Celecoxib: tutto quello che c'è da sapere

Il Celecoxib ha effetti antinfiammatori e analgesici simili ai FANS non selettivi; tuttavia, causa meno lesioni gastriche acute.
Celecoxib: tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2020

Il celecoxib è un farmaco che appartiene al gruppo degli inibitori selettivi della COX-2. Ha effetti antinfiammatori e analgesici simili ai FANS non selettivi; tuttavia, produce meno lesioni gastriche acute.

Viene prescritto per calmare il dolore, l’infiammazione e la rigidità causati da malattie articolari quali l’artrite, l’artrite reumatoide e la spondilite anchilosante.

È usato anche per trattare l’artrite reumatoide giovanile. Il celecoxib può essere prescritto anche per trattare cicli mestruali dolorosi. Infine, per calmare il dolore, a breve termine, nel post-operatorio o dopo altre procedure mediche o dentistiche.

Come assumere il celecoxib?

Prevenzione della artrite.

Questo farmaco si presenta in capsule per assunzione orale. Viene generalmente assunto una o due volte al giorno, sia a stomaco pieno che a stomaco vuoto.

Per non dimenticare di prendere il celecoxib, si consiglia di assumerlo circa alla stessa ora ogni giorno. Non aumentate o diminuite la dose, e non assumetelo più spesso di quanto indicato dal medico.

Nel caso in cui non sia possibile ingerire le capsule o se il trattamento è per un bambino, è possibile aprire la capsula e cospargere il contenuto sul cibo per ingerirlo insieme.

Poiché i rischi cardiovascolari del celecoxib possono aumentare con il dosaggio e con la durata del trattamento, deve essere assunto il dosaggio minimo giornaliero che risulti efficace. Oltre a ciò, la durata del trattamento deve essere la più breve possibile.

La risposta al trattamento deve essere rivalutata periodicamente, soprattutto nei pazienti con osteoartrosi per valutarne l’efficacia e la sicurezza.

Dosaggio a seconda della patologia da trattare

Per il trattamento dell’osteoartrosi, la dose giornaliera raccomandata è di 200 mg una volta al giorno o in due dosi. In alcuni pazienti, la dose può essere aumentata a 200 mg due volte al giorno per aumentare l’efficacia. Se non si osservano notevoli benefici terapeutici dopo due settimane di trattamento, è necessario valutare altre alternative terapeutiche.

La dose giornaliera iniziale raccomandata di Celecoxib per il trattamento dell’artrite reumatoide è di 200 mg da assumere in due dosi. Come nel caso dell’osteoartrosi, se necessario, la dose può essere aumentata a 200 mg due volte al giorno.

Se dopo 2 settimane non si osservano benefici terapeutici, si devono prendere in considerazione altre alternative terapeutiche. La dose massima giornaliera raccomandata è pari a 400 mg per entrambi i casi.

Controindicazioni di Celecoxib

Artrite alle mani.

L’uso di questo farmaco è controindicato nei casi di ipersensibilità al principio attivo, a uno qualsiasi degli eccipienti e ai sulfamidici.

È anche controindicato in caso di ulcera peptica attiva o sanguinamento gastrointestinale. È controindicato anche nel caso di pazienti che soffrono di asma, rinite acuta, edema, orticaria o altre reazioni di tipo allergico dopo l’assunzione di acido acetilsalicilico o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Il celecoxib è controindicato in gravidanza e alle donne che desiderano concepire. Sebbene il potenziale rischio di malformazioni durante la gravidanza sia sconosciuto, non può essere escluso.

Allo stesso modo, è controindicato in pazienti affetti da patologie come grave disfunzione epatica, disturbi renali, malattie infiammatorie intestinali, insufficienza cardiaca congestizia, arteriopatia periferica e/o malattia cerebrovascolare accertata.

Possibili effetti indesiderati

Celecoxib prescritto dal medico.

Come tutti i medicinali, anche il Celecoxib può avere effetti collaterali. A seconda della frequenza di comparsa stimata, sono classificati come segue:

Frequenti

  • Mal di stomaco, diarrea e gas.
  • Vertigini e insonnia.
  • Congestione nasale, sinusite e faringite.
  • Ritenzione di liquidi con edema.
  • Eruzione cutanea.

Poco frequenti

  • Ansia, depressione, stanchezza, visione offuscata, rigidità muscolare e sensazione di formicolio.
  • Anemia, problemi ai reni o al fegato.
  • Alta pressione sanguigna o un suo aggravamento, palpitazioni.
  • Infezioni urinarie e orali.
  • Reazioni cutanee come orticaria.

Effetti indesiderati rari

Questa sezione include effetti indesiderati come ulcere ed emorragie gastriche, perforazione intestinale, infiammazione dell’esofago e difficoltà a deglutire. Si ricordano anche pancreatite acuta, colite, stato confusionale, allucinazioni, perdita dell’udito e meningite asettica.

Ricordate sempre di consultare il vostro medico o il farmacista nel caso di comparsa di uno di questi sintomi.

Potrebbe interessarvi anche: Ulcere gastroduodenali, cosa sapere

Conclusioni sul celecoxib

Nonostante i diversi effetti collaterali del Celecoxib, in alcuni casi questo farmaco viene prescritto, perché i benefici dell’assunzione superano i possibili rischi.

Potrebbe interessarti ...
Qtrilmet: un nuovo farmaco per il diabete
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Qtrilmet: un nuovo farmaco per il diabete

Il qtrilmet è un farmaco somministrato per trattare il diabete. È composto da tre principi attivi: metformina, saxagliptin e dapagliflozin.



  • Puljak, L., Marin, A., Vrdoljak, D., Markotic, F., Utrobicic, A., & Tugwell, P. (2017). Celecoxib for osteoarthritis. Cochrane Database of Systematic Reviews. https://doi.org/10.1002/14651858.CD009865.pub2

  • Steinbach, G., Lynch, P. M., Phillips, R. K. S., Wallace, M. H., Hawk, E., Gordon, G. B., … Kelloff, G. (2002). The Effect of Celecoxib, a Cyclooxygenase-2 Inhibitor, in Familial Adenomatous Polyposis. New England Journal of Medicine. https://doi.org/10.1056/nejm200006293422603

  • Singh, G., Fort, J. G., Goldstein, J. L., Levy, R. A., Hanrahan, P. S., Bello, A. E., … Triadafilopoulos, G. (2006). Celecoxib versus naproxen and diclofenac in osteoarthritis patients: SUCCESS-I study. American Journal of Medicine. https://doi.org/10.1016/j.amjmed.2005.09.054