Ridurre il gonfiore dei piedi in gravidanza

1 Luglio 2020
La ritenzione idrica e il gonfiore degli arti inferiori sono disagi molto comuni nelle donne in gravidanza. Per fortuna, possono essere facilmente combattuti con dei semplici esercizi.

Quando una donna è incinta, l’acqua presente nel suo corpo aumenta da 6 a 8 litri, provocando di conseguenza un aumento della ritenzione idrica in diverse aree. Per combattere questo problema, presentiamo alcuni esercizi che aiutano a ridurre il gonfiore dei piedi in gravidanza.

L’assunzione di diuretici senza controllo medico, anche sotto forma di rimedi naturali, non è raccomandata durante la gravidanza, perché possono causare effetti indesiderati. È meglio praticare alcuni esercizi per ridurre il gonfiore dei piedi in gravidanza.

L’edema durante la gravidanza

L’edema è la prima conseguenza di una maggiore ritenzione idrica. Tuttavia, ci sono altri fattori che possono influenzarlo, come le alte temperature e lo stile di vita sedentario.

Con il progredire della gravidanza, e soprattutto a fine giornata, una donna incinta tende a soffrire di gonfiore agli arti inferiori a causa della ritenzione idrica. Nella maggior parte dei casi non si tratta di un problema serio o patologico, ma va comunque tenuto sotto controllo.

Il gonfiore dei piedi in gravidanza, di fatto, è un sintomo correlato all’aumento della pressione venosa nelle gambe e all’ostruzione del flusso linfatico.

Di certo deve essere tenuto sotto controllo quando è accompagnato da ipertensione o proteinuria (eccesso di proteine ​​nelle urine). In questi casi, potrebbe essere un segnale di altri problemi che è meglio far valutare dal medico.

Esercizi per ridurre il gonfiore dei piedi in gravidanza

Piedi gonfi durante la gravidanza
Il gonfiore dei piedi è comune in gravidanza, ma per fortuna può essere prevenuto e alleviato mediante alcuni esercizi.

Durante la gravidanza è consigliabile praticare attività fisica. Con questa buona abitudine è possibile ridurre il rischio di sovrappeso e disturbi come il diabete gestazionale, la preeclampsia, il parto prematuro, le vene varicose o il gonfiore in generale. Anche a livello psicologico può aiutare a prevenire l’ansia e la depressione.

Le donne incinte, tuttavia, devono adottare alcune precauzioni durante l’allenamento, per esempio evitare le attività ad alto impatto. Oltre a ciò, è bene non superare i tempi raccomandati dal medico.

Leggete anche: Preeclampsia e complicazioni in gravidanza

Aerobica in piscina

Gli esercizi in piscina sono un’ottima opzione per le donne in gravidanza. In particolare, fare aerobica in acqua può aumentare la produzione di urina e ridurre il gonfiore dei piedi durante la gravidanza.

Riduce l’impatto sulle articolazioni, migliora la circolazione e previene il mal di schiena. Si consiglia pertanto di eseguire sessioni di mezz’ora, purché non si avverta alcun disagio. In tal caso, si consiglia di interrompere.

Immersione

Se desideriamo sfruttare i benefici dell’acqua, una tecnica semplice e senza rischi per ridurre il gonfiore dei piedi in gravidanza è quella dell’immersione. Risulta anche molto rilassante per la donna nell’ultima fase della gravidanza.

Per eseguire correttamente l’immersione, la donna deve sedersi nella vasca da bagno con le gambe distese in avanti e l’acqua fino alla vita. Se ne avete la possibilità, potete anche immergervi fino ai piedi e alle spalle, per esempio al mare o in una SPA. La temperatura dovrebbe essere di circa 32 °C.

Leggete anche: Andare in una SPA con regolarità per 3 buoni motivi

Camminare per ridurre il gonfiore dei piedi in gravidanza

Camminare è uno degli esercizi più semplici ed efficaci per le donne in gravidanza che desiderano prevenire o ridurre il gonfiore dei piedi. Il rischio di lesioni o altri problemi è molto basso ed è piacevole e benefico per la salute generale.

Questa attività dovrebbe essere condotta in misura moderata, per mezz’ora più volte alla settimana. L’ideale sarebbe raggiungere i 150 minuti a settimana. Ma sempre nel caso in cui non vi siano complicazioni.

Potreste anche indossare delle calze a compressione che promuovono una buona circolazione e facilitano il ritorno venoso al cuore. Infine, prevengono la comparsa delle vene varicose.

Yoga prenatale

Yoga durante la gravidanza
Lo yoga prenatale offre grandi benefici alle donne in gravidanza, sia a livello fisico che emotivo.

Per finire, se preferite optare per un’attività guidata, potreste provare lo yoga prenatale. Questa disciplina assicura numerosi miglioramenti a livello fisico, mentale ed emotivo, oltre a combattere la ritenzione idrica nelle gambe e nei piedi.

Le famose posizioni yoga (asana) in questo caso si concentrano su tutte le peculiarità della donna incinta. Sono semplici e pensati per ridurre al minimo qualsiasi rischio durante la gravidanza.

Oltre a ridurre il gonfiore dei piedi in gravidanza, garantiscono molti altri benefici durante la dolce attesa e preparano al meglio al parto. Provateli!

  • Davison, J. M. (1997). Edema in pregnancy. Kidney International. Supplement.
  • Katz, V. L., Ryder, R. M., Cefalo, R. C., Carmichael, S. C., & Goolsby, R. (1990). A comparison of bed rest and immersion for treating the edema of pregnancy. Obstet Gynecol.
  • T., K., J., G., L., D., & V., K. (1999). Edema of pregnancy: A comparison of water aerobics and static immersion. Obstetrics and Gynecology.
  • Evenson, K. R., Chasan-Taber, L., Downs, D. S., Yeo, S., & Leiferman, J. (2012). Physical Activity and Pregnancy: Past and Present Evidence and Future Recommendations. Research Quarterly for Exercise and Sport. https://doi.org/10.5641/027013612804582669
  • Curtis, K., Weinrib, A., & Katz, J. (2012). Systematic Review of Yoga for Pregnant Women: Current Status and Future Directions. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine. https://doi.org/10.1155/2012/715942