Noduli nei testicoli: cause e trattamenti

Con il termine "noduli nei testicoli", i pazienti si consultano per la presenza di un nodulo testicolare. Alcune delle sue cause principali sono spiegate in questo articolo.
Noduli nei testicoli: cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 16 settembre, 2022

Ci sono condizioni in cui può comparire una massa nella regione testicolare o si può osservare un aumento del volume del sacco scrotale. Stiamo parlando dei noduli nei testicoli. Tuttavia, la nomenclatura medica varia a seconda del tipo di lesione riscontrata.

Le cause di questi noduli sono diverse, quindi è necessaria una valutazione approfondita del paziente. In generale, stabilire una diagnosi precoce e accurata è l’obiettivo principale della visita medica.

A causa della variabilità delle patologie che possono innescare alterazioni nella regione scrotale, è importante conoscere quelle più frequenti. Ne parliamo in questo articolo.

1. Scroto acuto come causa di noduli nei testicoli

La comparsa di dolore testicolare improvviso è noto come scroto acuto. Oltre al dolore, questo quadro clinico è accompagnato da infiammazione, calore e arrossamento dell’area scrotale.

Nonostante le cause siano diverse, la valutazione del paziente deve essere effettuata con la massima diligenza. In caso di torsione testicolare, il trattamento chirurgico deve essere immediato.

L’infiammazione può compromettere l’intero sacco scrotale, interessare solo un lato o persino simulare più palle nei testicoli. L’età del paziente deve essere presa in considerazione, poiché può guidare la diagnosi. Allo stesso modo, le caratteristiche dei sintomi sono essenziali per confermare o escludere l’esplorazione chirurgica urgente.

Torsione testicolare

La torsione testicolare è una condizione in cui il cordone spermatico ruota su se stesso, occludendo l’irrigazione della gonade. A seconda del grado di torsione e del tempo di evoluzione, la vitalità del testicolo è compromessa, costituendo una vera e propria emergenza chirurgica.

Per questo motivo, è la prima diagnosi da escludere nello scroto acuto. In realtà, rappresenta il terzo in frequenza reale.

Compare più spesso durante la pubertà, ma può colpire uomini di qualsiasi fascia di età. Un altro gruppo che presenta un’elevata vulnerabilità è quello costituito dai neonati. In essi, dovrebbe essere sospettato in presenza di un bambino che diventa irritabile e il cui esame fisico mostra un aumento del volume dello scroto.

Invece, ad altre età, i sintomi includono quanto segue:

  • Disagio generale.
  • Nausea e vomito.
  • Arrossamento testicolare.
  • Forte dolore improvviso.
  • Aumento del volume del sacco scrotale.

Il trattamento è chirurgico. La torsione è ridotta e il testicolo è fissato allo scroto per prevenire il ripetersi della condizione.

Allo stesso modo, è conveniente fissare anche il testicolo controlaterale. D’altra parte, a causa dell’alto rischio di necrosi delle gonadi, si consiglia l’esplorazione chirurgica all’ingresso. Per loro, dovrebbero essere omessi studi complementari, come l’ecografia testicolare.

La torsione testicolare viene affrontata chirurgicamente.
La chirurgia è il trattamento per la torsione testicolare e non dovrebbe essere ritardata.

Epididimite acuta

Questa è la causa più comune di scroto acuto negli adulti e la seconda nei bambini. Si verifica un processo infiammatorio dell’epididimo, che di solito è secondario a un’infezione del tratto genitale.

Il microrganismo coinvolto dipende dall’origine dell’infezione. Le infezioni sessualmente trasmesse (IST) sono la principale causa di epididimite acuta negli uomini sessualmente attivi.

I sintomi includono dolore testicolare progressivo e ingrossamento scrotale, che colpisce lo stesso lato della gonade. Inoltre, se l’origine dell’infezione è il tratto urinario, è frequente il disagio durante la minzione.

Per questo motivo è importante richiedere un’analisi delle urine. Il trattamento comprende riposo e analgesia, ma deve essere prescritta una terapia antibiotica.

Torsione delle appendici testicolari: noduli nei testicoli visti dai genitori

La causa più comune di scroto acuto nei bambini è la torsione delle appendici testicolari. In questa entità clinica sono coinvolte le strutture presenti nel polo superiore del testicolo.

Questo porta alla comparsa di dolore, improvviso o graduale, che di solito non è associato a sintomi vegetativi (nausea o vomito). Allo stesso modo, può essere evidente un certo grado di rigonfiamento dello scroto.

Il riferimento dei genitori alla presenza di noduli nei testicoli si basa sulla visualizzazione del cosiddetto “punto blu”. Questo segno è caratteristico della torsione delle appendici testicolari, ma la sua assenza non esclude la diagnosi.

La gestione della condizione viene eseguita con riposo e analgesia antinfiammatoria programmata per 7-10 giorni. È considerata un’entità benigna che migliora progressivamente.

