Cibi da evitare durante lo svezzamento

· 1 novembre 2018
Una delle preoccupazioni maggiori di una madre è nutrire bene il suo bambino. Ecco perché è importante sapere quali sono i cibi da evitare durante lo svezzamento

La lista dei cibi da evitare durante lo svezzamento è molto utile alle neo-mamme. La loro priorità è infatti proteggere e nutrire al meglio i propri figli durante la crescita.

L’alimento più nutriente e completo per i neonati è il latte materno. Tuttavia, con il tempo, bisogna includere gradualmente anche altri cibi, ugualmente necessari al loro sviluppo.

L’età ideale per iniziare lo svezzamento è a partire dai sei mesi. In questo periodo i bambini riescono già a stare seduti e possono assimilare in modo corretto gli alimenti. In generale, si tratta piatti semplici e leggeri, come omogeneizzati di frutta e verdura. Tuttavia, è bene ricordare i cibi da evitare durante lo svezzamento, perché potrebbero fare male.

Cibi da evitare durante lo svezzamento

Vi sono determinati alimenti che i bambini non dovrebbero mangiare prima dei 12 mesi. Ecco a seguire una lista utile per orientarvi durante lo svezzamento dei vostri piccoli.

1. Zucchero

Gli effetti negativi del consumo eccessivo di zucchero sono noti a tutti. Evitate di dolcificare pappe e bevande, altrimenti abituerete i vostri bimbi a consumare cibi dolci.

Un bimbo di pochi mesi non ha ancora sviluppato completamente il senso del gusto, perciò non distingue un alimento dolce da quello insipido. Tuttavia, se volete ugualmente dolcificare il cibo dei vostri bambini, potete usare una banana schiacciata o un po’ del vostro latte, evitando così la comparsa prematura di carie.

Bomba con gelato

2. Miele

Anche se può sembrare un’opzione naturale per dolcificare i cibi del bambino, vi invitiamo a non usarlo al posto dello zucchero. Il consumo di miele nei minori di un anno è stato associato al botulismo infantile (un grave problema che influisce sui muscoli, provocando costipazione intestinale  e difficoltà respiratorie).

Leggete anche: Essere una super mamma: 7 utili consigli

3. Sale

Come gli ingredienti che abbiamo già menzionato, anche il sale viene usato per dare più sapore ai cibi. Ed è ugualmente dannoso durante lo svezzamento. Evitate di includerlo nell’alimentazione dei piccoli, perché rappresenta un rischio per i loro reni.

reni di un bambino non sono ancora del tutto sviluppati, quindi non sono in grado di smaltire grandi quantità di sodio. Potrete cominciare ad aggiungere sale alle pietanze dei vostri figli quando avranno compiuto un anno.

4. Pesce, crostacei e molluschi

Anche se il pesce è considerato una fonte di proteine salutari, è tra i cibi da evitare durante lo svezzamento. Alcune specie, infatti, contengono un alto livello di mercurio, che può seriamente danneggiare il sistema nervoso del bambino.

Allo stesso modo, vi sconsigliamo di dare ai vostri figli crostacei o molluschi, a causa del loro contenuto di cadmio, che può compromettere le funzioni renali dei piccoli.

Pesci e crostacei

5. Latticini scremati

Nonostante il latte materno sia insostituibile, potete introdurre, con moderazione, anche altre fonti di grassi salutari di origine animale. Yogurt e formaggio sono una buona opzione.

Tuttavia, è bene evitare i latticini scremati, perché sono stati modificati per eliminare il grasso in eccesso, mentre è proprio in esso che si trovano le vitamine e le calorie fondamentali di cui i bambini hanno bisogno.

Leggete anche: I latticini prevengono davvero l’osteoporosi?

6. Alcune verdure

È vero che le verdure fanno bene ai bambini per il loro alto contenuto di principi nutritivi e vitamine, ma non tutte. Ecco quelle che dovrete evitare durante lo svezzamento:

  • Bietole;
  • Spinaci;
  • Alghe;
  • Borragine.

Queste verdure, infatti, contengono un’alta concentrazione di nitrati, sostanze che ossidano l’emoglobina e la trasformano in metaemoglobina. Questo disturbo compromette le mucose e provoca mancanza d’ossigeno nel sangue.

7. Bevande con caffeina

Non tutte le mamme conoscono gli effetti deleteri della caffeina sui neonati. Questa sostanza, presente nel caffè, nel tè e in alcune bibite, inibisce il corretto assorbimento di ferro e calcio. Inoltre, è responsabile della sovreccitazione del sistema nervoso del bambino.

8. Frutta secca, patatine e merendine industriali

La frutta secca è senz’altro uno dei cibi da evitare durante lo svezzamento. Le sue piccole dimensioni possono causare soffocamento. Potete introdurre questi alimenti più avanti, dopo i 5 anni e sempre sotto la vostra supervisione.

Anche le patatine e le merendine industriali vanno evitate, dato il loro elevato contenuto di zuccheri e additivi che possono danneggiare la salute del piccolo.

È basilare scegliere i cibi da dare ai bambini durante il loro primo anno di vita. È dunque importante conoscere i benefici che ciascun alimento può apportare alla loro salute e, in caso di dubbi, consultare sempre uno specialista.

Guarda anche