Dieta anticolesterolo: quali cibi mangiare

3 agosto 2018
Oltre a seguire una dieta anticolesterolo, è importante fare attività fisica per contrastare gli effetti della sedentarietà ed evitare abitudini scorrette come il tabacco o l'alcool

L’accumulo di colesterolo cattivo (LDL) nelle arterie costituisce uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Benché questo problema possa essere asintomatico, può causare conseguenze piuttosto gravi. È molto importante, dunque, seguire la giusta dieta anticolesterolo.

Si parla di colesterolo alto quando i livelli risultano uguali o superiori ai 200 mg/dl. La condizione diventa più allarmante quando i valori eccedono i 200 mg/dl.

Quali sono le cause di questa malattia? È possibile tenerla sotto controllo per mezzo di una dieta anticolesterolo? Anche se l’aumento dei livelli di colesterolo avviene a causa di vari fattori, modificare il proprio regime alimentare rappresenta lo strumento principale per abbassarli.

Che cos’è il colesterolo?

Colesterolo

Il colesterolo è una molecola di grasso che in determinate quantità è essenziale per la vita. Costituisce le membrane cellulari, ed è il precursore di alcuni ormoni, acidi biliari, vitamina D e altre sostanze fondamentali per l’organismo.

Viene sintetizzato principalmente da fegato e intestino, e viene assorbito tramite il consumo di alimenti di origine animale.

L’accumulo di colesterolo sulle pareti arteriose scatena una reazione infiammatoria che agevola la crescita delle cosiddette “placche di ateroma“, responsabili di disturbi come l’aterosclerosi. Questo, tra l’altro, aumenta il rischio di:

  • Infarti al miocardio
  • Accidenti cerebrovascolari
  • Affezioni epatiche e renali

Fattori di rischio

Molti casi di colesterolo alto sono dovute a fattori genetici. Il disturbo colpisce diversi membri della stessa famiglia oppure si trasmette dai genitori ai figli. In questi casi, il corpo produce più colesterolo del necessario rendendo difficile tenerlo sotto controllo.

Altre cause collegate sono:

  • Abitudini alimentari scorrette (dieta ricca di grassi saturi e zuccheri)
  • Obesità o diabete
  • Fumo
  • Vita sedentaria

Dieta anticolesterolo

Dieta per controllare il colesterolo

Per una buona dieta anticolesterolo, è importante tenere in considerazione alcuni fattori di base:

  • Età del paziente
  • Stato di salute (se soffre di altre malattie)
  • Peso e possibili disturbi metabolici

Tenendo conto di questi fattori, la dieta per abbassare il colesterolo cattivo (LDL) deve basarsi su cibi vari e sani, i cui nutrienti soddisfino le esigenze dell’organismo.

Allo stesso tempo, bisogna limitare il consumo di certi alimenti di origine animale che, se assunti in eccesso, possono peggiorare il problema.

Alimenti da evitare

  • Carni rosse
  • Formaggi grassi
  • Prodotti di pasticceria
  • Alimenti precotti o fritture
  • Pietanze elaborate con oli o grassi idrogenati
  • Zuccheri e dolci

Alimenti indicati

  • Cereali integrali (avena, orzo, riso)
  • Legumi (fagioli, piselli, lenticchie)
  • Frutta e vegetali
  • Grassi insaturi (olio di oliva, olio di avocado, semi e frutta secca)
  • Fonti di omega 3 o pesce azzurro
  • Carni magre (pollo o tacchino)

Menù consigliato per abbassare il colesterolo

Ridurre le porzioni per dimagrire

Esistono molti piani alimentari per chi ha bisogno di regolare i propri livelli di colesterolo cattivo (LDL). Come già menzionato, possono variare a seconda della persona.

Tuttavia, tenendo in considerazione i consigli di base, nel seguente paragrafo vi proponiamo un menù equilibrato e delizioso per una corretta dieta anticolesterolo.

Colazione

  • Fiocchi d’avena con latte scremato e frutta
  • Caffè amaro
  • Pane integrale tostato con olio extravergine d’oliva e fette di pomodoro

Metà mattina

  • Un panino integrale e sardine in conserva
  • Sottaceti (cetriolini e simili)
  • Frutta secca tostata (non fritta e senza sale)

Pranzo

  • Insalata di lenticchie e riso integrale
  • Sugarello in aceto
  • Piccola porzione di avocado

Merenda

  • Yogurt naturale scremato con frutta secca o semi

Cena

  • Verdure grigliate o al vapore
  • Hamburger vegetale (lenticchie, quinoa o fagiolini)
  • Una pesca

Altre abitudini per abbassare il colesterolo cattivo (LDL)

Metabolismo

L’alimentazione è basilare per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo (LDL); malgrado ciò, è fondamentale prestare attenzione anche ad altre abitudini.

Esercizio fisico

L’esercizio fisico regolare previene e combatte il colesterolo alto. La sua pratica giornaliera, o almeno 3 volte alla settimana, riduce gli effetti della sedentarietà, un fattore collegato a questo problema.

  • Camminare a passo svelto o svolgere qualsiasi tipo di attività cardiovascolare promuove l’eliminazione del colesterolo cattivo (LDL).
  • L’ideale è combinare questi esercizi con l’allenamento per la forza.

Evitare il tabacco

Il consumo di tabacco non determina un aumento del colesterolo cattivo (LDL), ma influisce sulla sintesi di quello buono (HDL). Interferisce, dunque, con i processi che aiutano a tenere sotto controllo questa condizione.

Dimagrire

Una corretta alimentazione ed esercizio fisico sono fondamentali per raggiungere un peso salutare. Bisogna essere disciplinati e costanti per poter lottare contro gli effetti del sovrappeso e dell’obesità.

Avete il colesterolo alto? Attenti! Anche se non accusate nessun fastidio evidente, nel vostro corpo possono insorgere malattie associate a questa condizione. Seguite tutti i consigli dati per abbassare i livelli di colesterolo cattivo.

Guarda anche