2. Idrocele

L’accumulo di liquido tra gli strati del sacco scrotale è chiamato idrocele. Può essere congenito o acquisito. Nel primo caso il grappolo è secondario ad un difetto nella chiusura dei processi coinvolti nella discesa dei testicoli dalla cavità addominale nella vita intrauterina.

L’idrocele congenito colpisce i neonati, che presentano un aumento del volume dello scroto. La gestione della speranza è indicata durante il primo anno di vita, poiché la risoluzione è generalmente spontanea.

Al contrario, nell’idrocele acquisito, il meccanismo coinvolto è uno squilibrio tra la produzione di fluido e il suo riassorbimento. Le cause associate sono diverse; la maggior parte dei casi è idiopatica.

L’esame obiettivo dovrebbe includere l’uso della transilluminazione per accertare la presenza di liquido limpido. La gestione è chirurgica, anche se nei casi lievi può essere mantenuta la gestione in attesa.

3. Varicocele

La dilatazione del plesso venoso pampiniforme nel cordone spermatico porta alla formazione di un varicocele. In generale, rimane una patologia asintomatica, scoperta per caso.

Può causare disagio, come pesantezza, dolore o addirittura implicare un problema estetico. Colpisce quasi sempre il testicolo sinistro, in cui compare una massa molle dai bordi tortuosi.

Il varicocele è considerata la prima causa reversibile di infertilità maschile. Tuttavia, la sua presenza non è direttamente correlata a problemi di fertilità.

Pertanto, l’attuale approccio terapeutico è chirurgico nei pazienti in cui la massa testicolare è palpabile ed è associata ad anomalie nello spermogramma. La chirurgia nei casi sintomatici non ha ancora consenso.

Il nodulo nei testicoli provoca infertilità.
La chirurgia del varicocele è indicata quando vengono rilevate alterazioni nello spermogramma del paziente.

Leggi anche: Tensione dell’epididimo o dolore testicolare: cos’è e perché si manifesta

4. L’ernia inguinale può generare noduli nei testicoli

Un’ernia inguinale è la sporgenza del contenuto della cavità addominale attraverso il canale inguinale. Si verifica più spesso nei bambini piccoli e negli anziani.

Nei primi la causa è un difetto nella chiusura dei processi coinvolti nella discesa dei testicoli. Negli adulti invece è causato dall’indebolimento della parete addominale.

Quando il contenuto è in grado di raggiungere lo scroto, può generare una massa nella borsa, chiamata ernia inguinoscrotale. Il trattamento delle ernie non riducibili è sempre chirurgico. E purché non ci siano compromessi delle strutture, l’intervento può essere programmato con tempo.

5. Tumori testicolari

Infine, una rara causa di protuberanze è la patologia tumorale. I tumori testicolari hanno incidenze diverse, a seconda dell’età del paziente.

L’esame obiettivo consente di sospettare una massa benigna o maligna. L’indicazione dell’ecografia testicolare è fondamentale per la diagnosi, che sarà confermata dall’esecuzione di una biopsia.

Potrebbe interessarti ...
Ricevere un calcio nei testicoli: perché fa così male?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Ricevere un calcio nei testicoli: perché fa così male?

Non capita spesso di ricevere un calcio nei testicoli, ma quando succede, provoca un dolore invalidante. Di solito, però, non ha conseguenze.



  • Luis, A.; Barrena, S.; Escroto Agudo; Pediatría Integral; 23 (6): 286 – 291; 2019.
  • Jiménez, J.; Castillo, J.; Fimbres, R.; Torsión Testicular; Bol Clin Hosp Infant Edo Son; 38 (2); 169 – 176; 2021.
  • Blum, R.; Cordero, F.; Escroto Agudo y su Manejo; Revista Médica de Costa Rica y Centroamérica; 67 (597): 159 – 162; 2011.
  • Pedrazas, D.; De Pablos, B.; García, D.; Hidrocele; Butlletí; 34; 2016.
  • Villanueva, A.; Fisiopatología y Tratamiento del Hidrocele; Revista Médica de Costa Rica y Centroamérica; 60 (608): 701 – 703; 2013.
  • Cuzin, B.; Tratamiento del Varicolcele; EMC – Urología; 51 (1); 2019.
  • Cebrián, C.; Liras, J.; Moreno, C.; Ayuso, R.; Patología Testicular en la Edad Pediátrica: Criptorquidia, Escroto Agudo y Varicocele; Boletín de la Sociedad de Pediatría de Asturias; 59 (247); 2019.
  • Venturelli, F.; Uherek, F.; Cifuentes, C.; Folch, P.; Felmer, O.; Valentín, P.; Hernia Inguinal: Conceptos Actuales; Cuadernos de Cirugía; 12 (1): 43 – 51; 2007.
  • Ross, J.; Tumores Testiculares; Libro de Urología Pediátrica.