Acqua con sale marino: efficace contro la stitichezza?

L'acqua salata marina è diventata popolare come rimedio naturale per curare la stitichezza e disintossicare il corpo. Scopriamo di più!
Acqua con sale marino: efficace contro la stitichezza?

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

L’acqua con sale marino è diventata popolare come rimedio contro la stitichezza. In effetti, è un metodo noto come “risciacquo con acqua salata”, “pulizia con acqua salata” o “pulizia principale” e i sostenitori affermano che è efficace nel disintossicare il colon. Funziona davvero?

Per cominciare, va notato che questo rimedio è diventato una tendenza quando faceva parte del regime di disintossicazione e digiuno noto come Master Cleanse. Si ritiene che la sua assunzione regolare promuova l’eliminazione dei rifiuti e favorisca la perdita di peso. Tuttavia, gli esperti avvertono che il suo consumo può comportare determinati rischi.

L’acqua con sale marino è efficace contro la stitichezza?

Le opinioni sul consumo di acqua con sale marino per costipazione e disintossicazione sono divise. Mentre alcuni suggeriscono che sia efficace per pulire il colon, eliminare le tossine e alleviare la stitichezza, altri avvertono che i suoi potenziali rischi sono maggiori.

In particolare, questo trattamento consiste nel bere una miscela di acqua tiepida con sale marino o sale non iodato. La combinazione si traduce in una bevanda lassativa che favorisce i movimenti intestinali. I suoi effetti di solito si verificano entro 30 minuti a 1 ora, ma a volte ci vuole un po’ più di tempo.

Tuttavia, è importante ricordare che i suoi presunti benefici si basano su dati aneddotici e testimonianze su Internet. Ad oggi, non ci sono prove scientifiche per dimostrarne la sicurezza e l’efficacia.

Solo uno studio riportato su The Journal of Alternative and Complementary Medicine ha riportato che bere acqua salata calda e fare specifiche posizioni yoga potrebbe aiutare a purificare l’intestino in preparazione per la colonscopia. Tuttavia, non era chiaro se questi stessi effetti si verificassero semplicemente bevendo acqua salata.

D’altra parte, non ci sono linee guida specifiche su chi può assumere questo rimedio senza grossi inconvenienti. È spesso suggerito nelle persone con costipazione cronica o movimenti intestinali irregolari. Inoltre, viene utilizzato come integratore nelle diete detox. In altri casi è controproducente.

Costipazione che sarà trattata con acqua con sale marino.
La costipazione può avere diverse cause. A volte, migliorando alcune abitudini di vita, si risolve.

Per saperne di più: Pulire e disintossicare il colon: 4 deliziosi frullati

Il corpo si disintossica

Uno dei motivi per cui vengono discussi gli effetti dell’acqua con sale marino per la stitichezza è a causa della capacità del corpo di purificarsi. Sebbene questo e altri metodi di disintossicazione sembrino efficaci per i loro presunti effetti, nella maggior parte dei casi non sono necessari.

Finché vengono mantenute buone abitudini di vita, soprattutto per quanto riguarda il cibo, l’organismo può eliminare le scorie senza bisogno di regimi speciali.

Inoltre, come affermato in una pubblicazione su Clinics in Colon and Rectal Surgery , i cambiamenti nello stile di vita, nell’assunzione di fibre e nei liquidi sono spesso fondamentali nella gestione della stitichezza, al di là di altre strategie.

Detto questo, sia la disintossicazione dell’acqua con sale marino che altri rimedi simili dovrebbero essere tenuti sotto controllo medico. Il professionista sarà colui che determina se la persona è adatta o meno a questo tipo di rimedio.

Quali sono i rischi di bere acqua con sale marino per la stitichezza?

Il consumo di acqua con sale marino per combattere la stitichezza o disintossicare il corpo può portare con sé alcuni effetti collaterali che vanno da lievi a gravi. Prima di tutto, bere questa bevanda a stomaco vuoto porta spesso a nausea e persino vomito.

Inoltre, quando viene eseguito per diversi giorni, provoca uno squilibrio elettrolitico che di solito si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Fatica.
  • Confusione.
  • Convulsioni.
  • Intorpidimento.
  • Spasmi muscolari.
  • Problemi di pressione sanguigna.
  • Disturbi del ritmo cardiaco.

Tra l’altro, bere acqua con sale marino aumenta il rischio di sovraccarico di sodio. Di conseguenza, aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Questo metodo di disintossicazione è controindicato nei seguenti casi:

  • Bambini.
  • Diabetici.
  • Gravidanza e allattamento.
  • Pazienti con malattie cardiache.
  • Persone con edema (ritenzione di liquidi).
  • Pazienti con malattie renali o epatiche.
  • Persone con disturbi gastrointestinali, come ulcere o malattie infiammatorie intestinali.

Un’ipotesi suggerisce che la disintossicazione dell’acqua con sale marino alteri il microbioma intestinale. Come mostra uno studio pubblicato su Microbial Ecology in Health and Disease, ciò può portare allo sviluppo di malattie digestive e altri problemi di salute cronici.

Come si prepara l’acqua con sale marino?

