Antiasmatici e meccanismo d’azione

16 Gennaio 2019
Gli antiasmatici sono farmaci impiegati per trattare l'asma. Esistono diverse combinazioni di medicinali per questa malattia.

L’asma è una malattia respiratoria cronica: questo significa che il soggetto la presenterà per tutta la vita. Coinvolge i bronchi, ovvero le due ramificazioni principali nelle quali si divide la trachea dentro l’apparato respiratorio. Essi si infiammano e riducono il loro diametro, diminuendo così la quantità di aria che arriva ai polmoni a ogni inspirazione. Per contrastare questi effetti, è possibile ricorrere ai farmaci antiasmatici.

Si produce al contempo gonfiore a causa di un’anomala reazione allergica a certi stimoli. Questo perché i bronchi diventano più sensibili o presentano iperattività nei confronti dell’ambiente esterno.

In altre parole, in presenza di freddo, attività fisica moderata, fumo, etc. i bronchi si chiudono e impediscono al soggetto di respirare con normalità.

Anche se conosciamo i fattori scatenanti di una crisi d’asma, attualmente non è ancora stata individuata la causa esatta.

Tuttavia, si sa con certezza che la malattia presenta un fattore genetico, dato che è più frequente in pazienti con precedenti familiari.

Il paziente alterna periodi in cui non presenta nessun sintomo ad altri con possibili crisi d’asma.

Tra i sintomi più frequenti troviamo tosse, sibilo o suoni quando si respira e difficoltà a respirare (dispnea) persino a riposo. Altri sintomi comuni sono la presenza di muco, starnuti, etc.

Una volta diagnosticata la malattia, lo staff medico offrirà al paziente le migliori opzioni di trattamento. A tal proposito possiamo differenziare due terapie:

  • Cambiamento nello stile di vita. Si basa sull’adozione di semplici linee guida per evitare le crisi d’asma e i sintomi caratteristici. Ad esempio, evitare ambienti che ostacolano le attività del sistema respiratorio.
  • Somministrazione di farmaci antiasmatici per donare sollievo al paziente.

Cosa sono gli antiasmatici?

Questo termine medico si riferisce a un gruppo di farmaci impiegati per trattare l’asma. Possono essere assunti sia in caso di crisi d’asma sia come misura preventiva.

Inalatore

In funzione delle loro caratteristiche e dei loro effetti, possiamo distinguere diversi tipi di farmaci. In ogni caso, sarà il medico a informare il paziente dei possibili effetti collaterali.

Verranno monitorate anche l’efficacia e la durata del trattamento scelto.

Quali antiasmatici esistono e qual è il loro meccanismo d’azione?

Gli antiasmatici più usati sono:

Antinfiammatori

Vengono somministrati per calmare la possibile infiammazione della mucosa dei bronchi. In genere si ricorre a corticoidi come fluticasone, budesonide o beclometasone.

Si possono consigliare anche farmaci cromoni come il sodico cromoglicato o nedrocromile sodico. Sono state sviluppate dosi che possono essere inalate o assunte per via orale. In entrambi i casi, riescono a mantenere la patologia asintomatica.

Leggete anche: Come depurare polmoni e bronchi

Broncodilatatori

All’interno di questa categoria di farmaci possiamo distinguere tra:

  • Beta 2 agonisti selettivi: di solito sono i broncodilatatori più raccomandati dai medici. Agiscono sul tono muscolare dei bronchi e rilassano le vie aeree in fretta e con efficacia. Questa azione è possibile perché bloccano l’azione di un composto chimico, l’acetilcolina.
  • Metilxantine: si incaricano di rilassare ed espandere i bronchi e migliorano la circolazione sanguigna nella zona. In questo modo migliora anche l’attività cardiaca e si recupera la capacità di ventilazione.

Antiasmatici bambina

Antistaminici

Questo gruppo di composti chimici riduce la sensibilità agli allergeni. Di conseguenza, inibiscono la anafilassi o l’iperattività dei bronchi nei confronti di freddo, fumo di tabacco, etc.

Scoprite: Antistaminici naturali: quali sono i migliori?

Grazie a questi farmaci, è possibile tenere sotto controllo i sintomi dell’asma, in particolar modo lacrimazione, starnuti, bruciore agli occhi e altri sintomi nasali.

Immunoterapia

Si applica a pazienti con forte allergia a un composto che scatena i sintomi. Di solito vengono somministrati composti o l’allergene in quantità minime.

In seguito, l’organismo del paziente si adatta regolarmente all’elemento in questione e vede ridotte le crisi d’asma. Tra le sostanze impiegate vi è l’omalizumab.

Antagonisti dei recettori per i leucotrieni

Anche gli antagonisti dei recettori per i leucotrieni agiscono come antinfiammatori delle vie respiratorie. In questo modo, è possibile calmare i possibili sintomi.

Termoplastica bronchiale

Si tratta di una tecnica la cui efficacia al giorno d’oggi è dimostrata. Consiste nell’applicazione controllata di calore nelle zone iperattive per calmare l’infiammazione causata dagli agenti esterni.

  • Inhibitory effects of an anti-IgE antibody E25 on allergen-induced early asthmatic response. Boulet LP, Chapman KR, Cote J, et al. Am J Respir Crit Care Med 1997;155:1835-1840.
  • The effect of an anti-IgE monoclonal antibody on the early and late-phase responses to allergen inhalation in asthmatics subjects. Fahy JV, Fleming E, Wong H, et al. Am J Respir Crit Care Med 1997;155:1828-1834.
  • Sano, Y.; Ogawa, T.; Houjo, T.; Tou, T.; Otom, M. Anti-inflamatory effect of Suplatast on mild asthma. Am J Respir Crit Care Med 1997;155: A203.
  • Skoner DP. Balacing safety and efficacy in pediatric asthma management. Pediatrics, 109 (2002), pp. 381-92