Cancro ai testicoli: la malattia di Sebastien Haller del Borussia Dortmund

Il giocatore del Borussia Dortmund non potrà giocare per circa 9 mesi: Sebastien Haller ha un cancro ai testicoli. Ti diciamo tutto su questa malattia.
Cancro ai testicoli: la malattia di Sebastien Haller del Borussia Dortmund
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre, 2022

La notizia della diagnosi di cancro ai testicoli di Sebastien Haller ha colto di sorpresa il suo nuovo club e l’intero mondo del calcio. L’attaccante 28enne era il recente acquisto del Borussia Dortmund, con l’intenzione di sostituire Erling Haaland.

Ma per ora il francese della Costa d’Avorio sarà fuori gara per almeno 9 mesi. È la durata stimata della chemioterapia e il successivo recupero.

Il cancro ai testicoli di Sebastien Haller solleva un argomento tabù per gli uomini, calciatori o meno. Ecco perché approfittiamo della situazione per dirti di cosa tratta questa malattia e come può essere rilevata precocemente.

Cos’è il cancro ai testicoli?

Questa malattia maligna può svilupparsi in chiunque abbia i testicoli. In termini generali, questi organi maschili hanno due tipi di cellule all’interno: una che produce sperma e altre che producono ormoni.

Secondo quest’ultimo, possiamo effettivamente trovare 3 diversi tipi di cancro ai testicoli:

La particolarità di questa patologia è che ha una chiara tendenza a colpire i giovani pazienti. La maggior parte dei casi viene rilevata negli uomini che non hanno più di 35 anni. Tuttavia non è esclusa la sua possibilità oltre i 40, anche se è vero che la sua frequenza è notevolmente ridotta.

Visita medica per un cancro ai testicoli.
I giovani sono i più colpiti dal cancro ai testicoli. Fino all’età di 35 anni il rischio è maggiore.

Quali sono i sintomi?

Non ci sono sempre sintomi evidenti di questo cancro. Ci sono persone che vengono diagnosticate casualmente, quando vengono controllate per altri motivi.

In ogni caso, alcuni segnali sono sospetti e, se presenti, richiedono un’immediata consultazione, come ad esempio:

  • Presenza di un nodulo in uno dei testicoli.
  • Dolore nell’area testicolare, sia a riposo che mentre si cammina o si corre. Questo è stato il disagio che ha avvertito del cancro ai testicoli in Sebastien Haller.
  • Gonfiore nello scroto, con allargamento di un lato nella sacca che contiene i testicoli.

Quando il tumore è stromale, è probabile che ci siano prima i sintomi ormonali. Cioè, più che segni localizzati nei testicoli, il paziente può notare che ci sono cambiamenti in altre parti del corpo, che non sono coerenti con la sua età. Ad esempio, potrebbe esserci una crescita del seno (ginecomastia) o cambiamenti di voce (senza essere nella pubertà).

La progressione di questo cancro è possibile. Può espandersi e migrare con metastasi ; alcuni più vicini (ai linfonodi inguinali ) e altri più lontani. I sintomi diventano diffusi in questi casi e possono esserci dolore addominale inferiore, lombalgia, mancanza di respiro e persino mal di testa.

Si può prevenire il cancro ai testicoli?

Come per molte malattie oncologiche, non conosciamo la causa del cancro ai testicoli e supponiamo che sia multifattore. Ciò significa che diverse circostanze si uniscono per farlo apparire.

Sono stati identificati alcuni fattori di rischio. Non tutti sono modificabili, anche se quelli che hanno una soluzione possono essere indirizzati per ridurre il rischio futuro.

Tra questi fattori modificabili abbiamo i seguenti:

  • Criptorchidismo: questi sono testicoli che non sono scesi dall’addome nella fase fetale. Pertanto, la loro posizione superiore li predispone al cancro, poiché si trovano a una temperatura diversa. L’esecuzione di un intervento chirurgico per abbassarli è considerata un’azione protettiva.
  • HIV: i pazienti con infezione da virus dell’immunodeficienza umana sono più suscettibili al cancro. Il trattamento con antiretrovirali ridurrebbe il rischio.

I fattori non modificabili, invece, sono i seguenti:

  • Essere di etnia bianca.
  • Avendo avuto un cancro ai testicoli in passato.
  • Avere una storia familiare di cancro in parenti stretti.

Possiamo dire che è molto difficile prevenire il cancro ai testicoli. Non ci sono azioni specifiche che servano ad allontanare dal rischio l’intera comunità maschile.

