Assumere la melatonina ogni sera: è un'abitudine sicura?

Sebbene sia possibile seguire una cura di melatonina senza consiglio del medico, è meglio non rischiare. Non tutti i marchi sono uguali e, quindi, non tutti garantiscono la piena sicurezza.
Assumere la melatonina ogni sera: è un'abitudine sicura?

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

È diventata un’alternativa efficace per chi non si addormenta facilmente. Tuttavia, sorge la domanda: è salutare e sicuro assumere la melatonina ogni sera o può causare problemi?

Il consumo di melatonina è aumentato negli ultimi anni, come effetto dell’instabilità causata dalla crisi del 2020, che ha portato con sé forti dosi di ansia. È un prodotto che viene venduto senza prescrizione medica in quasi tutti i paesi, il che ne facilita l’acquisizione.

Cos’è la melatonina?

La melatonina è un ormone che il corpo produce in modo naturale. È secreta dalla ghiandola pineale, che si trova sopra il centro del cervello. Questa sostanza è anche conosciuta come l’ormone dell’oscurità poiché viene rilasciata quando il sole tramonta, cioè quando è buio. Regola i cicli di sonno e veglia.

In condizioni normali, iniziamo a sentirci assonnati circa due ore dopo che il corpo ha rilasciato l’ormone. Il giorno dopo, quando sorge il sole, i livelli di questa sostanza scendono e questo rende più facile il risveglio.

In breve, la melatonina ha il compito di regolare il ritmo naturale del sonno. È presente nelle piante, negli animali e nell’uomo.

Gli integratori di melatonina

La melatonina è disponibile sul mercato sotto forma di integratore. Il cervello ne produce solo una piccola quantità, stimata in circa 0,2 milligrammi al giorno. Per alcune persone questo potrebbe non essere sufficiente.

Gli integratori di solito contengono dosi più elevate. Ha effetti calmanti e questo aiuta a rilassare e preparare il corpo al riposo. Pertanto, è utile per trattare i disturbi del sonno.

Uno studio pubblicato su Journal of Physiology-Paris ha dimostrato che la melatonina può contribuire al ripristino del ciclo sonno-veglia nel corpo umano. È stato anche dimostrato che riduce l’ansia e corregge il jet lag.

È importante notare che un riposo inadeguato ha effetti notevoli sulla salute fisica e mentale, che sono stati associati allo sviluppo di malattie cardiache, diabete e persino demenza.

Donna con insonnia.
L’insonnia cronica altera i modelli fisiologici che regolano il cuore, il cervello e il metabolismo generale.

Assumere la melatonina ogni sera è sicuro?

Le prove disponibili indicano che assumere la melatonina è completamente sicuro a breve termine. A differenza di altri farmaci per dormire, non crea dipendenza né lascia effetti residui.

Quanto al fatto di prenderla tutte le sere, sono invece stati sollevati dei dubbi. Non sono disponibili studi sufficienti che forniscano dati affidabili sugli effetti a lungo termine.

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che assumere la melatonina ogni sera sia sicura. Sono molte le persone, in tutto il mondo, che hanno usato questa sostanza per diversi anni senza accusare effetti collaterali o avversi.

L’opinione generale è che si tratta di una sostanza che l’organismo produce in modo naturale, e quindi, a cui il corpo si abitua facilmente. In altri termini, una quantità superiore non creerebbe problemi.

Vi sono indicazioni che apporti persino benefici aggiuntivi:

  • Ritarda l’invecchiamento.
  • Ha effetti antiossidanti.
  • Previene l’obesità.
  • Influenza positivamente il sistema immunitario.

I rischi dell’assunzione di melatonina

Finora non sono stati rilevati rischi significativi derivanti dall’assunzione di melatonina. La fascia di popolazione che ne fa un uso più intenso è quella degli anziani, con varie comorbidità. Anche così, non ci sono segnalazioni di eventi avversi notevoli.

Vale la pena notare che la melatonina è elencata come cronobiotica, non ipnotica. La maggior parte dei sonniferi rientra in quest’ultimo gruppo e causa problemi. La melatonina, invece, agisce solo sull’orologio interno.

In ogni caso, gli esperti consigliano, prima di iniziare ad assumere la melatonina, di chiedere il parere del m edico. In base alla storia clinica, questo potrà indicare se “l’ormone del buio” sia la strada migliore e il dosaggio corretto.

Possibili effetti collaterali e controindicazioni

Solo un piccolo numero di persone ha riportato effetti collaterali dopo l’assunzione di melatonina. Questi sono mal di testa, vertigini, nausea e sonnolenza diurna.

In rari casi sono stati segnalati effetti collaterali come:

  • Depressione temporanea.
  • Tremori lievi.
  • Confusione o disorientamento.
  • Bassa pressione sanguigna.

Le donne incinte o che allattano non dovrebbero assumere melatonina. Nemmeno chi soffre di depressione, disturbi convulsivi o malattie autoimmuni.

Melatonina e altri sonniferi.
Se si sta assumendo un altro farmaco, è meglio chiedere al medico se esiste il rischio di interazione.

Consultate sempre il medico prima di assumere la melatonina

Chi avverte disagio dopo aver assunto la melatonina, dovrebbe immediatamente interrompere l’assunzione e consultare il medico. Potrebbe essere necessaria una riduzione della dose o l’eliminazione totale.

Sebbene in molti paesi sia possibile seguire una cura senza autorizzazione del medico, è meglio non rischiare. Non tutti i marchi sono uguali e, quindi, non tutti garantiscono la piena sicurezza.

Potrebbe interessarti ...
Benefici della melatonina, quali sono?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Benefici della melatonina, quali sono?

Recenti studi hanno evidenziato ulteriori benefici della melatonina e il suo coinvolgimento in altre funzioni fisiologiche.



  • Melatonin: Both master clock output and internal time-giver in the circadian clocks network. (2011, 1 diciembre). ScienceDirect. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0928425711000040?via%3Dihub
  • Posadzki, Pawel P., et al. “Melatonin and health: an umbrella review of health outcomes and biological mechanisms of action.” BMC medicine 16.1 (2018): 1-18.
  • Poza, J. J., Pujol, M., Ortega-Albás, J. J., & Romero, O. (2018). Melatonina en los trastornos de sueño. Neurología.