Cancro ai testicoli: cause e trattamento

Il modo migliore per prevenire il cancro ai testicoli è eseguire un auto-esame mensile e sottoporsi a controlli regolari con il tuo urologo. Quando questa malattia viene rilevata precocemente, la probabilità di guarigione è alta, nella maggior parte dei casi.
Cancro ai testicoli: cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 17 novembre, 2022

Il cancro ai testicoli è raro e, nella maggior parte dei casi, può essere individuato nelle sue fasi iniziali, quando non si è diffuso. I primi sintomi solitamente sono gonfiore o rigonfiamento nel testicolo. Tuttavia, a volte non è presente alcun sintomo.

Il modo migliore per diagnosticare precocemente il cancro ai testicoli è fare un auto-esame mensile. Questa è una procedura semplice che è molto più importante quando c’è una storia familiare di questa malattia o c’è un fattore di rischio.

Quando si nota gonfiore o un nodulo nel testicolo, è bene consultare il medico il prima possibile. Il cancro ai testicoli ha una buona prognosi se rilevato precocemente.

Cancro ai testicoli

Masse o noduli nello scroto: cause, sintomi e trattamenti.
L’auto-esame è il modo migliore per rilevare qualsiasi problema nei testicoli.

Il cancro ai testicoli si verifica quando alcune cellule nei testicoli iniziano a crescere senza controllo. L’incidenza di questa malattia è aumentata in diversi paesi del mondo negli ultimi decenni, ma la causa è sconosciuta. Negli ultimi anni si è registrato un leggero calo dei casi.

Si stima che questo tipo di cancro si manifesti in un uomo su 250. La malattia colpisce più spesso gli adulti giovani e di mezza età. Circa il 6% dei casi si verifica nei bambini e poco più dell’8% negli uomini di età superiore ai 55 anni.

Molto spesso, il cancro ai testicoli viene trattato con successo. Le cifre indicano che la probabilità che un uomo muoia per questa malattia è 1 su 5000. I sintomi abituali di questa patologia sono i seguenti:

  • Uno o più grumi o gonfiore in uno o entrambi i testicoli.
  • Dolore o intorpidimento nel testicolo o nello scroto.
  • Sensazione di pesantezza nello scroto.
  • Maggiore fermezza in un testicolo che in un altro.
  • Dolore sordo all’inguine o al basso ventre.
  • Accumulo improvviso di liquido nello scroto.
  • Ingrossamento o tenerezza del seno.
  • Gonfiore in una o entrambe le gambe da un coagulo di sangue.
  • Mal di schiena, nella regione lombare inferiore.
  • Dolore al petto, mancanza di respiro o catarro sanguinante.

Tipi di cancro ai testicoli

Nei testicoli ci sono molti tipi di cellule e ogni categoria può portare a uno o più tipi di cancro ai testicoli. A seconda della modalità, il trattamento e la prognosi della malattia varieranno. Le classi principali sono le seguenti.

Tumori a cellule germinali

Si stima che oltre il 90% dei tumori ai testicoli abbia origine nelle cellule germinali. Questi producono spermatozoi e danno origine a due tipi di tumori: seminomi e non seminomi. Vediamo.

  • Seminomi. Si diffondono lentamente e aumentano una proteina chiamata gonadotropina corionica umana (HCG). Questi livelli vengono rilevati in un esame del sangue, quindi può essere utilizzato per la diagnosi.
  • Non seminomi. Di solito si presentano negli uomini alla fine dell’adolescenza o intorno ai 30 anni. Includono carcinoma embrionale, carcinoma del sacco vitellino, coriocarcinoma e teratoma.

È comune che il cancro ai testicoli associato alle cellule germinali inizi con il carcinoma in situ. Questo può evolvere in un cancro invasivo e non è facile rilevarlo prima che ciò accada.

Tumori stromali

In questo caso, il cancro ai testicoli ha origine nello stroma, un tessuto di supporto che produce anche ormoni dai testicoli. Corrisponde al 20% dei tumori ai testicoli nei bambini ea circa il 5% dei casi negli adulti. Possono essere di due tipi:

  • Tumori a cellule di Leydig. Queste cellule producono ormoni sessuali maschili. La maggior parte dei tumori originati da queste cellule sono benigni. In alcuni casi si trasformano in cancro e, in tal caso, hanno una prognosi infausta.
  • Tumori a cellule del Sertoli. Queste cellule nutrono le cellule germinali, che producono lo sperma. Come nel caso precedente, la maggior parte dei tumori è benigna e, in caso contrario, non ha una buona prognosi.

Tumori secondari

Il cancro del testicolo secondario è quello che ha avuto origine in un altro organo, ma ha raggiunto i testicoli nella sua diffusione. Il più comune è che si tratta di linfomi, che sono più frequenti negli uomini di età superiore ai 50 anni. Nei bambini, l’origine più comune è la leucemia.

