Bevande gassate e zuccherate: perché fanno male

· 7 Novembre 2018
Il consumo eccessivo di bevande gassate e zuccherate può danneggiare i reni, i denti e causare persino problemi cardiaci.

Il consumo eccessivo di bevande gassate e zuccherate fa male all’organismo. Questi prodotti vengono elaborati a partire da sostanze chimiche e coloranti che hanno effetti nocivi sugli organi e possono causare reazioni indesiderate.

A seguire presentiamo gli effetti negativi delle bevande gassate e zuccherate su alcuni organi specifici.

Effetti delle bevande gassate e zuccherate sugli organi

Fegato

La cirrosi epatica è correlata al consumo eccessivo di queste bevande, soprattutto quelle dalla colorazione scura. Gli specialisti della salute indicano che circa 600 ml di bevande gassate al giorno accelerano il decorso di questa patologia. Sapere quanto fanno male all’organismo potrebbe anche convincervi delle ragioni per cui evitarle.

Se però consumate un litro di bevande gassate e zuccherate al giorno, le probabilità che si accumulino quantità ragionevoli di grasso nel fegato sono circa cinque volte superiori alla media.

Leggete anche: I migliori rimedi naturali per disintossicare il fegato

Reni

Consumo bevande gassate e zuccherate

L’alto contenuto di acido fosforico in questi prodotti favorisce la produzione di calcoli renali. Secondo analisi condotte da esperti, le persone che non le consumano hanno meno probabilità di soffrire di litiasi.

Gli specialisti sottolineano che il consumo giornaliero di zucchero non dovrebbe superare i tre cucchiaini. Una singola lattina di una di queste bibite contiene circa sette cucchiaini di zucchero, senza dimenticare la quantità di additivi e conservanti.

Questi bevande vengono prodotte con zuccheri raffinati, cioè zucchero grezzo processato, privo di sostanze nutritive. Una volta ingerito, il corpo ha bisogno di vitamine de gruppo B per metabolizzarlo. In questo caso, le vitamine vengono prelevate dall’organismo, causando effetti indesiderati come affaticamento e cattiva digestione.

Sovrappeso

Una bottiglia da 500 ml fornisce un decimo delle calorie giornaliere necessarie. I medici indicano che il consumo di ogni lattina aumenta di 1,6 volte il rischio di obesità. 

Effetti negativi per la salute dei denti

Sbiancamento denti

Lo smalto viene sottoposto a un’azione corrosiva e acquista un colore giallastro dovuto alla presenza di zucchero e coloranti. Ricordiamo che l’insorgenza della carie è dovuta alla demineralizzazione del dente, causata dal consumo di prodotti acidi provenienti dalla fermentazione dei residui alimentari.

È anche noto che il pH delle bevande gassate e zuccherate ha una media del 2.4, che accelera la demineralizzazione dei tessuti duri del dente.

Può interessarvi anche: Tartaro nei denti: rimedi naturali per rimuoverlo

Gli effetti sulle ossa

A causa del consumo costante di queste bevande, l’organismo smette di assorbire il calcio, dunque le ossa perdono densità. Anche i bambini ne subiscono le conseguenze e diventano più vulnerabili.

Per i medici, il rischio di soffrire di osteoporosi dipende dalla quantità di massa ossea che si accumula durante i primi anni di vita.

Il minor apporto di calcio derivante dal consumo di queste bevande è associato a un aumento dei casi di fratture in adolescenti e bambini. 

Diversi studi indicano che il consumo eccessivo di zucchero e caffeina favorisce notevolmente la perdita di calcio, nei casi in cui questo è inferiore alla media.

Disturbi cardiaci

Problemi cardiaci

La ricerca dimostra che i soggetti che assumono un litro di bevande gassate e zuccherate al giorno hanno una probabilità del 50% superiore di sviluppare la sindrome metabolica, che nel tempo causa patologie cardiache e diabete.

