Esame dell'urea e della creatinina nelle urine: cosa significano i risultati?

Livelli alterati di urea e creatinina possono indicare un malfunzionamento dei reni, sebbene siano associati anche all'assunzione di proteine, all'idratazione e all'esercizio fisico. Leggi questo articolo per saperne di più.
Esame dell'urea e della creatinina nelle urine: cosa significano i risultati?

Ultimo aggiornamento: 25 settembre, 2022

L’esame dell’urea e della creatinina nelle urine viene utilizzato per conoscere il funzionamento dei reni, in relazione alla loro capacità di filtrare i prodotti di scarto nel sangue. Questo test è richiesto quando ci sono sintomi associati a malattie renali.

Viene usato anche quando si è in cura per problemi ai reni o se si soffre di una condizione che potrebbe influire sul funzionamento di questi organi, come il diabete e l’ipertensione.

Per quanto riguarda i risultati, i valori della creatinina nelle urine negli adulti considerati normali oscillano tra 15 e 25 mg/kg di peso/24 ore. Quelli dell’urea sono compresi tra 12 e 20 grammi in 24 ore.

Urea e creatinina: cosa sono e qual è la loro funzione?

L’urea è una sostanza di scarto prodotta dal fegato durante il processo in cui le proteine del cibo che mangiamo vengono metabolizzate in amminoacidi. Questo genera ammoniaca, che viene poi trasformata in urea.

Vale la pena notare che l’azoto ureico è il mezzo di trasporto utilizzato dall’organismo per eliminare l’azoto in eccesso. Infatti la misura di laboratorio è chiamata appunto azoto ureico.

L’urea viene rilasciata dal fegato, passando nel sangue. Raggiunge quindi i reni, dove viene filtrato e infine eliminato attraverso le urine.

Da parte sua, la creatinina è un’altra sostanza di scarto, un sottoprodotto della creatina. È prodotto dai muscoli come risultato della loro normale attività. Il sistema escretore filtra anche la creatinina dal sangue per espellerla dal corpo con l’urina.

Quando ci sono problemi ai reni, i valori di entrambe le sostanze tendono ad aumentare.

Esame dell'urea e della creatinina.
I reni sono organi filtranti. La misurazione dell’urea e della creatinina nelle urine ha la funzione di valutare il compito che gli organi devono svolgere.

Leggi anche: Creatina e salute renale: è sicuro assumerla?

Perché fare un esame di questo tipo?

L’esame dell’urea e della creatinina è richiesto quando la persona ha sintomi di uremia o se c’è una disfunzione renale ed è sotto trattamento medico, al fine di monitorarne l’efficacia o la risposta dell’organismo. Anche durante la dialisi.

Allo stesso modo, può essere raccomandato quando si soffre di una condizione che può influenzare l’aspetto o il peggioramento di una malattia renale. Oppure per valutare il funzionamento dei reni in pazienti con malattie croniche, come diabete, ipertensione e insufficienza cardiaca congestizia.

Viene fatto anche se c’è una storia familiare di problemi renali o se si verificano determinati sintomi, inclusi i seguenti:

  • Urina schiumosa.
  • Perdita di appetito.
  • Ritenzione idrica.
  • Dolore o bruciore durante la minzione.
  • Cambiamento di colore nelle urine.
  • Minzione frequente con ridotta quantità escreta.

D’altra parte, la maggior parte delle patologie che colpiscono il fegato possono influenzare i livelli di creatinina. Pertanto, se c’è una lesione o una malattia del fegato, potrebbe diminuire o aumentare la concentrazione di detta sostanza nelle urine.

Come si fa l’esame?

L’esame dell’urea e della creatinina può essere richiesto all’interno del cosiddetto profilo renale. Fa anche parte di un pannello metabolico completo, in cui vengono misurati elettroliti, minerali, proteine e glucosio nelle urine.

La creatinina e l’urea sono testate sia nel sangue che nelle urine. In questo secondo caso, il paziente deve raccogliere tutta l’escrezione in un contenitore per un periodo di 24 ore, conservando e mantenendo refrigerato il campione.

Non è richiesto alcun tipo speciale di preparazione. Tuttavia, per la creatinina, alla persona potrebbe essere chiesto di non mangiare carne rossa fino a 1 giorno prima del test.

Cosa indicano i risultati?

I valori considerati normali per l’urea e la creatinina nelle urine possono variare a seconda degli standard di un paese o anche da un laboratorio all’altro. Allo stesso modo, dalla tecnica utilizzata per la quantificazione.

La creatininuria normale varia tra 15 e 25 mg per ogni chilogrammo di peso del paziente, nelle urine delle 24 ore. Quelli di azoto ureico si trovano tra 12 e 20 grammi totali, escreti in 24 ore.

La creatinina può avere valori più bassi nelle donne.