Cause e fattori di rischio

La scienza non conosce le cause esatte da cui si verifica il cancro ai testicoli. La maggior parte dei casi di questa malattia è associata a cambiamenti nel cromosoma 12. Tuttavia, ci sono anche casi relativi a cambiamenti in altri cromosomi o al loro numero.

Ci sono alcuni fattori che possono aumentare la possibilità di sviluppare il cancro ai testicoli. La loro presenza non significa che la malattia si svilupperà, ma piuttosto che ne favorisce la comparsa. Sono i seguenti:

  • Essere bianco.
  • Avere un’età compresa tra i 15 ei 35 anni.
  • Storia familiare di cancro ai testicoli.
  • Avere una statura alta.
  • Testicolo ritenuto.
  • Infezione da HIV.
  • Aver avuto un cancro ai testicoli in passato.
  • Carcinoma in situ.

Trattamento

Il medico che dirige il trattamento del cancro ai testicoli è l’urologo. A volte, lavora in collaborazione con l’oncologo medico, un esperto in chemioterapia e l’oncologo radioterapista. Le opzioni di trattamento sono scelte in base alle condizioni di ciascun paziente. Le alternative principali sono le seguenti.

Chirurgia

Quasi tutto il cancro ai testicoli viene prima trattato chirurgicamente, anche se si è già diffuso. Ci sono due tipi di interventi chirurgici in questi casi:

  • Orchiectomia inguinale radicale. Il tumore viene rimosso, insieme al testicolo e al cordone spermatico.
  • Dissezione dei linfonodi retroperitoneali (RPLND). Viene eseguito insieme all’orchiectomia inguinale radicale o in un altro intervento chirurgico successivo. Consiste nella rimozione di alcuni linfonodi dalla parte posteriore dell’addome. Si fa solo se c’è bisogno.

La chirurgia per il cancro ai testicoli causa raramente complicazioni. La perdita di un singolo testicolo non pregiudica l’erezione o la fertilità. Se entrambi i testicoli vengono persi, è presente la sterilità e il desiderio sessuale può diminuire.

Radioterapia

La radioterapia viene utilizzata soprattutto nei casi di cancro ai testicoli del tipo seminoma. Di solito viene eseguito dopo l’intervento chirurgico. Questo trattamento può influenzare temporaneamente la fertilità. Inoltre, è comune che generi arrossamento della pelle e irritazione nell’area inguinale e addominale. C’è spesso nausea e stanchezza.

Chemioterapia

Chemioterapia per astrocitomi.
La chemioterapia può essere indicata come parte del trattamento per il cancro ai testicoli.

Nella chemioterapia, i farmaci vengono utilizzati per uccidere le cellule tumorali. Può essere utilizzato come unico trattamento per il cancro ai testicoli o prima o dopo l’intervento chirurgico per rimuovere i linfonodi. Gli effetti collaterali comuni includono perdita di capelli, nausea, affaticamento e aumento del rischio di infezioni.

Trapianto di cellule staminali per chemioterapia ad alte dosi

A volte è necessaria una chemioterapia ad alte dosi per trattare il cancro ai testicoli. Tuttavia, questo può influenzare il midollo spinale. Pertanto, esiste una variante in cui i pazienti ricevono il trapianto di cellule staminali dopo la terapia farmacologica. Questa è una procedura complessa, costosa e rischiosa.

L’auto-esame regolare può salvarti la vita

Il cancro ai testicoli è una delle forme più curabili di questa malattia. Il tasso di guarigione è superiore al 90%. Pertanto, la maggior parte degli uomini riesce a riprendersi da questa patologia e vive normalmente, purché venga curata in tempo.

Se il cancro ai testicoli non viene trovato e trattato precocemente, può diffondersi. In primo luogo, invade l’altro testicolo. Successivamente, può metastatizzare ed essere trasportato in altre parti del corpo, attraverso i linfonodi. La migliore prevenzione è l’auto-esame e controlli regolari con il medico.

Potrebbe interessarti ...
Giornata Mondiale contro il Cancro: progressi recenti
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Giornata Mondiale contro il Cancro: progressi recenti

La Giornata Mondiale contro il Cancro è promossa da diverse organizzazioni sanitarie internazionali per sensibilizzare la popolazione.



  • Kemmer, K., Corless, C. L., Fletcher, J. A., McGreevey, L., Haley, A., Griffith, D., … & Heinrich, M. C. (2004). KIT mutations are common in testicular seminomas. The American journal of pathology, 164(1), 305-313.
  • Ponce de León Roca, J., Algaba Arrea, F., Bassas Arnau, L., & Villavicencio Mavrich, H. (2000). Tumor de células de Leydig del testículo. Arch. esp. urol. (Ed. impr.), 453-458.
  • Cheng, L., Albers, P., Berney, D. M., Feldman, D. R., Daugaard, G., Gilligan, T., & Looijenga, L. H. (2018). Testicular cancer. Nature Reviews Disease Primers, 4(1), 1-24.