Blocco di branca: sintomi, cause e trattamenti

A seconda del livello di coinvolgimento del ritmo cardiaco, il blocco di branca ha diverse classificazioni. Le terapie disponibili consentono di controllare la malattia nella stragrande maggioranza dei casi.
Blocco di branca: sintomi, cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 25 luglio, 2021

Il cuore ha un tessuto specializzato in grado di trasmettere impulsi elettrici. Questo è diviso in due rami (uno destro e uno sinistro) per coprire entrambi i lati dell’organo. Il blocco di branca è una malattia in cui alcune di queste strutture non lavorano correttamente.

Ciò si traduce nell’incapacità del cuore di contrarsi con un ritmo normale, che aumenta le probabilità di complicazioni cardiovascolari. Continuate a leggere per saperne di più.

Quali sono le cause del blocco di branca?

Le condizioni che più spesso causano il blocco di branca includono quanto segue:

  • Infarto del miocardio.
  • Ipertensione arteriosa
  • Miocardite.
  • Cardiomiopatie.

Nella maggior parte dei casi, risulta scarso l’afflusso di sangue al tessuto responsabile della trasmissione degli impulsi elettrici nel cuore, come negli attacchi di cuore. Qui, la rottura di una placca di ateroma può ostruire il flusso sanguigno delle arterie coronarie, che trasportano ossigeno e sostanze nutritive al miocardio.

Quest’ultimo provoca un progressivo deterioramento dei tessuti che, in molti casi, è irreversibile. Per questo motivo, il blocco di branca è una complicanza comune di alcuni eventi cardiovascolari.

La miocardite, d’altra parte, è un’infiammazione del miocardio che si verifica a seguito di un’infezione. Uno dei microrganismi coinvolti è il Trypanosoma cruzi, l’agente eziologico della malattia di Chagas.

Anziano con dolore al petto.
Gli eventi cardiovascolari che colpiscono il miocardio possono complicare il blocco di branca.

Sintomi del blocco di branca

Esistono diversi tipi di blocco di branca a seconda delle caratteristiche del ritmo cardiaco. Per fortuna, la maggior parte dei pazienti presenta un blocco lieve e non sviluppa sintomi. In questi casi, è comune che la diagnosi avvenga a seguito di controllo medico di routine.

In caso contrario, è comune accusare palpitazioni e svenimenti (sincope). Di solito la persona soffre di malattie cardiovascolari o metaboliche associate, come l’ipertensione o il diabete mellito.

A seconda del grado di coinvolgimento dei diversi organi (come i reni) potrebbero esserci più sintomi. Nei casi più gravi, il cuore non è in grado di svolgere correttamente la sua funzione, il che genererà instabilità emodinamica. Ciò include la progressiva diminuzione della pressione sanguigna, che se non corretta può causare shock.

Come si può diagnosticare?

Il medico potrebbe arrivare alla diagnosi con la combinazione di elementi clinici e test complementari. Un esame obiettivo approfondito può rilevare il disturbo del ritmo cardiaco, a condizione che sia significativo.

In ogni caso, la conferma viene effettuata tramite elettrocardiogramma. Questo è caratterizzato dall’esecuzione di una misurazione dell’attività elettrica del cuore, che include la frequenza con cui appare il battito cardiaco. Quest’ultima caratteristica è alterata nei pazienti con blocco di branca.

È anche possibile eseguire un ecocardiogramma, che è una tecnica di imaging più costosa e può essere eseguita solo da uno specialista. Il vantaggio del suo utilizzo è che permette di determinare alterazioni strutturali che spiegano l’origine della malattia.

Trattamenti per blocco di branca

Esistono diverse modalità terapeutiche, a seconda della gravità clinica e del rischio di sviluppare aritmie fatali. Successivamente commenteremo i più importanti in generale.

Medicinali

La maggior parte dei casi è asintomatica. Per questo motivo, il professionista di solito non prescrive un farmaco specifico per il blocco di branca. Tuttavia, è necessario indicare farmaci in base alla causa della malattia.

Ad esempio, nel caso di un paziente iperteso, è comune la prescrizione di farmaci antipertensivi e diuretici. Sono un grande gruppo di farmaci e le differenze risiedono nel meccanismo d’azione.

Tra gli antipertensivi più utilizzati troviamo losartan, amlodipina ed enalapril. All’interno del gruppo dei diuretici spiccano l’idroclorotiazide e la furosemide.

Pacemaker

Peacemaker.
I pacemaker sono dispositivi che prendono il controllo del battito cardiaco per dare regolarità al cuore.

È un dispositivo in grado di regolare l’attività elettrica del cuore a un ritmo normale. Sebbene in origine fosse un trattamento costoso e problematico con diversi effetti collaterali, oggi è considerato sicuro e di facile manutenzione.

Secondo una pubblicazione della Spanish Heart Foundation, esistono due tipi di pacemaker: temporanei e permanenti. Questi ultimi richiedono un impianto sottocutaneo, per il quale il medico deve inserire anche un filo attraverso una delle vene che drenano sul lato destro del cuore.

Terapia di risincronizzazione cardiaca

Questo trattamento è riservato ai casi più gravi in ​​cui c’è poca coordinazione tra l’attività del lato sinistro e del lato destro del cuore. Secondo una pubblicazione della Mayo Clinic, il dispositivo utilizzato è anche noto come pacemaker biventricolare.

Il vantaggio è così grande che alcuni modelli includono un defibrillatore cardioverter impiantabile. Ciò significa che, in casi di emergenza, in cui il ritmo cardiaco è notevolmente alterato, il dispositivo è in grado di emettere un impulso capace di defibrillare.

Le complicazioni possono sempre essere prevenute

A causa della possibilità di sviluppare eventi cardiovascolari fatali, si raccomanda che i pazienti con fattori di rischio si sottopongano a visite mediche di routine. Il medico di famiglia potrebbe ritenere opportuna una visita cardiologica.

Potrebbe interessarti ...
Micra: il pacemaker più piccolo al mondo
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Micra: il pacemaker più piccolo al mondo

Stiamo parlando di Micra, il pacemaker più piccolo al mondo che può essere impiantato senza alcuna necessità di intervento chirurgico.



  • Burri H, Lerch R. Echocardiography and patient selection for cardiac resynchronization therapy: a critical appraisal. Heart Rhythm 2006; 3: 474-9.
  • Garillo R, et al. Terapia de resincronización cardíaca. Cruzando la frontera de las indefiniciones. Rev Urug Cardiol 2011;26:71-76.
  • Geiter H. Los bloqueos de rama cardíacos. Nursing 2004;22(1):21-24.
  • Lozano J. Arritmias cardíacas y su tratamiento. OFFARM 2001;20(11):11-153.
  • Ostabal M, et al. Los marcapasos cardíacos. Med Integral 2003;41(3):151-61.
  • Vogler J. Bradiarritmias y bloqueos de la conducción. Rev Esp Cardiol 2012;65(7):656-667.