Bevande vegetali: proprietà e benefici

5 Agosto 2020
Esiste un'ampia gamma di bevande vegetali per chi soffre di intolleranza al lattosio o segue una dieta vegana. Perché se ne consiglia il consumo? Quali sono i benefici? Ne parliamo in questo spazio.

Le bevande vegetali sono prodotti che hanno acquisito popolarità negli ultimi anni. Si presentano come sostituti del latte, in quanto buona alternativa per chi soffre di intolleranza al lattosio o segue una dieta vegana. Eppure, bisogna imparare a interpretarne l’etichetta in modo da scegliere una variante dalle valide qualità nutrizionali.

Quali sono i possibili benefici? In quali situazioni se ne consiglia il consumo? Sono numerose le domande riguardo alle bevande vegetali. Per fare chiarezza, presentiamo le loro proprietà e come consumarle.

Bevande vegetali in sostituzione del latte

Il latte è un alimento che contiene un’alta concentrazione di nutrienti. Eppure, non è adatto per chi ha sviluppato un’intolleranza al lattosio. È possibile acquistare varianti prive di questo zucchero responsabile di malessere, ma le loro qualità organolettiche non sono le stesse. Questo aspetto può influenzarne il consumo.

Le bevande vegetali rappresentano una valida alternativa proprio per il loro apporto di nutrienti. Contengono grassi e proteine in quantità ridotte; purché non prevedano l’aggiunta di zuccheri, sono una valida alternativa nelle diete ipocaloriche.

In alcuni casi vengono arricchite con nutrienti essenziali, quali le vitamine del gruppo B. Queste ultime sono importanti nel quadro del metabolismo energetico, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Sub-celular Biochemistry. Includerle nella dieta, nelle dosi raccomandate, riduce il rischio di danni cellulari e al DNA.

Potrebbe interessarvi anche: Benefici del latte vegetale e come prepararlo

Latte di avena
Le bevande vegetali possono rappresentare un’alternativa al latte vaccino per le persone intolleranti al lattosio.

Sono più facili da digerire

Le bevande vegetali sono facilmente digeribili. Essendo un prodotto a bassissimo contenuto di grassi e di proteine, viene digerito più in fretta dall’organismo e in genere non provocano fastidi.

Per chi soffre di disturbi gastrointestinali, dunque, potrebbe essere una buona idea aggiungerne un po’ al caffè o ai frullati. Le bevande vegetali si sposano bene con la frutta, ideali per preparare frullati e smoothie.

Se si soffre di indigestione o transito intestinale lento, è tuttavia consigliabile rivolgersi allo specialista. A volte questi disturbi sono dovuti a disbiosi intestinale, su cui si può intervenire con integratori di probiotici, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Biomedical Science.

Contengono proteine

Le bevande vegetali offrono questi nutrienti essenziali, sebbene presenti in percentuale inferiore rispetto al latte. Si tratta quindi di una valida fonte proteica per chi segue una dieta vegana.

È bene chiarire, tuttavia, che non si tratta di proteine ad alto valore biologico, in quanto carenti di amminoacidi essenziali e a lento assorbimento.

Alla luce di ciò, le bevande vegetali non devono rappresentare l’unica fonte di proteine, bensì devono essere abbinate ad altri prodotti vegetali che contengono questi macronutrienti. Per assicurare un apporto ottimale, l’ideale è seguire le indicazioni del nutrizionista.

Non perdetevi: Latte di mandorla: i suoi benefici

Attenzione alle bevande vegetali con zuccheri aggiunti

Prima di acquistare una bevanda vegetale, è importante leggere bene l’etichetta. Alcune formule presenti in commercio contengono zuccheri aggiunti. Questo ingrediente ne esalta il sapore, ma ne riduce notevolmente la qualità nutrizionale.

Come spiegato in uno studio pubblicato sulla rivista Advances in Nutrition, l’eccessivo consumo di zuccheri semplici aumenta il rischio di sviluppare malattie metaboliche. Per questo, aggiungere glucidi alle bevande vegetali può nuocere alla salute e aumentare l’incidenza del diabete.

Ecco che diventa fondamentale leggere attentamente le etichette di questi prodotti e scegliere le varietà prive di zuccheri aggiunti. Oltre a ciò, si consiglia di consumare le bevande che contengono maggiori percentuali di componenti vegetali, come il riso o l’avena.

Bevande vegetali proprietà
Il latte di avena e quello di riso si distinguono per il loro sapore piacevole. Sono privi di zuccheri aggiunti e possono sostituire il latte in diverse ricette.

Possono essere incluse nella nostra alimentazione quotidiana

Si sconsiglia di sostituire il latte con le bevande vegetali in assenza di una specifica patologia, come un’intolleranza al lattosio o un’allergia alle proteine del latte vaccino. Nonostante ciò, includerle nella dieta di tutti i giorni non è controproducente.

Quando l’obiettivo è aggiungere una base liquida aromatizzata alla preparazione di un frullato o di uno smoothie, le bevande vegetali rappresentano un’alternativa più digeribile rispetto al latte. Ricordate comunque di scegliere le varianti senza zuccheri aggiunti per non acquistare un prodotto dallo scarso valore nutrizionale.

Infine, ricordate che alcune bevande vegetali vengono arricchite con vitamine o minerali, il che può prevenire un’eventuale carenza.

  • Mikkelsen K., Apostolopoulos V., B Vitaminas and ageing. Subcell Biochem, 2018. 90: 451-470.
  • Johnson RJ., Sánchez Lozada LG., Andrews P., Lanaspa MA., Perspective: a historical and scientific perspective of sugar and its relation with obesity and diabetes. Adv Nutr, 2017. 8 (3): 412-422.
  • Tsai YL., Lin TL., Chang CJ., Wu TR., Lai WF., et al., Probiotics, prebiotics and amelioration of diseases. J Biomed Sci, 2019.
  • Vanga SK, Raghavan V. How well do plant based alternatives fare nutritionally compared to cow’s milk?. J Food Sci Technol. 2018;55(1):10-20. doi:10.1007/s13197-017-2915-y
  • Rizzo G, Baroni L. Soy, Soy Foods and Their Role in Vegetarian Diets. Nutrients. 2018;10(1):43. Published 2018 Jan 5. doi:10.3390/nu10010043
  • Aboulfazli, F., Shori, A. B., & Baba, A. S. (2016). Effects of the replacement of cow milk with vegetable milk on probiotics and nutritional profile of fermented ice cream. LWT, 70, 261–270. https://doi.org/10.1016/j.lwt.2016.02.056