Contenuto delle bevande gassate e zuccherate

Questa bibite contengono un gran numero di additivi e coloranti che le rendono invitanti al gusto. Tuttavia, questi prodotti causano diverse reazioni avverse, come allergie o iperattività nei più piccoli.

  • Colorante al caramello. Questa tonalità attraente viene utilizzata per le bibite zuccherate di color marrone. Il tono si ottiene mescolando ad alta pressione lo zucchero con nitrati e solfiti. Il consumo causa alterazioni nel sangue e cancro nelle cavie da laboratorio.
  • Acido carminico, E120. Riduce la crescita nelle cavie da laboratorio.
  • Colorante giallo 5, tartrazina o E102. Provoca asma, naso che cola e orticaria se assunto indieme ad analgesici come la aspirina.

Non si tratta di vietare il consumo di queste bevande, ma di ridurne la quantità giornaliera, anche in considerazione degli effetti che possono avere sulla salute del corpo e degli organi vitali.

Gli additivi chimici di questi prodotti favoriscono l’insorgenza di diverse patologie tra cui il diabete.

1. Steen DP, Ashurst PR. Carbonated Soft Drinks: Formulation and Manufacture. Carbonated Soft Drinks: Formulation and Manufacture. 2007.
2. James J. Preventing childhood obesity by reducing consumption of carbonated drinks: cluster randomised controlled trial. BMJ. 2004;
3. McCusker RR, Goldberger BA, Cone EJ. Caffeine content of energy drinks, carbonated sodas, and other beverages. J Anal Toxicol. 2006;
4. Ashurst PR. Chemistry and Technology of Soft Drinks and Fruit Juices: Second Edition. Chemistry and Technology of Soft Drinks and Fruit Juices: Second Edition. 2007.
5. Hendriksen MA, Tijhuis MJ, Fransen HP, Verhagen H, Hoekstra J. Impact of substituting added sugar in carbonated soft drinks by intense sweeteners in young adults in the Netherlands: Example of a benefit-risk approach. Eur J Nutr. 2011;
6. Halldorsson TI, Strøm M, Petersen SB, Olsen SF. Intake of artificially sweetened soft drinks and risk of preterm delivery: A prospective cohort study in 59,334 Danish pregnant women. Am J Clin Nutr. 2010;
7. Amienyo D, Gujba H, Stichnothe H, Azapagic A. Life cycle environmental impacts of carbonated soft drinks. Int J Life Cycle Assess. 2013;
8. Hu FB, Malik VS. Sugar-sweetened beverages and risk of obesity and type 2 diabetes: Epidemiologic evidence. Physiol Behav. 2010;
9. Forshee RA, Storey ML. Total beverage consumption and beverage choices among children and adolescents. Int J Food Sci Nutr. 2003;
10. Maslova E, Strøm M, Olsen SF, Halldorsson TI. Consumption of Artificially-Sweetened Soft Drinks in Pregnancy and Risk of Child Asthma and Allergic Rhinitis. PLoS One. 2013;
11. Larsen MJ, Richards A. Fluoride is unable to reduce dental erosion from soft drinks. Caries Res. 2002;
12. Dubé J-P. Multiple Discreteness and Product Differentiation: Demand for Carbonated Soft Drinks. Mark Sci. 2004;
13. Sohn W, Burt BA, Sowers MR. Carbonated soft drinks and dental caries in the primary dentition. J Dent Res. 2006;
14. West NX, Hughes JA, Parker DM, Moohan M, Addy M. Development of low erosive carbonated fruit drinks 2. Evaluation of an experimental carbonated blackcurrant drink compared to a conventional carbonated drink. J Dent. 2003;
15. Gallus S, Turati F, Tavani A, Polesel J, Talamini R, Franceschi S, et al. Soft drinks, sweetened beverages and risk of pancreatic cancer. Cancer Causes Control. 2011;
16. Dube J-P. Multiple Discreteness and Product Differentiation: Demand for Carbonated Soft Drinks. Mark Sci. 2004;