boschi umidi e freddi, ma lo si trova anche in Asia settentrionale e in America del Nord.

Questo rimedio naturale è molto facile da preparare, ma bisogna seguire attentamente le indicazioni. Consiste nel masticare bacche di ginepro mezz’ora prima dei pasti, in questo modo:

  • Giorni 1, 2 e 3: una bacca di ginepro primo di ogni pasto
  • Giorni 4, 5 e 6: due bacche di ginepro prima di ogni pasto
  • A partire dal 7º giorno: 5 bacche di ginepro prima di ogni pasto

Possiamo farlo per una quindicina di giorni, di tanto in tanto.

Bacche di ginepro

L’alga Clorella

Questa microalga è composta per il 60% da albumina vegetale, molto preziosa, e contiene 19 amminoacidi, compresi gli 8 amminoacidi essenziali che devono essere assunti con l’alimentazione, visto che il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli da sé. Inoltre, l’alga Clorella è una fonte di sostanze minerali e vitamine, in particolare la vitamina B12.

In caso di alito cattivo, la clorofilla della Clorella ha un effetto antibatterico e, per questo motivo, neutralizza i cattivi odori. Inoltre, aiuta anche ad eliminare i metalli pesanti e altre sostanze tossiche dal nostro organismo.

Si può acquistare l’alga Clorella sotto forma di compresse, facendo attenzione a seguire le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto.

Carbone vegetale

Il carbone vegetale, che viene comunemente usato per combattere gas intestinali e diarrea, può essere molto utile per attenuare l’alitosi, grazie alle sue proprietà disinfettanti, assorbenti e antisettiche.

Sarà sufficiente sciogliere un cucchiaino di carbone vegetale in un po’ d’acqua, preferibilmente dopo i pasti. Si può anche acquistarlo sotto forma di compresse. Se soffrite di stitichezza, vi consigliamo di seguire un altro rimedio tra quelli che vi presentiamo.

Potrebbe interessarvi: Tre squisite ricette per combattere la stitichezza

Piante medicinali

Abbiamo a nostra disposizione alcune piante medicinali che contrastano l’alito cattivo e aiutano a migliorare il processo digestivo. Ogni giorno possiamo preparare un litro di infuso utilizzando le erbe sotto elencate. Questo infuso va bevuto nell’arco della giornata.

  • Menta
  • Anice
  • Rosmarino
  • Assenzio

Leggete anche: Il rosmarino: le sorprendenti proprietà e i suoi utilizzi

Possiamo dolcificarlo con la stevia e aggiungere il succo di mezzo limone.

Foglie di menta

Consigli per una buona igiene orale

È fondamentale mantenere pulita la nostra bocca, non solo per i residui di cibo che rimangono tra i denti, ma anche perché, al giorno d’oggi, l’alimentazione contiene molte sostanze tossiche. Vi raccomandiamo di seguire questi semplici consigli per evitare l’alito cattivo e migliorare la vostra igiene orale:

  • Usare quotidianamente il filo interdentale
  • Spazzolare i denti per almeno due minuti
  • Usare dentifrici naturali che non contengano Sodium Lauryl Sulfate, una sostanza troppo aggressiva per il pH della nostra bocca
  • Fare dei risciacqui orali con infusi naturali di salvia, timo, cannella, menta, etc.
  • Fare quotidianamente degli sciacqui con l’olio

Immagini per gentile concessioni di far closer e wiccked.

  • Bollen, C. M. L., & Beikler, T. (2012). Halitosis: the multidisciplinary approach. International Journal of Oral Science. https://doi.org/10.1038/ijos.2012.39
  • Veerappan, G. R., & Lewis, J. H. (2010). Halitosis. In Practical Gastroenterology and Hepatology: Esophagus and Stomach. https://doi.org/10.1002/9781444327311.ch26
  • Almas, K., Al-Hawish, A., & Al-Khamis, W. (2003). Oral hygiene practices, smoking habits, and self-perceived oral malodoramong dental students. Journal of Contemporary Dental Practice. https://doi.org/1526-3711-130 [pii]