In generale, l’acqua con sale marino va bevuta di mattina, a digiuno. C’è però chi preferisce farlo di notte, un paio d’ore dopo l’ultimo pasto della giornata. In ogni caso, l’assunzione tende a portare a movimenti intestinali urgenti.

Pertanto, conviene farlo nei momenti in cui non ci sono impegni successivi. Inoltre, non è consigliabile fare esercizio dopo aver assunto la soluzione. Infine, bisogna ricordare che si tratta di un rimedio da assumere saltuariamente, preferibilmente sotto controllo medico.

Sale marino per rimedi naturali.
Il sale marino viene ottenuto dopo l’evaporazione dell’acqua di mare.

Ingredienti

  • 2 cucchiaini di sale marino non iodato o sale rosa dell’Himalaya (6 grammi).
  • Succo di limone (facoltativo, a piacere).
  • 4 tazze di acqua tiepida (1 litro).

Procedimento

  1. Per iniziare, sciogliere il sale marino in un litro di acqua tiepida.
  2. Quindi aggiungere il succo di limone per esaltare il sapore, se lo si desidera.
  3. Bere la bevanda il prima possibile. Assicurarsi di avere lo stomaco vuoto.
  4. L’effetto si farà sentire dai 30 minuti a 1 ora.

Ci sono altre alternative per disintossicare il corpo e combattere la stitichezza?

Nonostante la sua popolarità, l’acqua con sale marino non è l’opzione migliore per combattere la stitichezza. Come abbiamo discusso, il corpo può disintossicarsi ed eliminare le tossine quando vengono fornite le condizioni necessarie per funzionare normalmente.

In tal senso, vale la pena:

  • Seguire una dieta ricca di fibre, con cibi come frutta, verdura, cereali integrali e legumi.
  • Includere i probiotici nella dieta.
  • Prendere un integratore di fibre in caso di stitichezza cronica.
  • Bere circa due litri di acqua al giorno.
  • Fare esercizio fisico regolarmente.
  • Avere un peso sano.
  • Evitare le cattive abitudini, come il fumo e il consumo di alcol.

Da ricordare

Bere l’acqua con sale marino può funzionare in casi specifici di stitichezza, poiché provoca movimenti intestinali urgenti. Finché viene eseguito una sola volta, di solito non è un problema. Anche così, a volte porta ad effetti collaterali, come nausea e vomito.

In ogni caso, non è conveniente adottare regolarmente questo metodo, poiché può causare un eccesso di sodio nell’organismo. Per mantenere il colon pulito, non c’è niente di meglio che condurre uno stile di vita sano.

Potrebbe interessarti ...
Consumare più fibre e prevenire la stitichezza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Consumare più fibre e prevenire la stitichezza

Una dieta povera è una delle principali cause della stitichezza. Scoprite come consumare più fibre e combattere l'intestino pigro.



  • Committee on the Consequences of Sodium Reduction in Populations; Food and Nutrition Board; Board on Population Health and Public Health Practice; Institute of Medicine; Strom BL, Yaktine AL, Oria M, editors. Sodium Intake in Populations: Assessment of Evidence. Washington (DC): National Academies Press (US); 2013 Aug 27. 4, Sodium Intake and Health Outcomes. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK201520/
  • Arya, V., Gupta, K. A., & Arya, S. V. (2010). Efficacy of Bolus Lukewarm Saline and Yoga Postures as Colonoscopy Preparation: A Pilot Study. In The Journal of Alternative and Complementary Medicine (Vol. 16, Issue 12, pp. 1269–1277). Mary Ann Liebert Inc. https://doi.org/10.1089/acm.2010.0166
  • Portalatin M, Winstead N. Medical management of constipation. Clin Colon Rectal Surg. 2012 Mar;25(1):12-9. doi: 10.1055/s-0032-1301754. PMID: 23449608; PMCID: PMC3348737.
  • Carding S, Verbeke K, Vipond DT, Corfe BM, Owen LJ. Dysbiosis of the gut microbiota in disease. Microb Ecol Health Dis. 2015 Feb 2;26:26191. doi: 10.3402/mehd.v26.26191. PMID: 25651997; PMCID: PMC4315779.
  • Yang J, Wang HP, Zhou L, Xu CF. Effect of dietary fiber on constipation: a meta analysis. World J Gastroenterol. 2012 Dec 28;18(48):7378-83. doi: 10.3748/wjg.v18.i48.7378. PMID: 23326148; PMCID: PMC3544045.
  • Dimidi E, Christodoulides S, Fragkos KC, Scott SM, Whelan K. The effect of probiotics on functional constipation in adults: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Clin Nutr. 2014 Oct;100(4):1075-84. doi: 10.3945/ajcn.114.089151. Epub 2014 Aug 6. PMID: 25099542.
  • Popkin BM, D’Anci KE, Rosenberg IH. Water, hydration, and health. Nutr Rev. 2010 Aug;68(8):439-58. doi: 10.1111/j.1753-4887.2010.00304.x. PMID: 20646222; PMCID: PMC2908954.
  • Gao R, Tao Y, Zhou C, Li J, Wang X, Chen L, Li F, Guo L. Exercise therapy in patients with constipation: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Scand J Gastroenterol. 2019 Feb;54(2):169-177. doi: 10.1080/00365521.2019.1568544. Epub 2019 Mar 7. PMID: 30843436.