La allergia agli acari: come prevenirla?

Il modo migliore per tenere sotto controllo l'allergia agli acari è evitare l'umidità e la polvere in casa. Sebbene sia impossibile eliminare completamente questi insetti, gli ambienti asciutti e puliti ne impediscono la proliferazione indiscriminata.
La allergia agli acari: come prevenirla?

Ultimo aggiornamento: 05 marzo, 2021

L’allergia agli acari è oggi una delle più comuni al mondo. Non è facile gestirla, dato che gli acari si trovano principalmente nella polvere e questa, a sua volta, è ovunque. Tenere sotto controllo questo problema, quindi, richiederà uno sforzo continuo.

L’allergia agli acari si manifesta con starnuti, lacrimazione, prurito al naso e persino reazioni avverse sulla pelle. Al giorno d’oggi, si ritiene che questo tipo di allergia abbia un impatto più importante su problemi come l’asma, anche rispetto ad altre sostanze come il polline.

È praticamente impossibile eliminare gli acari dalla casa o dal posto di lavoro. Tuttavia, è ampiamente dimostrato che, con alcune misure di base, l’allergia agli acari può essere tenuta sotto controllo e i sintomi possono essere ridotti al minimo possibile.

Gli acari

Ridurre gli acari casa.

Gli acari sono animali microscopici della famiglia degli aracnidi che sono presenti in vari ambienti. La presenza di acari della polvere è il principale fattore scatenante di allergia negli esseri umani. Si ritiene che tra il 10 e il 20% della popolazione sia sensibile a questi organismi.

Si trovano soprattutto in ambienti caldi e umidi. Gli acari della polvere si nutrono principalmente di pelle umana o animale. Gli esseri umani perdono circa un grammo di pelle al giorno.

L’allergia agli acari è innescata dagli escrementi che questi animali lasciano sulla nostra pelle, o anche dagli acari morti che vi rimangono. Questi intrusi si annidano principalmente in oggetti di stoffa o fibre tessili, come cuscini, materassi, mobili imbottiti, tappeti, tende, ecc.

Allergia agli acari

L’allergia agli acari è una reazione immunitaria a questi insetti. Le manifestazioni di questa allergia sono simili a quelle della rinite allergica o del raffreddore da fieno. Queste includono starnuti e gocciolamento di muco. Possono comparire anche sintomi simili all’asma, come respiro sibilante o difficoltà a respirare.

Allo stesso modo, è comune avere congestione nasale, prurito a naso, orecchie o gola, irritazione agli occhi, palpebre gonfie, orticaria e tosse. I sintomi della rinite si manifestano principalmente nelle prime ore del mattino.

L’allergia agli acari può avere diversi livelli di intensità. Nelle sue forme più lievi, provoca solo una leggera congestione nasale e lacrimazione di tanto in tanto. Quando l’allergia è grave, i sintomi sono costantemente presenti e sono spesso associati all’asma.

Cause e fattori di rischio

Persona con allergia agli acari.

L’allergia è una risposta immunitaria a un agente esterno. In questi casi, il sistema immunitario produce anticorpi per difendere l’organismo da tale agente. Questo sistema identifica l’agente come un fattore dannoso, sebbene in realtà non lo sia.

La sostanza che causa l’allergia è chiamata allergene. Quando viene a contatto con il corpo, questo risponde infiammando naso e polmoni. Se si è in costante contatto con l’allergene, anche l’infiammazione diventa continua e può portare all’asma.

Le persone con una storia familiare di allergia hanno maggiori probabilità di sviluppare un’allergia agli acari. Anche bambini e giovani, soprattutto se vivono in un ambiente molto polveroso. Il problema viene rilevato da test cutanei allergici o esami del sangue mirati a rilevare le allergie.

Altri fatti da considerare sull’allergia agli acari

La migliore strategia per combattere l’allergia agli acari è ridurre al minimo l’esposizione ad essi. Per fare ciò, si devono adottare le misure necessarie per rimuovere la polvere il più possibile. È meglio usare un panno umido per pulire la polvere, in quanto ciò impedisce che si diffonda nell’ambiente.

Si dovrebbero aspirare regolarmente mobili imbottiti, tappeti, tende, ecc. L’aspirapolvere deve avere un filtro adatto a rimuovere a fondo la polvere. La cosa migliore, in ogni caso, è mantenere l’ordine e non accumulare oggetti in modo che la polvere non possa accumularsi.

Non è consigliabile avere tappeti se qualcuno in casa soffre di allergia agli acari. È comunque preferibile lavare la biancheria da letto una volta alla settimana e scegliere cuscini e copriletti anallergici.

In alcuni casi, il medico prescriverà un trattamento. In genere include antistaminici, decongestionanti, corticosteroidi e simili. Il medico potrebbe anche consigliare un trattamento immunoterapico.

Potrebbe interessarti ...
Sapete quanti acari vivono nel vostro letto? Scoprite come eliminarli
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sapete quanti acari vivono nel vostro letto? Scoprite come eliminarli

In questa occasione desideriamo condividere con voi una formula naturale e alcuni consigli affinché possiate mantenere il vostro letto in ottime co...



  • Pérez Pacaréu, M. L., García Díaz, A., Sabina Díaz, A., Vega Galindo, M., & Macías Carreras, V. (2002). Sensibilización a diferentes tipos de ácaros en pacientes adultos. Revista Cubana de Medicina, 41(2), 74-80.
  • Carrillo, T. (2012). Alergia al polvo: ¿qué son los ácaros y cómo eivtarlos? In Libro de las enfermedades alérgicas de la fundación BBVA.
  • Santos, O. R., Labrada, A., & Yedra, A. M. (2000). Rinitis y pólipos nasales. Su relación con ácaros domésticos. Revista Alergia Mexico.