5 bevande naturali per il trattamento della gastrite

· 8 Gennaio 2016
Anche se queste bevande naturali sono consigliate a tutti, è importante provarle per verificare qual è quella più indicata per voi e, qualora non le tolleraste, ricorrere ad altri rimedi.

Le 5 bevande naturali per il trattamento della gastrite sono uno dei rimedi migliori per questo disturbo. Infatti, dobbiamo tenere presente che ci sono casi di gastrite cronica, il che limita molto la qualità della vita di chi ne soffre.

In genere è dovuta all’irritazione della mucosa gastrica a causa di cattive abitudini alimentari o alla presenza di batteri. Quest’ultima è la causa più comune.

A volte, anche l’assunzione di certi farmaci può scatenare questo disturbo, per questo è importante consultare sempre il medico, in modo da sapere quali sono le conseguenze sull’organismo di determinati trattamenti.

Dato che la possibilità di soffrire di questo disturbo è piuttosto frequente prima, vi invitiamo a provare le nostre 5 bevande naturali, ottime per trattamento della gastrite.

Inoltre questi succhi e frullati vi aiuteranno ad alleviare il dolore e, soprattutto, apporteranno i nutrienti di cui il vostro corpo ha bisogno in quei giorni in cui non avete voglia di mangiare.

5 bevande naturali per il trattamento della gastrite

frullato papaya

1. Frullato di papaya

Il succo di una papaya non troppo matura contiene principi attivi naturali in grado di alleviare i sintomi della gastrite. Inoltre, è indicato per ridurre sia l’infiammazione dello stomaco sia il dolore provocato da possibili ulcere.

Prendete nota di come si prepara questo frullato curativo.

Leggete anche: Trattamenti naturali per le ulcere nello stomaco

Ingredienti

  • Mezza papaya di medie dimensioni, non troppo matura
  • 1 cucchiaio di semi di lino (10 gr)
  • 1 cucchiaio di miele (25 gr)
  • un bicchiere di acqua (200 ml)

Preparazione

  • Iniziate sbucciando la papaya, quindi tagliatela a pezzetti per facilitare la preparazione. È molto semplice.
  • Mettete la papaya nel frullatore, insieme all’acqua e al miele.
  • Frullate il tutto fino ad ottenere una bevanda omogenea. Per quanto riguarda i semi di lino, conviene prima lasciarli in ammollo per qualche ora. Poi, l’acqua in cui avranno riposato i semi di lino va aggiunta al frullato di papaya.
  • Questa bevanda vi darà sollievo e fornirà all’organismo ottimi nutrienti. È ideale a pranzo o a cena.

2. Succo di pera e banana

Frullato banana pera

È possibile che la banana come ingrediente vi sorprenda. Dobbiamo puntualizzare alcune cose. Si possono usare banane non troppo mature, daranno molta energia.

Inoltre, l banane contengono enzimi in grado di trattare l’infiammazione della mucosa gastrica. Peraltro, uno studio condotto nel Regno Unito, ha dimostrato che la banana verde contiene una sostanza chiamata leucocianidina, in grado di trattare le ulcere e di ridurre le infiammazioni.

Ora, se in generale non amate le banane come frutto, evitate di provare questa bevanda. Limitatevi al succo di pera. Ognuno di noi è unico e non a tutti piacciono e fanno bene le stesse cose.

Ingredienti

  • Una banana non troppo matura
  • Una pera
  • 1 bicchiere di acqua (200 ml)

Preparazione

Sbucciate la pera e la banana e tagliatele a pezzetti, quindi frullate tutti gli ingredienti insieme. Se aggiungete anche un bicchiere d’acqua, il frullato risulterà meno denso e ve lo godrete di più.

3. Acqua e miele la mattina

Non avete ancora provato questo eccellente rimedio per il trattamento della gastrite? Non solo vi aiuterà a curarla, ma farà bene alla salute del corpo in generale:

  • Rafforza il sistema immunitario
  • Riduce le infiammazioni
  • L’acqua e il miele aiutano a ripulire l’organismo da tossine e batteri
  • Aumenta l’energia
  • Pulisce il tratto gastrointestinale
  • Migliora la funzione dell’intestino e distrugge i microrganismi nocivi.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di miele (25 g)
  • 1 bicchiere di acqua (200 ml)

Preparazione

L’acqua deve essere tiepida, non troppo calda, ma mai fredda. È a questa temperatura che il miele vi si scioglie meglio e sarà anche più efficace se bevuta a stomaco vuoto. Vale la pena provare questo rimedio.

4. Acqua di cocco curativa

Noce di cocco

Un altro tra i trattamento della gastrite è l’acqua di cocco. Questa ha proprietà antibatteriche che aiutano ad eliminare le sostanze nocive dell’apparato digerente. Inoltre, consente di idratare l’organismo, un aspetto molto importante importante in caso di gastrite.

L’acqua di cocco è una bevanda eccellente che serve come alternativa alle bevande isotoniche che molte persone bevono quando soffrono di gastrite.

L’acqua di cocco consentirà di ridurre l’acidità di stomaco e aumenterà la sensazione di benessere perché combatte anche i fastidiosi crampi addominali.

Può interessarvi anche: Ecco cosa succede al corpo quando beviamo acqua di cocco

5. Frullato di aloe vera e carota

La aloina presente nell’aloe vera consente di ridurre le infiammazioni del tratto gastrointestinale provocate dalla gastrite. Inoltre, si tratta di un rimedio semplice, ideale da consumare tutte le mattine.

  • La combinazione di aloe e carota consente di ottenere una bevanda ricca di nutrienti e di amminoacidi, quindi l’ideale per iniziare la giornata nel migliore dei modi.
  • Questo frullato rafforza il sistema immunitario se consumata regolarmente.
  • È un ottimo antinfiammatorio ed idratante cellulare.
  • Possiede anche proprietà analgesiche.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di gel di aloe vera (la polpa interna alle foglie della pianta) (15 g)
  • una carota
  • 1 bicchiere di acqua (200 ml)

Preparazione

  • Questo frullato si prepara in pochi minuti. Innanzitutto, bisogna ricavare il gel dalle foglie di aloe vera, ne basta un cucchiaio. Mettete il gel di aloe vera nel frullatore insieme alla carota sbucciata e tagliata a pezzetti e al bicchiere d’acqua.
  • Frullate fino ad ottenere una bevanda omogenea e bevetela prima del pasto principale. Vi farà molto bene.
  • Soriano Izquierdo, A., Sans Cuffí, M., Elizalde Frez, J. I., & Bessa Caserras, X. (2000). Gastritis y gastropatías. Medicine - Programa de Formación Médica Continuada Acreditado. http://doi.org/10.1016/S0304-5412(00)70013-8
  • Varbanova, M., Frauenschläger, K., & Malfertheiner, P. (2014). Chronic gastritis - An update. Best Practice and Research: Clinical Gastroenterology. http://doi.org/10.1016/j.bpg.2014.10.005
  • Fox, J. G., Otto, G., Taylor, N. S., Rosenblad, W., & Murphy, J. C. (1991). Helicobacter mustelae-induced gastritis and elevated gastric pH in the ferret (Mustela putorius furo). Infection and Immunity.