Infuso di menta: perché berlo dopo mangiato?

11 Febbraio 2020
La menta piperita possiede proprietà calmanti e sedative che possono aiutarci a rilassarci, tuttavia, se consumata in eccesso, può produrre l'effetto opposto.

La menta è fonte di salute e benessere. Esistono molti tipi di menta e in ogni paese c’è una variante più diffusa delle altre. Ciononostante, sono tutte adatte alla preparazione di un infuso di menta, con il fine di prendersi cura della salute o preparare dolci deliziosi e persino oli essenziali.

In generale, l’infuso di menta ci aiuta a combatter alcuni problemi di salute. Inoltre, favorisce la perdita di peso, oltre ad agire come leggero sedativo per conciliare il sonno.

Té

Perché si consiglia di bere un infuso di menta dopo mangiato?

Il modo di preparare l’infuso di menta, così come la modalità di assunzione durante il giorno, varia a seconda dei benefici che vogliamo ottenere.

Potete bere due tazze di infuso di menta al giorno per una settimana, includendolo nelle vostre abitudini alimentari, e riposare la successiva.

Imparate anche a preparare una limonata leggera alla menta, cetriolo e zenzero

1. L’infuso di menta migliora la digestione

Sono molti gli infusi che favoriscono il processo digestivo, com’è il caso del dente di leone, del tè verde o della camomilla. Tuttavia, optiamo per l’infuso di menta per il suo effetto benefico sull’apparato digerente, come afferma questo studio dell’Università iraniana Urmia.

Questo infuso aiuta il corpo ad assorbire meglio i nutrienti contenuti negli alimenti attraverso l’intestino tenue. Allo stesso tempo, è adatta per le persone che soffrono di qualsiasi disturbo intestinale, dato che aiuta ad alleviare il dolore e i fastidi.

La menta favorisce le funzioni epatiche. Questo studio condotto dall’Università di Semnan (Iran), nonostante sia stato condotto su roditori, afferma che la menta potrebbe migliorare la sintomatologia e la condizione dei pazienti diabetici.

Un altro fatto da considerare è che aiuta ad evitare le flatulenze prodotte dalla fermentazione del cibo.

Té alla menta

2. L’infuso di menta ci aiuta a controllare l’appetito

Questi dati sono molto interessanti nel caso in cui si segua una dieta dimagrante. Il profumo della menta, oltre ad essere rilassante, è un soppressore dell’appetito, in quanto anche gli stimoli olfattivi raggiungono l’ipotalamo, controllando la sensazione di fame. Lo afferma questa ricerca condotta dall’Università di Liverpool (Regno Unito) e questo studio del Baylor College of Medicine (Houston, Stati Uniti).

Si consiglia di consumare l’infuso di menta dopo mangiato, in quanto non solo aiuta ad assorbire meglio i nutrienti dei cibi, ma attraverso i suoi oli essenziali e componenti esercita un’azione calmante e sedativa.

Scoprite: come far crescere in casa delle piante di menta

Altri benefici che comporta il consumo dell’infuso di menta:

  • È un buon aiuto per i pazienti diabetici.
  • Promuove il metabolismo gastrico ed epatico.
  • Agisce come diuretico, come afferma questo studio del Centre de Recherches et des Technologies des Eaux (Tunisia).

È importante evitare l’uso di zucchero per addolcire l’infuso. Cercate di bere questo infuso a base di menta in modo naturale o con un po’ di miele. È più sano.

Foglie di menta

Precauzioni sull’uso della menta

È necessario sapere che se si eccede nel consumo di infuso di menta si può andare incontro ad alcuni effetti collaterali, così come non se ne raccomanda l’assunzione in determinate situazioni. Esse sono:

  • Gastrite: ciò è dovuto alla capacità della menta di stimolare la produzione di acidi gastrici.
  • Insonnia: se consumiamo l’infuso di menta in grandi quantità.
  • Non è raccomandato ai bambini di età inferiore a 2 anni, per via del contenuto di mentolo.
  • Feci molli e nausea: dovute al consumo eccessivo.
  • Non è raccomandato durante l’allattamento: in quanto può ridurre il flusso del latte.
  • Non assumere in gravidanza: in quanto può esporre al rischi di aborto spontaneo.

La menta si contraddistingue come un efficace alleato delle diete dimagranti. Tuttavia, ricordate che per perdere peso, è sempre meglio consultare il vostro medico. Inoltre, se seguiremo una dieta variata ed equilibrata e condurremo una vita attiva, i nostri sforzi saranno premiati.

  • Elansary, H. O., & Ashmawy, N. A. (2013). Essential Oils of Mint between Benefits and Hazards. Journal of Essential Oil-Bearing Plants. https://doi.org/10.1080/0972060X.2013.813279
  • McKay, D. L., & Blumberg, J. B. (2006). A review of the bioactivity and potential health benefits of peppermint tea (Mentha piperita L.). Phytotherapy Research. https://doi.org/10.1002/ptr.1936
  • Singh, R., Shushni, M. A. M., & Belkheir, A. (2015). Antibacterial and antioxidant activities of Mentha piperita L. Arabian Journal of Chemistry. https://doi.org/10.1016/j.arabjc.2011.01.019
  • de Sousa Barros, A., de Morais, S. M., Ferreira, P. A. T., Vieira, Í. G. P., Craveiro, A. A., dos Santos Fontenelle, R. O., … de Sousa, H. A. (2015). Chemical composition and functional properties of essential oils from Mentha species. Industrial Crops and Products. https://doi.org/10.1016/j.indcrop.2015.07.004