Che cos'è l'intersessualità?

Sapete che cos'è l'intersessualità? Ecco le sue caratteristiche, come viene classificata e alcune idee sbagliate in merito.
Che cos'è l'intersessualità?

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

Siamo abituati a interpretare la sessualità dal punto di vista del binarismo, cioè con le etichette uomo e donna. Negli ultimi decenni abbiamo assistito a un risveglio nel modo di catalogare i generi, in molti casi, supportato da prove scientifiche. Oggi vi parleremo di cos’è l’intersessualità e quali sono le sue caratteristiche.

Intersex è un’etichetta che prende le distanze da altre come transgender o transessuale. Tuttavia, spesso viene usata per riferirsi alla stessa cosa o si ignora completamente il significato.

Caratteristiche dell’intersessualità

Intersex o intersessualità è una parola generica usata per descrivere una varietà di condizioni caratterizzate da alterazione dell’anatomia sessuale, riproduttiva, ormonale o genetica. Ciò preclude l’uso dei classici standard maschili o femminili.

Il termine è relativamente nuovo. In un articolo pubblicato nel 2006, la Lawson Wilkins Pediatric Endocrine Society (LWPES) e la European Society for Pediatric Endocrinology (ESPE) hanno concordato di chiamare queste condizioni disturbi dello sviluppo sessuale.

L’uso di questa etichetta non è esente da controversie, dal momento che alcuni ricercatori la impiegano anche per raggruppare la sindrome di Klinefelter o la sindrome di Turner. Indipendentemente dalla nomenclatura, la caratteristica principale è l’ambiguità genitale, ormonale o genetica (quest’ultima genera più controversie).

Ad esempio, una persona può avere organi sessuali maschili all’esterno; ma all’interno organi femminili (o viceversa). Può anche riferirsi a quegli uomini con un pene molto piccolo o donne con un clitoride molto grande. Un disturbo nella sequenza genetica può generare cellule XX (maschili) o XY (femminili) nella stessa persona.

Classificazione

Se l’uso della terminologia è controverso, lo è anche la classificazione. Si parla, in genere di stati intersessuali.

Il problema è che, nonostante l’intersessualità sia stata oggetto di intenso studio, è una condizione che non ha parametri fissi di determinazione. In molti casi, come vedremo, l’assegnazione dell’etichetta intersessuale avviene in modo soggettivo.

Intersessualità.
La classificazione e la nomenclatura di queste condizioni sono ancora oggetto di discussione.

Pseudoermafroditismo maschile

Questo gruppo comprende persone con testicoli o organi genitali non completamente sviluppati. Ha anche sottocategorie (lieve, grave o atipico).

La condizione più importante in questa categoria è la sindrome da insensibilità agli androgeni, nota anche come sindrome di Morris. Alcune delle sue caratteristiche sono le seguenti:

  • Vagina cieca.
  • Assenza di peli sotto le ascelle e sul pube.
  • Livelli di testosterone simili a quelli di un uomo sano.

Pseudoermafroditismo femminile

È anche conosciuta come iperplasia surrenalica congenita o, in alcuni contesti, come sindrome adrenogenitale. Si divide in classico, lieve, mascolinizzante e atipico.

Alcune caratteristiche che si distinguono in questo gruppo sono le seguenti:

  • Fenotipo con caratteristiche maschili.
  • Vagina normale e utero nella forma classica o lieve. Nella mascolinizzazione, i genitali esterni tendono a svilupparsi con un aspetto maschile.
  • Clitoride ipertrofico.

Ermafroditismo vero

L’ermafroditismo si riferisce a soggetti nati con cellule sia ovariche che testicolari. Secondo le ricerche, i sintomi più comuni sono genitali ambigui, ipertrofia del clitoride e ipospadia (l’apertura dell’uretra non è alla punta del pene). In ogni caso, il paziente presenta sia i testicoli che ovaie.

