Benefici della papaya secondo gli studi

19 Aprile 2019
La papaya è un frutto di origine tropicale che possiede numerosi nutrienti e antiossidanti. Vi presentiamo i suoi effetti positivi secondo la scienza.

I benefici della papaya sono davvero numerosi. Alcuni studi scientifici hanno valutato l’effetto che i suoi nutrienti e antiossidanti hanno su processi come il cancro, le infiammazioni e l’invecchiamento.

In questo articolo riportiamo i 6 migliori benefici della papaya dimostrati dalla scienza. Scopriteli insieme a noi!

Perché fa bene?

Dieta detox alla papaya
Tra i componenti nutrizionali della papaya ricordiamo l’alto contenuto di vitamine e fibre.

La vitamina C è uno dei punti forti della papaya, fornendo un sorprendente 144% del valore giornaliero raccomandato per porzione. Stimola il sistema immunitario e agisce come antiossidante contro i radicali liberi.

La papaya contiene anche vitamina A (31% del valore giornaliero raccomandato), necessaria per la salute della pelle, delle mucose e degli occhi. È particolarmente efficace contro la degenerazione maculare.

Contiene anche acido folico, fornendo il 13% del valore giornaliero raccomandato. Annovera ulteriormente buone quantità di fibre e potassio, componenti essenziali nelle cellule e nel corpo che aiutano a controllare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

In questo frutto si trovano anche 212 aminoacidi e diversi enzimi, tra cui la papaina. Questo enzima ha un effetto antinfiammatorio sullo stomaco, migliorando la digestione e i disturbi intestinali.

Proprietà nutrizionali

  • È un frutto dal sapore dolce con un elevato contenuto di acqua e che fornisce solo 43 calorie per 100 grammi.
  • Contiene vitamine del gruppo B (B1, B2 e B3), una grande quantità di vitamina C, nonché di vitamina A e D.
  • È una ricca fonte di fibre.
  • Contiene minerali come sodio, potassio, calcio, magnesio, fosforo, ferro, zinco e iodio.

Leggete anche: 7 benefici dei semi di papaya

6 benefici della papaya per la salute

1. Previene il cancro

Succo di papaya
Il suo alto contenuto di vitamina C e i suoi antiossidanti naturali svolgono un ruolo essenziale nella prevenzione dello sviluppo di tumori.

Gli alimenti con abbondanti quantità di vitamina C sono stati associati a un minor rischio di cancro. Questa vitamina, infatti, migliora la funzione del sistema immunitario, riduce lo stress ossidativo, i livelli di infiammazione e aiuta a bloccare e prevenire la formazione e l’attivazione di agenti cancerogeni.

Alcuni studi affermano anche che il licopene presente nella papaya ha effetti anticancerogeni, ovvero aiuta a prevenire diverse forme tumorali e a rallentarne la crescita.

2. È un potente antiossidante naturale

Il danno ossidativo è un fattore di rischio per malattie come il cancro, le patologie cardiache e l’invecchiamento. La papaya è ricca di vari composti antiossidanti, soprattutto carotenoidi, composti naturali che agiscono come pigmenti e antiossidanti e sono una fonte di beta-carotene o provitamina A.

3. Riduce le infiammazioni

L’infiammazione è un meccanismo naturale che l’organismo utilizza per proteggerci da infezioni causate da batteri, virus o altri agenti patogeni. In generale, tutti gli alimenti ricchi di sostanze e composti antiossidanti hanno, in misura maggiore o minore, proprietà antinfiammatorie.

Nella papaya, è il licopene, tra gli altri carotenoidi, che contribuisce ad abbassare i livelli di infiammazione nell’organismo.

4. Diminuisce il rischio di malattie cardiache

Alcuni studi sostengono che il licopene, grazie alla sua capacità di combattere i radicali liberi e ridurre lo stress ossidativo, riduce il rischio di malattie cardiache.

Ma la papaya contiene anche quantità molto elevate di vitamina C, che agisce come antiossidante ed è stato dimostrato che è capace di ridurre le possibilità di sviluppare malattie cardiache e croniche.

5. Riduce i segni dell’invecchiamento

Trattamento alla papaya
Gli antiossidanti della papaya aiutano nella prevenzione delle macchie e dell’invecchiamento precoce della pelle.

L’invecchiamento è un processo che si sviluppa nel tempo, ma è accentuato dall’ossidazione. Gli alimenti ricchi di antiossidanti, come la papaya, possono ridurre i segni dell’invecchiamento che appaiono sulla pelle. Ad esempio, le rughe o il rilassamento cutaneo, poiché combattono lo stress ossidativo.

È stato confermato che sia la vitamina C sia il licopene migliorano l’aspetto della pelle e riducono i segni dell’invecchiamento. Infine, l’applicazione topica della papaya offre ottimi risultati anche nella guarigione di ulcere e altre ferite cutanee.

Vi potrebbe interessare: Una fetta di papaya al giorno, effetti sul corpo

6. Favorisce la digestione

Gonfiore di stomaco
La papaina agisce come un enzima digestivo, favorendo la decomposizione degli alimenti.

Ci sono prove scientifiche che confermano che il consumo di papaya può prevenire problemi di digestione. In uno studio condotto con una formula a base di papaya, i soggetti analizzati hanno mostrato un miglioramento dei sintomi come gonfiore o flatulenza grazie alla papaina, sostanza che favorisce la digestione.

Controindicazioni

Nonostante tutti i suoi benefici, si sconsiglia di consumare la papaya:

  • In caso di problemi digestivi continui.
  • Crisi di diarrea.
  • Trattamento con diuretici.
  • Calcoli renali.

I benefici della papaya consentono di combattere malattie come il cancro o cardiache. Aggiungete questo frutto alla vostra dieta come preferite: fresco e al naturale, in succo o frullato o anche in insalata.

  • Hewitt H, Whittle S, Lopez S, Bailey E, Weaver S.  Topical use of papaya in chronic skin ulcer therapy in Jamaica. The West Indian Medical Journal [01 Mar 2000, 49(1):32-33] (PMID:10786448)
  • Stavroula K Osganian, Meir J Stampfer, Eric Rimm, Donna Spiegelman, Frank B Hu, JoAnn E Manson, Walter C Willett. Journal of the American College of Cardiology Jul 2003, 42 (2) 246-252; DOI: 10.1016/S0735-1097(03)00575-8
  • Meléndez-Martínez, Antonio J. & Vicario, Isabel M. & Heredia, Francisco J.. (2004). Nutritional importance of carotenoid pigments. Archivos latinoamericanos de nutrición. 54. 149-54.