Cause della ritenzione idrica

2 aprile 2018
Migliorare le nostre abitudini alimentari e fare attività fisica possono aiutarci a ridurre la ritenzione idrica. Se non basta, è conveniente andare dallo specialista per ottenere una diagnosi adeguata

La ritenzione idrica colpisce uomini e donne in tutto il mondo. Può presentarsi in momenti diversi della nostra vita. Le aree più colpite sono piedi, caviglie, mani o addome. Le cause della ritenzione idrica possono essere diverse.

Il nostro corpo è composto per il 70% da acqua. Tuttavia, se non circola e non viene distribuita in modo equilibrato all’interno dell’organismo, iniziamo a subirne le conseguenze.

Gli attori principali della regolazione dei liquidi corporei sono i reni e qualsiasi alterazione a questi organi può causare ritenzione idrica.

Cause della ritenzione idrica

Le cause della ritenzione idrica possono essere molto diverse tra loro. Alcune persone soffrono abitualmente di questa malattia. Tuttavia, non ne conoscono il motivo o semplicemente non adottano le dovute precauzioni per evitarlo.

È importante saper identificare le cause della ritenzione idrica per seguire il trattamento appropriato o semplicemente per prevenirla.

Leggete anche: Ritenzione idrica: 5 sintomi comuni

Ambiente circostante

Evitare la ritenzione idrica

Il calore eccessivo fa sì che i liquidi lascino i vasi sanguigni senza che i tessuti possano assorbirne la quantità necessaria.

Lavori che richiedono di passare molte ore nella stessa posizione e i lunghi viaggi, in cui si rimane seduti per ore, possono causare un accumulo di liquidi.

È chiaro che non possiamo cambiare la temperatura corporea. Si consiglia, però, di aiutare l’organismo con un maggiore apporto giornaliero di acqua.

Abitudini

Consigli per ridurre il consumo di sale

Le diete a base di alimenti con eccesso di sale e con poche proteine sono tra le principali cause della ritenzione idrica. L’eccesso di sodio altera il processo di regolazione dell’acqua.

Condurre una vita sedentaria influisce sul modo in cui i liquidi si depositano nel corpo. Le persone sedentarie sono le più propense a soffrire di questa condizione.

Fare brevi passeggiate, allungare gli arti o realizzare esercizi aerobici può aiutarci a promuovere il trasferimento di liquidi.

Cause ormonali

Il ciclo è solitamente accompagnato da ritenzione idrica causando infiammazione addominale. In questi casi si tratta di una situazione transitoria.

Durante la gravidanza le donne soffrono spesso di ritenzione idrica a causa dei cambiamenti ormonali. Ciò causa gonfiore a mani, motivo per il quale in molte devono rimuovere gli anelli, piedi e persino faccia. Per quanto possibile, la donna incinta deve rimanere fisicamente attiva.

È importante bere più acqua del solito e abbandonare il sale.

Altre malattie

Cos'è l'insufficienza renale acuta

La cirrosi ostacola la circolazione dei liquidi nel fegato. Pertanto, la ritenzione viene generata nell’addome e nelle estremità inferiori.

Sia l’insufficienza renale che quella cardiaca generano edemi in alcune aree, poiché i fluidi non possono muoversi liberamente.

Come abbiamo già spiegato, l’eliminazione dei liquidi tramite l’urina avviene a opera dei reni. Se questo processo viene alterato, i fluidi rimarranno in alcune zone intermedie.

È fondamentale realizzare un controllo specialistico in modo da poter iniziare, se necessario, un trattamento.  Sicuramente ai farmaci si aggiungerà un diuretico o una dieta basata su cibi drenanti.

Date un’occhiata a questo articolo: 6 alimenti che possono causare calcoli renali

Effetti collaterali

L’assunzione di farmaci a base di corticosteroidi, alcuni farmaci antinfiammatori o per il trattamento di malattie come il diabete può essere una delle cause della ritenzione idrica.

Per migliorare la nostra ritenzione idrica, è importante seguire una dieta equilibrata in quanto a proteine. Aiuterà anche limitare la quantità di sale nei nostri piatti.

Dobbiamo anche fare una passeggiata al giorno per promuovere la circolazione. Inoltre, è una buona idea alzarsi ogni ora della sedia e muovere le gambe.

In diverse aziende hanno incorporato una routine di esercizi per i loro dipendenti. 15 minuti da dedicare al proprio corpo a intervalli regolari.

È fondamentale riposare a sufficienza in modo che l’intero sistema si riprenda dalla giornata trascorsa. È possibile anche posizionare un cuscino sotto i piedi in modo che il sangue scorra più facilmente.

Oltre a modificare le nostre abitudini, è importante consultare un medico. Dopo aver individuato le cause della ritenzione idrica, questi potrà consigliarci il miglior trattamento.

Guarda anche