Disgenesia gonadica

Infine, la disgenesia gonadica si riferisce a una varietà di condizioni caratterizzate da uno scarso sviluppo delle gonadi (ovaie o testicoli). I ricercatori sottolineano che la più comune è la sindrome di Turner, di cui abbiamo già parlato, con 1 caso ogni 2500 nascite.

Tra le sue caratteristiche distintive si evidenziano:

  • Assenza di pubertà.
  • Infertilità.
  • Infantilismo sessuale.
  • Assenza di caratteri sessuali secondari.
Cromosomi sessuali.
L’intersessualità genetica è la più discussa tra tutte, poiché non c’è chiarezza sulla sua classificazione e tipizzazione.

Queste quattro categorie sono usate per descrivere i casi intersessuali. Naturalmente, molti dei pazienti possono essere raggruppati in diversi di essi e le etichette a volte non sono sufficienti per descrivere completamente i casi.

Quanto è comune l’intersessualità?

Data l’ambiguità del termine intersex, poiché in molti casi la diagnosi è soggettiva, non si sa quanto sia comune. La biologa ed esperta di studi di genere, Anne Fausto-Sterling, ha proposto un paio di decenni fa, una stima di casi di intersessualità pari a circa l’1,7% della società.

Questa cifra non è priva di controversie. Alcuni ricercatori. affermano che la prevalenza è inferiore, poiché la cifra proposta da Sterling include condizioni che la maggior parte dei medici non riconosce come intersessualità. In questo caso, il numero reale potrebbe aggirarsi sopra lo 0,018%.

È importante aggiungere un’altra variabile: non tutte le persone intersessuali vengono diagnosticate. Molte, infatti, vivono tutta la vita senza essere consapevoli della loro condizione. Questo accade con i disturbi genetici o quelli in cui lo sviluppo genitale esterno non ha subito cambiamenti.

Idee sbagliate sull’intersessualità

All’inizio abbiamo detto che questo termine non va confuso con il termine transgender o transessuale. Un intersessuale non è un transgender, né è un transessuale.

Sebbene sia vero che una persona intersessuale possa identificarsi ad un certo punto della sua vita come transgender, ciò non implica che tutti i casi siano considerati o si considerino tali. Allo stesso modo, le opzioni di trattamento basate sulla chirurgia o sugli ormoni non implicano un cambiamento verso la transessualità.

Quest’ultimo fatto ci porta ad un importante equivoco, che sia una condizione da trattare sempre durante l’infanzia. Come sottolinea Amnesty International, le sue conseguenze si possono avvertire a livello psicologico, identità di genere, salute e vita sessuale. Molti degli interventi, in ogni caso, sono inutili o condizionano completamente il futuro del bambino.

Un altro equivoco è che tutti i soggetti abbiano un aspetto femminile o androgino. Molti casi di intersessualità non hanno nulla a che fare con l’aspetto fisico.

Sebbene abbiamo usato il termine ermafrodita nella classificazione, è una parola con cui pochissime persone intersessuali si identificano ed è usata solo nella letteratura medica.

Potrebbe interessarti ...
Asessualità: quando non c’è desiderio sessuale
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Asessualità: quando non c’è desiderio sessuale

Sembra impossibile che esistano persone che non provano desiderio sessuale, mancanza di attrazione... Tutto questo prende il nome di "asessualità".



  • Breehl, L., & Caban, O. Genetics, Gonadal Dysgenesis. StatPearls [Internet]. 2020.
  • Hughes, I. A., Houk, C., Ahmed, S. F., Lee, P. A., & Society, L. W. P. E. Consensus statement on management of intersex disorders. Journal of pediatric urology. 2006; 2(3): 148-162.
  • Sax L. How common is intersex? a response to Anne Fausto-Sterling. J Sex Res. 2002 Aug;39(3):174-8.
  • Yordam N, Alikasifoglu A, Kandemir N, Caglar M, Balci S. True hermaphroditism: clinical features, genetic variants and gonadal histology. J Pediatr Endocrinol Metab. 2001 Apr;14(4):421-7.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.