Consigli per alzare i livelli di colesterolo buono

Le lipoproteine ad alta densità sono quelle che eliminano l'eccesso di colesterolo. Per questo motivo vengono chiamate "colesterolo buono"
Consigli per alzare i livelli di colesterolo buono

Ultimo aggiornamento: 26 febbraio, 2019

Per aumentare i livelli di colesterolo buono non è necessario ricorrere a farmaci o diete rigide.

È difficile pensare che esista qualcosa chiamato colesterolo buono. Di fatto, si tende a credere che il colesterolo faccia male alla salute e che sia importante abbassarne i livelli mediante una dieta sana e una routine di attività fisica.

In realtà, il colesterolo buono esiste e bisogna aumentarlo. Continuate a leggere per scoprire come fare!

Perché alzare i livelli di colesterolo buono?

Innanzitutto, dovete sapere che esistono due tipi di colesterolo: quello cattivo (LDL) e quello buono (HDL). Quest’ultimo circola nel flusso sanguigno, trasportato dalle lipoproteine ad alta intensità che attraversano le arterie fino ad arrivare al fegato. Dato che ripuliscono i condotti, favoriscono il corretto metabolismo dei grassi.

Il colesterolo HDL protegge dalle malattie cardiovascolari e si prende cura del cuore. Ecco perché è importante aumentarlo.

Contrariamente al colesterolo cattivo, si consiglia di avere livelli elevati di HDL (non inferiori a 40 mg/dl negli uomini e a 50 mg/dl nelle donne).

Se mangiate solo alimenti ricchi di grassi saturi, aumentate unicamente i livelli di colesterolo cattivo. Inoltre, dovete sapere che gli acidi grassi trans riducono il colesterolo buono.

Di conseguenza, è sconsigliato il consumo di prodotti da forno, patatine in sacchetto, cibo industriale, caramelle, merendine e snack.

È preferibile, invece, aggiungere alla dieta alimenti che contengono acidi grassi monoinsaturi come, ad esempio, l’olio di oliva, la frutta secca e l’avocado, che innalzano i livelli di colesterolo buono nel sangue.

Consigli per aumentare il colesterolo buono

Vi consigliamo di aumentare il consumo dei seguenti alimenti per equilibrare i livelli di colesterolo:

1. Alimenti ricchi di Omega 3 ed Omega 6

Alimenti ricchi di Omega 3

Grazie agli acidi grassi, il fegato è in grado di produrre le prostaglandine, ovvero sostanze dalle molteplici proprietà (tra cui antinfiammatorie, vasodilatatrici e antitrombotiche) che migliorano la circolazione e aumentano il colesterolo HDL.

Tra gli alimenti ricchi di acidi grassi Omega 3 e Omega 6 vi sono:

  • Semi di chia
  • Quinoa
  • Noci
  • Semi di lino
  • Pesce azzurro (salmone, sardine, sgombro, tonno)

Vi consigliamo di leggere anche: 5 sintomi da carenza di omega 3 e 6

2. Legumi

Si consiglia di mangiare legumi 2-3 volte alla settimana. Contengono lecitina e acidi grassi Omega 3.

I legumi si possono preparare in diversi modi e consumare caldi, freddi o accompagnati da verdure. I legumi più consigliati sono:

  • Lenticchie
  • Ceci
  • Fagioli
  • Piselli

3. Verdure

Verdure in padella

Le verdure verdi e quelle di colore scuro sono le più indicate per alzare i livelli di colesterolo buono. Il betacarotene, la clorofilla e i glucosinolati (presenti nella rucola) apportano una notevole quantità di antiossidanti.

Vi consigliamo di aumentare il consumo di:

  • Cavolo
  • Broccoli
  • Rucola
  • Bietole
  • Ravanelli
  • Spinaci
  • Carote

4. Frutta secca

Per ottenere tutti i nutrienti e le proprietà dalla frutta secca, è importante che non sia fritta o condita con sale.

Questo genere di alimenti sono ottimi come merenda o per contrastare gli attacchi di fame.

Una manciata di frutta secca al giorno è sufficiente, in quanto contiene molte calorie. Vi consigliamo di consumare:

  • Mandorle
  • Nocciole
  • Noci
  • Arachidi
  • Pistacchi

5. Cereali integrali

Cereali

Sono più salutari rispetto ai cereali raffinati (di colore bianco) perché conservano intatte le loro proprietà. Inoltre, hanno un forte potere saziante:

  • Miglio
  • Riso
  • Avena
  • Orzo

6. Oli di buona qualità

È molto importante consumare oli di prima spremitura a freddo, chiamati anche “extra vergine”.

L’olio di migliore qualità è l’olio di oliva. Gli acidi grassi presenti nell’olio extra vergine di oliva, soprattutto l’acido oleico, contribuiscono a ridurre i livelli di LDL e ad aumentare quelli dell’HDL.

In alternativa all’olio di oliva potete usare quello di cocco. È sempre meglio consumarli prima che abbiamo raggiunto una certa temperatura.

Volete saperne di più? Leggete anche: Oli e grassi naturali che fanno bene alla dieta

7. Condimenti e salse

Limone

L’avocado è un’ottima opzione per aumentare i livelli di HDL grazie al contenuto di acidi grassi monoinsaturi.

Potete usarlo in alternativa alla maionese oppure consumarlo tagliato a fette e condito con un po’ di limone nelle insalate.

8. Frutta

I frutti migliori per aumentare l’HDL sono quelli che apportano grandi quantità di vitamina C. Gli agrumi, quindi, non possono mancare a colazione (un buon succo d’arancia è un ottimo modo per cominciare al meglio la giornata). Alcune opzioni sono:

  • Arancia
  • Limone
  • Mango
  • Papaya
  • Pesca
  • Ananas
  • Mandarino

Oltre a seguire un’alimentazione equilibrata, è fondamentale abbandonare cattive abitudini quali l’alcol e il fumo. Inoltre, si consiglia di praticare attività fisica regolarmente per evitare uno stile di vita sedentario.

Potrebbe interessarti ...
Piante per abbassare il colesterolo alto nel sangue
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Piante per abbassare il colesterolo alto nel sangue

%%excerpt%% Dai livelli di colesterolo dipende la nostra salute cardiovascolare. In questo articolo vi parliamo di alcune piante per abbassare il c...



  • Ayerza R, et al. (2007). Effect of dietary alpha-linolenic fatty acid derived from chia when fed as ground seed, whole seed and oil on lipid content and fatty acid composition of rat plasma. DOI:
    10.1159/000100818
  • Enkhmaa B, et al. (2015). Lifestyle change: Effect of diet, exercise, functional food, and obesity treatment, on lipids and lipoproteins.
    ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK326737/
  • Harris Jackson K, et al. (2014). Effects of whole and refined grains in a weight-loss diet on markers of metabolic syndrome in individuals with increased waist circumference: A randomized controlled-feeding trial. DOI:
    10.3945/ajcn.113.078048
  • Kastorini C-M, et al. (2011). The effect of the Mediterranean diet on metabolic syndrome and its components: A meta-analysis of 50 studies and 534,906 individuals. DOI:
    10.1016/j.jacc.2010.09.073