Come fare un auto esame testicolare

Quello che è possibile è praticare un auto esame testicolare per velocizzare la diagnosi, nel caso in cui abbiamo questa malattia. È ideale rilevarlo in modo incipiente per applicare il trattamento corrispondente.

La buona notizia è che 5 anni dopo la diagnosi, il 95% dei pazienti sopravvive.

Gli auto-esami non sono difficili e l’ American Cancer Society raccomanda che gli uomini ne facciano uno un mese dopo aver fatto la doccia. Questo momento favorisce il rilassamento dello scroto e rende i testicoli più accessibili alla palpazione.

I passaggi sono i seguenti:

  1. Separa il pene dai testicoli in modo che non interferisca con l’accesso allo scroto. Dovrai esaminare un testicolo alla volta.
  2. Tieni uno dei testicoli tra l’alluce e il resto delle dita.
  3. Fai scorrere il testicolo tra le dita, come se lo stessi facendo rotolare tra di loro.
  4. Cercare la presenza di grumi o noduli, cambiamenti di forma o cambiamenti nella loro consistenza, rispetto ai precedenti autoesami.
  5. Ripeti il processo con l’altro testicolo.
Uomo sotto la doccia per l'auto esame per il cancro ai testicoli.
L’auto esame sotto la doccia è più efficace perché lo scroto è più rilassato e disteso.

Il cancro ai testicoli di Sebastien Haller non è l’unico nel calcio

Il tabù su questa patologia maschile è un problema per la diagnosi precoce. Molti uomini resistono all’esame dei loro genitali e si rifiutano di vedere un medico per modestia.

Sebastien Haller è stato in grado di rilevare il suo cancro ai testicoli perché è andato a un consulto precoce quando si è sentito a disagio. La stessa cosa è successa con Marco Richter, dell’Hertha Berlin club, che ha notato dolore nella zona dei testicoli e, dopo il consulto, ha ottenuto la stessa diagnosi.

Richter ha già subito un intervento chirurgico e ora sta facendo la chemioterapia all’età di 24 anni. Non sa quando giocherà di nuovo, anche se è concentrato sul recupero, che è più rilevante del suo ritorno in campo.

Ho deciso che dovevo sottopormi a dei test perché avevo dolore in quella zona.

Rimanendo in Bundesliga, circa 3 mesi fa, anche a Timo Baumgartl dell’Union Berlin è stato diagnosticato un cancro ai testicoli. Con esso si completano le curiose statistiche di 3 casi della stessa patologia in così poco tempo, tra club della stessa nazione.

Cosa aspettarsi?

Sebastien Haller è già stato operato per il cancro ai testicoli. Ora devi iniziare la chemioterapia, come stabilito dal protocollo e dalla guida all’azione del National Comprehensive Cancer Network .

Si stima che fino alla fine dell’anno non potrà riprendere le competizioni ufficiali. Anche se ci si aspetta una buona guarigione, la verità è che prima deve guarire la sua cicatrice e poi superare gli effetti collaterali della chemioterapia.

A quel punto, riprenderai l’allenamento fino a quando non tornerai in perfetta forma fisica. Il processo richiederà un dispendio energetico delle risorse corporee per affrontare il trattamento. Ad ogni modo, nel 2023 sarà sicuramente reintegrato.

Potrebbe interessarti ...
Cosa significano i nastri colorati per il cancro?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Cosa significano i nastri colorati per il cancro?

I nastri colorati per il cancro rappresentano i diversi tipi di malattia. Molte organizzazioni promuovono giornate di sensibilizzazione.



  • Manecksha, Rustom P., and John M. Fitzpatrick. “Epidemiology of testicular cancer.” BJU international 104.9b (2009): 1329-1333.
  • Hale, Graham R., et al. “Lymph node imaging in testicular cancer.” Translational Andrology and Urology 7.5 (2018): 864.
  • Huang, Junjie, et al. “Worldwide Distribution, Risk Factors, and Temporal Trends of Testicular Cancer Incidence and Mortality: A Global Analysis.” European Urology Oncology (2022).
  • Wang, Xingyuan, et al. “Evaluating the Effect of Cryptorchidism on Clinical Stage of Testicular Seminoma.” Cancer Management and Research 12 (2020): 4883.
  • Gilligan, T., Lin, D. W., Aggarwal, R., Chism, D., Cost, N., Derweesh, I. H., … & Pluchino, L. A. (2019). Testicular cancer, version 2.2020, NCCN clinical practice guidelines in oncology. Journal of the National Comprehensive Cancer Network17(12), 1529-1554.