Concentrazioni elevate possono significare una funzionalità renale compromessa. Anche se altri fattori influenti devono essere considerati, come l’età.

La concentrazione negli adulti di età superiore ai 60 anni è leggermente superiore.

Urea alta nelle urine

In determinate situazioni, i livelli di azoto ureico nelle urine possono essere elevati. Ciò può indicare che una grande quantità di questa sostanza viene metabolizzata dal fegato o che i reni non funzionano correttamente per filtrare le tossine.

Da parte sua, la diminuzione di questi livelli di solito non è motivo di preoccupazione. In effetti, è qualcosa di raro e può essere dovuto a una mancanza di proteine nella dieta, a uno scarso assorbimento o a un’eccessiva idratazione. Anche se ci sono anche altre cause, come la gravidanza e l’insufficienza epatica.

Tra le condizioni che possono determinare un aumento di urea nelle urine ci sono le seguenti:

  • Disidratazione.
  • Insufficienza renale.
  • Dieta ricca di proteine.
  • Infarto miocardico acuto.
  • Insufficienza cardiaca congestizia.
La disidratazione provoca uremia.
La disidratazione è in grado di alterare l’equilibrio dell’ambiente interno. In questa circostanza aumenta la concentrazione di sostanze che i reni dovrebbero filtrare.

Quando i livelli di urea aumentano, possono presentarsi la sindrome uremica o l’uremia.

Ceatinina alta nelle urine

Per quanto riguarda la creatinina urinaria elevata, può indicare una condizione temporanea, come gravidanza, elevato apporto proteico, intensa attività fisica e reazione ad alcuni farmaci.

Può anche essere il segnale di una malattia che colpisce la funzione renale:

  • Infezioni batteriche.
  • Malattie autoimmuni (come il lupus).
  • Arresto cardiaco.
  • Diabete.

Cosa fare se i valori di urea e creatinina nelle urine risultano alterati?

Una volta effettuato il test urinario e creatinina e conosciuti i risultati, sarà il professionista sanitario a determinare il trattamento da seguire. Questo, ovviamente, dipenderà dalla causa.

Se si tratta di una situazione associata a esercizio fisico, dieta o farmaci, la persona dovrebbe seguire le raccomandazioni del medico. Le insufficienze renali, invece, sono più complesse e richiedono una valutazione interdisciplinare.

Potrebbe interessarti ...
Gli antibiotici per le infezioni delle vie urinarie
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Gli antibiotici per le infezioni delle vie urinarie

Gli antibiotici per le infezioni delle vie urinarie si sono dimostrati i farmaci più efficaci per guarire e prevenire complicazioni.



  • Casamen Anasi A. Prevalencia de alteraciones séricas de urea y creatinina en adultos mayores con síndrome metabólico, atendidos en el Centro de Salud “A” Amaguaña durante el periodo enero-diciembre 2017. Quito: Universidad Central del Ecuador, 2018.
  • Estévez del Toro M, Chico Capote A, Jiménez Paneque R, et al. Supervivencia en pacientes cubanos con lupus eritematoso sistémico: influencia de las características iniciales de la enfermedad. Rev cubana med. 2008; 47(3). Disponible en: http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0034-75232008000300003&lng=es.
  • Iglesias P, Heras M, Díez J. Diabetes mellitus y enfermedad renal en el anciano. Nefrología (Madr.). 2014;  34(3): 285-292.
  • Lagos A. Determinación de cistatina C e identificación de la relación con la creatinina sérica en el diagnóstico de insuficiencia renal en pacientes con diabetes mellitus tipo 2. Ambato – Ecuador: Universidad Técnica, 2017.
  • Lou Arnal L, Campos Gutiérrez B, Cuberes Izquierdo M, et al. Prevalencia de enfermedad renal crónica en pacientes con diabetes mellitus tipo 2 atendidos en atención primaria. Nefrología (Madr.). 2010;  30(5): 552-556.
  • Meyer T, Hostetter T. Uremia. N Engl J Med. 2007; 357: 1316-1325. DOI: 10.1056/NEJMra071313
  • Ordóñez Sánchez J, Gallardo León J, Patiño Zambrano V, Alvarado Álvarez A. Nivel de creatinina en pacientes diabéticos hospitalizados en el área de clínica. RECIMUNDO: Revista Científica de la Investigación y el Conocimiento. 2017; 4(1): 610-617.
  • Rivas Liza L, Zavala Blas C. Niveles séricos de urea y creatinina en los pobladores adultos de 18-60 años de edad del Asentamiento Humano Virgen del Socorro – Parque Industrial – distrito La Esperanza – Trujillo. marzo del 2010”. Trujillo (Perú): Universidad Nacional, 2010.
  • Rosado Barzola E, Ramos Villalobos M. Relación de valores de la urea y creatinina en los adultos mayores de la Casa Hogar San Martin de Porres. Lima: Universidad Norbert Wiener, 2019.