Carenza di vitamina D nei bambini

Il problema della carenza di vitamina D è noto da tempo. Tuttavia, ha cominciato a destare maggiore interesse e preoccupazione solo negli ultimi tempi e, in particolare, quando riguarda i bambini.
Carenza di vitamina D nei bambini

Ultimo aggiornamento: 14 marzo, 2021

La ricerca sulla vitamina D negli ultimi tempi ha registrato un crescente interesse; in particolare, quella associata allo studio delle patologie legate alla carenza di vitamina D nei bambini.

Trattandosi di un problema in crescita, necessita di una considerevole attività di ricerca. Tuttavia, ciò che appare evidente, oltre all’accresciuto interesse, è che si tratta di un argomento controverso.

Gli specialisti, di fatto, non concordano ancora sulla tempistica nella prescrizione degli esami e dell’eventuale integrazione. Vediamo nelle prossime righe quali sono le problematiche legate alla carenza di vitamina D nei bambini.

Cosa si intende per carenza di vitamina D?

Si definisce carenza di vitamina D la riduzione dei livelli di questa sostanza, così benefica per la salute. In tal senso, la vitamina D svolge un ruolo importante nell’organismo: sia a livello del sistema nervoso, immunitario, muscolare, ecc.

Allo stesso tempo, la vitamina D permette all’organismo di assorbire il calcio, che, a sua volta, è un componente essenziale delle ossa. In tal senso, la vitamina D previene l’osteopenia, che in alcuni casi colpisce i bambini prematuri, come sostiene la US National Library of Health.

Parto prematuro.

Fonti di vitamina D

Per prevenire la carenza di vitamina D nei bambini, è fondamentale conoscere le fonti da cui ottenerla. In tal senso, può essere integrati in diversi modi:

  • Attraverso la pelle.
  • Con l’alimentazione e gli integratori.

Sebbene l’organismo sia in grado di produrre naturalmente la vitamina D attraverso l’esposizione alla luce solare, un’eccessiva esposizione, nelle ore meno consigliate, può causare problematiche come l’invecchiamento e il tumore della pelle.

Carenza di vitamina D e rachitismo

Come evidenziato dall’American Academy of Pediatrics, “Il rachitismo è una condizione che si manifesta con fragilità ossea nei bambini in via di sviluppo. Avviene quando le ossa non riescono ad assorbire sufficiente calcio e fosforo per fortificare le ossa. Benché il rachitismo abbia anche cause genetiche e metaboliche, quella più frequente è la carenza di vitamina D, che è all’origine al rachitismo nutrizionale”.

Il rachitismo è una malattia diffusa nei paesi in via di sviluppo o sottosviluppati. È caratterizzato da un ritardo nella crescita ed è accompagnato dalla deformazione delle ossa. In genere si manifesta nei bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 3 anni, che è la fase nella quale crescono più velocemente.

In tal senso, sempre lo stesso ente afferma che i bambini allattati al seno e che non assumono integratori di vitamina D sono esposti a un rischio maggiore. Il rischio è più alto se la madre del bambino è altrettanto carente di vitamina D.

Allattamento al seno.

Può interessarvi anche: Carenza di vitamina D: quali soggetti a rischio?

Eccesso di vitamina D: un problema da considerare

Secondo le informazioni riportate dalla US National Library of Medicine che abbiamo citati in precedenza, anche l’eccesso di vitamina D può essere dannoso per l’organismo. Ciò è noto come tossicità da vitamina D.

In tal senso, i sintomi dell’intossicazione da vitamina D, includono, tra gli altri:

  • Nausea.
  • Vomito
  • Inappetenza
  • Stipsi.
  • Debolezza.
  • Perdita di peso.

Oltre a ciò, troppa vitamina D può anche danneggiare i reni, oltre ad aumentare il livello di calcio nel sangue. L’ipercalcemia, può causare confusione, disorientamento e alterazioni del ritmo cardiaco.

Parallelamente, i ricercatori del Drug and Therapeutics Committee, Lawson Wilkins Pediatric Endocrine Society, chiariscono che è necessario rivedere le nostre conoscenze riguardo le fonti, naturali o meno, di vitamina D. Allo stesso tempo, è necessario conoscere i meccanismi attraverso i quali è possibile ottimizzare la sintesi e l’ingestione di tale vitamina.

Cos’altro sapere sulla carenza di vitamina D nei bambini?

È estremamente importante soddisfare il fabbisogno di vitamina D secondo i dosaggi espressi in unità internazionali. Per questa ragione è fondamentale non ricorrere all’autosomministrazione, bensì alla consulenza di un professionista.

Allo stesso tempo, non bisogna dimenticare che il mancato soddisfacimento del fabbisogno di vitamina D può essere dannoso quanto l’eccesso. Pertanto, è essenziale trovare il giusto equilibrio tra l’esporsi al sole in sicurezza e ottenere le adeguate quantità di vitamina D.

Ci auguriamo che queste informazioni vi siano state utili e contribuiscano ad aumentare le vostre conoscenze sull’argomento. Tuttavia, in caso di dubbi al riguardo, vi consigliamo di consultare il vostro medico affinché possa fornirvi una corretta diagnosi e il trattamento adeguato al caso, qualora necessario.

Potrebbe interessarti ...
La vitamina A: tutto quello che c’è da sapere
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
La vitamina A: tutto quello che c’è da sapere

La vitamina A è una vitamina liposolubile presente sia negli alimenti di origine animale che vegetale. Vediamo a che cosa serve.