Barbabietola e uva passa per pulire il fegato

15 febbraio 2016
L'uva passa è molto ricca di resveratrolo, un antiossidante che aiuta a rigenerare le cellule epatiche, mentre la barbabietola è ricca di fibre, le quali permettono di eliminare i rifiuti

Anche se spesso non gli riserviamo la giusta importanza, il fegato si incarica di diversi compiti molto importanti per il nostro organismo. Per esempio, purifica e disintossica il sangue, elimina i residui e depura tutto quello che ingeriamo.

Dovremmo prenderci un po’ più cura di questo organo, vero? Nell’articolo di oggi vi proponiamo due rimedi a base di barbabietola e uva passa per pulire il fegato in modo davvero efficace. Non esitate a provarli!

Prima di iniziare… Proprietà di ogni ingrediente

La barbabietola e l’uva passa sono ottime per la salute. Dovremmo aggiungerle alla nostra dieta giornaliera senza esitare. Iniziamo con le bontà di entrambi gli ingredienti di un magnifico frullato che vi aiuterà a depurare il fegato.

In primo luogo, abbiamo la barbabietola. Questo ortaggio viene utilizzato sin dall’antichità come medicina grazie alle sue proprietà. È in grado di:

  • Inibire e prevenire la comparsa di tumori cancerogeni.
  • Depurare l’organismo (insieme al cetriolo, al pomodoro o alla cipolla).
  • Migliorare la salute nelle donne in gravidanza o durante il periodo mestruale.
  • Produrre emoglobina e globuli rossi (vitali nelle persone affette da leucemia o anemia).
  • Ritardare l’invecchiamento precoce.
  • Prevenire le malattie cardiache.
  • Aiutare a far crescere i capelli e le unghie.
  • Migliorare l’aspetto della pelle.
  • Aumentare la produzione dell’ormone dopamina (il quale elimina lo stato d’animo negativo e la depressione).
  • Rafforzare la salute delle ossa e delle arterie.
  • Prevenire la stitichezza e liberare del tutto l’intestino.
  • Incrementare la quantità di succhi gastrici.
  • Ridurre i gas e l’acidità.
  • Evitare la ritenzione idrica.
  • Perdere peso.
  • Stimolare il cervello.
  • Eliminare le tossine attraverso il fegato.

Cosa succede invece con l’uva passa? Anch’essa è molto nutritiva e gode di una grande varietà di proprietà! Quelle che risaltano di più sono:

  • Un grande valore nutrizionale ed energetico (soprattutto per gli sportivi o persone che realizzano sforzi fisici).
  • Tratta l’anemia, poiché apporta grandi quantità di ferro ed aiuta a produrre globuli rossi.
  • Permette di aumentare di peso e calorie in una dieta ipercalorica.
  • Si tratta di un alimento rinvigorente e ricostituente, che apporta una grande quantità di proteine e vitamine.
  • Riduce la stanchezza fisica, lo stress e la fatica.
  • Previene la perdita di memoria e migliora il rendimento mentale.
  • Possiede proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie.
  • Tratta la stitichezza ed aiuta ad evacuare feci voluminose.
  • Previene il cancro al colon.
  • Protegge la salute degli occhi e ne nutre i capillari (ideale per trattare cataratte, glaucoma e cecità notturna, così come vista stanca).
  • Rimineralizza le ossa, poiché presenta una buona dose di calcio (protegge dall’osteoporosi).
  • Ottimo alleato per le donne in gravidanza e in fase di allattamento.
  • Riduce i sintomi dell’artrosi e dell’artrite.
  • Abbassa la febbre e possiede proprietà antibiotiche.
  • Si tratta di un antiacido naturale e protegge le mucose dello stomaco.
  • Riduce l’appetito e sazia (ideale per combattere la fame ansiosa).

Volete saperne di più? Leggete: Perché la barbabietola non può mancare nella dieta

Due ricette per godere delle bontà della barbabietola e dell’uva passa

uva passa

Dato che è fondamentale mantenere in salute il nostro fegato, affinché possa continuare a realizzare le sue funzioni, possiamo aiutarlo in diversi modi. Uno di questi è nutrirsi meglio e l’altro è integrando alla dieta frullati o succhi disintossicanti.

Vi diamo due opzioni, in modo che possiate scegliere quella che vi piace di più:

Frullato di barbabietola, uva passa e farina integrale

Potete godere di questa bevanda in una giornata di pulizia e purificazione generale.

Ingredienti

  • 700 gr di barbabietola
  • 2 cucchiai di farina integrale
  • 200 gr di zucchero muscovado
  • 100 gr di uva passa
  • 2 litri d’acqua

Utensili

  • Recipiente di vetro con capacità di 3 litri
  • Cucchiaio di legno

Procedimento

  • Tagliate la barbabietola a cubetti e metteteli in una caraffa. Aggiungete la farina integrale, lo zucchero muscovado e l’uva passa.
  • Versate l’acqua bollente e mescolate bene. Lasciate raffreddare.
  • Coprite con una garza in modo che entri l’aria e possa fermentare per 24 ore.
  • Filtrate e bevete il liquido ottenuto. La dose giornaliera è di 3 cucchiai. Il resto si conserva nel congelatore e si ripete dopo 3 mesi.

Frullato di barbabietola, uva passa e limone

frullato di barbabietola

Questa alternativa è un po’ più leggera e può essere assunta in qualsiasi momento della giornata. Deliziosa, rinfrescante e sana.

Ingredienti

  • ½ tazza di uva passa
  • 300 grammi di barbabietola
  • Il succo di 2 limoni
  • 2 e ½ tazze d’acqua (625 ml)

Utensili

  • Tazze
  • Recipiente
  • Spremiagrumi
  • Pentolino
  • Frullatore

Procedimento

  • In un pentolino, mettete a bollire l’acqua. Nel frattempo, tagliate la barbabietola a pezzettini.
  • Una volta bollita, ritirate l’acqua dal fuoco.
  • Aggiungete l’uva passa e la barbabietola, mettete il coperchio e lasciate raffreddare per 45 minuti.
  • Versate il contenuto nel bicchiere del mixer e mescolate bene fino ad ottenere una crema omogenea.
  • Spremete due limoni ed aggiungetene il succo alla preparazione precedente. Mescolate.
  • Bevete a digiuno tutti i giorni per una settimana intera.

Come assumere barbabietola e uva passa in altre ricette?

Oltre a bere e godere di questi gustosissimi frullati, potete approfittare delle bontà della barbabietola e dell’uva passa in diverse preparazioni, come insalate e dolci.

Le barbabietole possono essere mangiate crude o cotte, grattugiate o tagliate a pezzetti per le insalate.

L’uva passa è un eccellente elemento per la spremuta d’arancia, lo yogurt o il latte con i cereali. Potete anche mangiarne un pugno a metà mattina (da sole o insieme ad altra frutta secca, come mandorle, noci e pistacchi).

Esistono mille opzioni per trarre beneficio da questi meravigliosi alimenti!

Guarda anche