Alito cattivo? Semplici rimedi naturali per eliminarlo

6 Aprile 2019
Per evitare il problema dell'alito cattivo, è importante bere molta acqua, la quale riduce la proliferazione dei batteri che ne sono la causa. Bisognerebbe anche evitare di mangiare carni rosse e fare frequenti risciacqui orali

Molte persone soffrono, o hanno sofferto almeno una volta di alitosi, nota anche come alito cattivo: un problema che, di solito, si presenta al mattino, quando durante la notte i batteri si sono accumulati nella bocca.

Di norma, il problema si risolve con una buona spazzolata ai denti e alla lingua.

Tuttavia, a volte, il problema è più serio e va trattato con i dovuti riguardi.

Alitosi o alito cattivo

L’alitosi, altrimenti detta alito cattivo, di solito è causata dalla mancanza di una corretta e adeguata igiene orale: quando i batteri si accumulano nella nostra bocca, comincino a rilasciare zolfo, il quale è responsabile del cattivo odore del nostro alito.

Vi sono cibi e sostanze più propense di altre a favorire la proliferazione di batteri e, di conseguenza, a generare un alito cattivo. Tra questi i più comuni sono: i crostini all’aglio, il caffè e il tabacco.

Leggete anche: Smettere di fumare e benefici per la salute

Se il nostro problema di alitosi è eccessivo, sarà opportuno consultare il nostro medico.

È anche importante stabilire che tipo di odore ha il nostro alito: infatti, a seconda dell’odore, può indicare diverse cause:

  • l’odore è simile a quello del vomito o delle feci, potremmo trovarci di fronte ad un problema di blocco intestinale
  • se l’odore dell’alito è leggermente fruttato, può essere dovuto ad un eccesso di acetone
  • se è un odore simile all’ammoniaca o al pesce, potrebbe trattarsi di un disturbo dei reni.

L’alito cattivo può essere causato da un ascesso dentale, dal consumo di alcol, da una carie, dall’uso di determinate protesi dentali, da determinati cibi (come ad esempio aglio, cipolla, cavolo, caffè e bevande simili), da una gengivite, dal tabagismo, ecc…

Leggete anche: Alito pesante: buone abitudini per prevenirlo

Alito cattivo donna con mani sulla bocca

Rimedi naturali contro l’alitosi

  • Utilizzare un infuso di prezzemolo per fare degli sciacqui. Facendo bollire due tazze di acqua con prezzemolo e chiodi di garofano, il nostro collutorio fatto in casa sarà pronto in un momento.
  • Bere tè alla menta: oltre a combattere i cattivi odori, è anche molto digestivo.
  • Masticare chiodi di garofano, anice stellato o cannella, dopo i pasti.
  • Preparare degli infusi di mentuccia o eucalipto, da bere dopo i pasti.
  • Lavare i denti con bicarbonato di sodio.
  • Mangiare una pesca a digiuno, al mattino.
  • Frullare un quarto di mango con il succo di mezzo limone, un rametto di mentuccia e mezza tazza di acqua e bere questo frullato per un mese.
  • Bere tè nero.
  • Lavare i denti e passare il filo interdentale almeno due volte al giorno.
  • Assumere vitamina C.
  • Frullare un quarto di finocchio con un bicchiere di succo di mango, una manciata di prezzemolo e un bicchiere di papaya e bere questo frullato diverse volte al giorno, fino alla scomparsa dell’alito cattivo.
  • Bere molta acqua.
  • Usare collutori, spray dentali o masticare delle gomme apposite per l’alito cattivo.
  • Non usare collutori o prodotti per l’igiene orale che contengano alcol.
  • Mangiare una mela verde, masticandola con cura e lentamente.
  • Masticare qualche chicco di caffè.

Gli sciaqui

Contro l’alito cattivo potete naturalmente anche fare degli sciacqui con acqua e aceto di mele, mescolati in parti uguali.

In questo caso, ricordate che il liquido, affinché faccia effetto, deve restare in bocca almeno trenta secondi, durante i quali dovremo muoverlo con forza, in modo da farlo penetrare in ogni angolo della bocca, anche il più nascosto.

Immagine per gentile concessione di Carbonnyc

  • Permalink, C., & Eugenia Velásquez Gimón Olga González Blanco, M. (2006). Diagnóstico y tratamiento de la halitosis. Diagnosis And Treatment of Halitosis. Acta Odontológica Venezolana.
  • Blanco Carrión, A., Chimenos Küstner, E., De Lcica Monasterio, F., Jané Salas, E., López López, J., Martín Martín, M., … Roselló Llabrés, X. (2014). Boca seca, mal aliento y síndrome de boca ardiente. Actualización TT – Dry mouth, breath malodour and burning mouth syndrome. Update. Av Odontoestomatol. https://doi.org/10.1177/1754073915601214
  • Profeco, P. federal del consumidor. (2003). Pastas Dentales. Revista Del Consumidor.
  • J Nat Sci Biol Med. 2014 Jan-Jun; 5(1): 67–72. Correlation of oral hygiene practices, smoking and oral health conditions with self perceived halitosis amongst undergraduate dental students. doi: 10.4103/0976-9668.127291
  • California Dental Association. Mal aliento. https://www.cda.org/Portals/0/pdfs/fact_sheets/bad_breath_spanish.pdf
  • Food Chemistry. Volume 97, Issue 3, August 2006, Pages 505-515. Studies on the dual antioxidant and antibacterial properties of parsley (Petroselinum crispum) and cilantro (Coriandrum sativum) extracts. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0308814605004073
  • Arabian Journal of Chemistry. Volume 8, Issue 3, May 2015, Pages 322-328. Antibacterial and antioxidant activities of Mentha piperita L. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1878535211000232
  • Biocompatibility of Dental Biomaterials. Woodhead Publishing Series in Biomaterials
    2017, Pages 113-129. 8 – Biocompatibility of oral care products. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/B9780081008843000084
  • Pharmacognosy Res. 2011 Oct-Dec; 3(4): 266–272. Antioxidant and antibacterial properties of green, black, and herbal teas of Camellia sinensis. doi: 10.4103/0974-8490.89748